Redazione

Arriva il Balosconto: ridotta la squalifica a SuperMario

Arriva il Balosconto: ridotta la squalifica a SuperMario
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

 

Sconto alla squalifica di Balotelli

Sconto alla squalifica di Balotelli

MILANO, 19 APRILE – Il Milan e Balotelli possono parzialmente sorridere in vista delle prossime partite di campionato: Tosel, Giudice sportivo, ha accolto il ricorso del club di via Turati e ha graziato l’attaccante rossonero. La grazia non è però totale, infatti Super Mario salterà comunque il match dello Juventus Stadium contro i bianconeri e tornerà a disposizione dalla prossima partita contro il Catania. L’ex attaccante del Manchester City sarà comunque costretto a versare 20 mila euro di ammenda in commutazione della terza giornata di squalifica.

I FATTI –  Ricordiamo come è andata. Era la 31esima giornata di campionato ed il Milan e Balo erano di scena al Franchi di Firenze. Durante il match Super Mario viene ammonito e, diffidato, sarà costretto a saltare la partita successiva contro il Napoli. Al termine della partita Balotelli ha uno scontro verbale con Viviano e Doveri, arbitro addizionale, con una frase non molto cordiale verso quest’ultimo ( “Che c*** guardi?!“). L’arbitro del match, il signor Tagliavento, annota nel referto l’accaduto che letto dal Giudice Tosel frutta due giornate di squalifica, sommate a quella obbligatoria a causa dell’ammonizione durante il match. Il talento italo-ghanese e il Milan stesso partono subito sulla difensiva, proclamando ad alta voce un ricorso che è arrivato e come detto ha portato allo sconto della “pena”. Alla base del ricorso a Tosel la società rossonera ha presentato dei video e delle documentazioni per giustificare il nervosismo esternato dall’ex City nei confronti di Viviano e dell’arbitro addizionale. Infatti Balotelli durante la partita era stato ripetutamente “sfottuto” dal pubblico gigliato e stava facendo questo presente all’estremo difensore viola. “Nel sistema sportivo, quello che scrive l’arbitro nel suo referto fa prova a sè e non può essere contestato. Ma i cori razzisti contro SuperMario restano.  Un arbitro non si rimangia mai quello che ha scritto, per cui l’unica cosa che si può fare è insinuare il dubbio che non abbia sentito o capito un suono. Mario ha raccontato la verità, che non ha insultato nessuno. Abbiamo parlato anche delle questioni razziste e Mario, ed è la cosa che mi ha addolorato di più, ha giustamente detto: Iio sono italiano, sono i miei compatrioti che mi hanno indirizzato quei gestacci” cosi il legale del Milan Leandro Cantamessa.

Milan dunque felice di recuperare Balotelli in vista del match contro il Catania, ma amareggiato di non poterlo schierare già da domenica contro la Juventus.

Luca Bucceri

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *