Redazione

Le pagelle di Genoa-Sampdoria 1-1: top Obiang, flop Icardi

Le pagelle di Genoa-Sampdoria 1-1: top Obiang, flop Icardi
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Le pagelle di Genoa-Sampdoria 1-1: top Obiang, flop Icardi

GENOVA, 14 APRILE – Genoa e Sampdoria hanno pareggiato per 1-1 un brutto derby della Lanterna, il 60esimo in Serie A. Al gol su calcio di punizione di Eder ha risposto con un cross sbagliato che si è infilato alle spalle di Romero Matuzalem.

TOP

Pedro Obiang – Partita incredibile del numero 14 blucerchiato: “Pedrito” lotta, conquista una infinità di palloni che smista sempre in modo intelligente.
Vargas – Inspiegabile la scelta di Ballardini di lasciare in panchina l’ex esterno della Fiorentina, pericolo costante con la sua velocità e con i suoi cross sul fianco destro doriano.
Il pubblico – Se il match è stato a larghi tratti davvero noioso, ciò non si può dire per gli spalti. Dal 1′ al 90′ (ma non solo) la gradinata Sud e la gradinata Nord hanno incessantemente sostenuto le due squadre, mostrando due coreografie spettacolari e canti a non finire. Il tutto condito con l’assenza di tafferugli prima e dopo della partita: lo spettacolo che vorremmo vedere in tutti gli stadi.

FLOP – Premettendo che nella categoria “Flop” andrebbero inseriti quasi tutti i giocatori, ecco i peggiori:
Mauro Icardi – Davvero inconsistente l’attaccante blucerchiato. Corre, lotta e prova a difendere palla, ma i risultati sono scarsi: Grandqvist e Manfredini lo imbrigliano troppo facilmente.
Marco Borriello – Stesso discorso di Icardi: corre e lotta (molti i falli dell’ex Milan), ma non combina nulla.
Estigarribia – Davanti inesistente, dietro inconcludente. E perde anche il pallone che poi Matuzalem trasformerà nel gol del pareggio.

Matteo Mistretta

Share Button

One Response to Le pagelle di Genoa-Sampdoria 1-1: top Obiang, flop Icardi

  1. Nazzareno Siccardi 15 aprile 2013 at 22:24

    La Samp si e’ dimostrata una squadra inconsistente, soltanto 3 giocatori all’altezza: Obiang, Poli, Eder

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *