Vincenzo Arnone

Le pagelle di Torino-Roma 1-2: Lamela meraviglia, Cerci funambolo

Le pagelle di Torino-Roma 1-2: Lamela meraviglia, Cerci funambolo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Alessio Cerci migliore in campo nelle nostre pagelle

Alessio Cerci, migliore in campo oggi

TORINO, 14 APRILE – Un Torino-Roma in cui non sono mancate le emozioni quello di oggi pomeriggio in casa dei granata. Ecco le pagelle di SportCafe24.

Gillet, voto 6,5 – Nel secondo tempo si trova spesso a dover fare i conti con le sfuriate offensive dei giallorossi ma limita i danni egregiamente.
Darmian, voto 6 – Copre bene e non disdegna le incursioni offensive. Una sicurezza per Ventura.
Ogbonna, voto 5,5 – A volte perde la bussola e corre qualche rischio. In pieno recupero prova, inutilmente, la stoccata vincente.
Glik, voto 6 – Poco colpevole sui due gol della Roma, bravo a rendersi pericoloso nei calci piazzati per la sua squadra.
Masiello, voto 5,5 – Senza infamia e senza lode, anche grazie alla mancanza di grossi pericoli dalle sue parti.
Gazzi, voto 6 – Più copertura che impostazione per lui. Non esita a metterci la gamba quando occorre, lasciandosi trascinare un po’ dalla foga.
Vives, voto 5,5 – Non spicca e non demerita, si becca un giallo sacrosanto per una trattenuta su Florenzi. Il calcio di punizione seguente esalta i riflessi di Gillet ma fa correre comunque un bel rischio ai suoi.
Cerci, voto 7 – Vera spina nel fianco della difesa della Roma, il palo gli nega due volte la gioia del gol. Uno spettacolo a getto continuo. Ovunque passi semina tempesta. Peccato che al Torino non basti.
Meggiorini, voto 5,5 – Prova abbastanza incolore dell’attaccante che spesso sembra un oggetto estraneo alla propria squadra. Dal 66′ Barreto, voto 5,5 – Il suo ingresso non cambia gli equilibri della gara.
Bianchi, voto 6,5 – Segna e mette più volte in difficoltà la retroguardia giallorossa. I problemi con Ventura sembrano risolti, per la gioia dei tifosi del Toro. Imprescindibile. Dal 76′ Jonathas, sv.
Santana, voto 6 – Meno brillante del suo dirimpettaio di fascia Cerci, ma apprezzabile per il coraggio con cui tira da fuori, senza impensierire però Stekelenburg. Dal 66′ D’Ambrosio, voto 6 – Un paio di conclusioni pericolose e una spiccata propensione offensiva che però non bastano ai suoi.

Stekelenburg, voto 6 – Nonostante i suoi compagni di reparto vadano spesso a farfalle, l’estremo difensore olandese si fa trovare sempre attento e bravo a sventare alcuni palloni pericolosissimi.
Piris, voto 6 – In copertura non è il massimo ma svolge il suo compito senza particolari problemi, più interessante in fase propositiva.
Burdisso, voto 5,5 – Il mancato intervento sul gol di Bianchi pesa come un macigno sulla sua prestazione. E’ l’emblema del nervosismo nello spogliatoio giallorosso.
Castan, voto 5,5 – Con Burdisso non forma sicuramente una delle coppie più impenetrabili della Serie A. Ha ancora bisogno di crescere e smaliziarsi un po’ per giocare ad alti livelli.
Balzaretti, voto 5 – Serve l’assist del vantaggio a Osvaldo ma si fa anche espellere dopo due ammonizioni più che evitabili, rischiando di vanificare il buon lavoro svolto dai compagni.
Bradley, voto 5,5 – L’americano manca soprattutto di continuità. Sicuramente oggi non è stata una delle sue giornate migliori.
Perrotta, voto 6 – Il centrocampista campione del mondo sembra vivere una seconda giovinezza, gara ordinata la sua. Dal 78′ Marquinho, sv.
Pjanic, voto 6,5 – Tiene in ordine la mediana della Roma, correndo, impostando e rintuzzando le sbavature dei suoi compagni di reparto, e spesso si rende pericoloso anche in avanti. Dal 54′ Totti, voto 6,5 – Appena entrato tocca un pallone che si rivela vincente per Lamela e pochi minuti dopo tira una punizione magistrale. Va bene il turn over ma rinunciare al Capitano è sempre un rischio.
Dodò, voto 5 – Il tecnico prova a schierarlo in posizione avanzata ma il giovane brasiliano, fortemente voluto da Zeman in estate, rimane un oggetto misterioso. Dal 63′ Florenzi, voto 6 – Il giovane centrocampista si fa vedere spesso in avanti, rivelando ottime intenzioni ma, ahimè, poca precisione. Un suo salvataggio sulla linea, però, vale quanto un gol.
Lamela, voto 7 – Lo stratosferico gol dell’argentino, che vale da solo il prezzo del biglietto, è il giusto coronamento di una partita giocata quasi sempre su alti livelli.
Osvaldo, voto 7 – Torna al gol dopo 77 giorni dall’ultima rete. Andreazzoli gli dà fiducia e l’italoargentino lo ripaga con una prestazione da leone, lottando su ogni pallone.

Vincenzo Arnone

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *