Leonardo Andreini
No Comments

Fiorentina, Jo-jo e Ljajic credono nella Champions e contro il Torino ci saranno

Doppia seduta di allenamento per la formazione gigliata che si prepara alla delicata sfida casalinga di Domenica contro il Torino di mister Ventura

Fiorentina, Jo-jo e Ljajic credono nella Champions e contro il Torino ci saranno
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Fiorentina, Jo-jo e Ljajic credono nella Champions e contro il Torino ci saranno

Stevan Jovetic e Adem Ljajic due amici dentro e fuori dal campo

 FIRENZE 17 APRILE – Doppia seduta di allenamento per la formazione gigliata che si prepara alla delicata sfida casalinga di Domenica contro il Torino di mister Ventura. Tutti, o quasi, a disposizione dell’ aeroplanino Montella, ad eccezione di Jovetic che si è allenato a parte assieme al compagno di reparto Toni.

I GEMELLI DEL GOAL – Sono ben 19 le reti messe a segno dalla coppia Jovetic e Ljajic. Entrambi legati da un amicizia che va aldilà del terreno di gioco. Jo-jo, il “fratello” più grande si è fermato per un risentimento muscolare poco prima dell’intervallo contro il Milan, mentre Ljajic è alle prese con un affaticamento che però dovrebbe essere ormai acqua passata. Se tutto va come deve andare i due amici Domenica verranno schierati dal primo minuto, anche se mister Montella ha più volte ribadito che non c’è fretta ed è inutile rischiare.

Saranno due recuperi fondamentali specie quello di Adem che sta vivendo un momento letteralmente magico da quando è stato spostato da seconda punta a esterno sinistro d’attacco. Il Torino quindi è avvisato, Domenica non mancheranno le occasioni, se davvero la viola vuole provare la clamorosa rimonta ad opera del Milan.

UN DOPPIO DESTINO – Pensi a Jo-jo e Ljajic e automaticamente ti vien da dire Ramadami. Il procuratore dei due gioielli viola risponde a questo nome. Entrambi sono legati da contratti particolari e vale la pena specificarne la formula. Stevan ha una clausola rescissoria che si aggira sui 30 milioni, quindi qualsiasi squadra interessata a lui dovrà sborsare tale cifra; per Adem invece il discorso è diverso. Il giovane serbo è in scadenza di contratto e chiede un aumento sostanziale, ben oltre il milione e mezzo netto di stipendio. Cifre molto alte per due talenti veri e propri. Starà a Pradè e company capire se ne valga la pena, anche se i numeri e l’anagrafica danno ragione ai due calciatori.

A cura di Leonardo Andreini 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *