Redazione

Eurolega, rispettato il fattore campo, ok il Cska di Messina

Eurolega, rispettato il fattore campo, ok il Cska di Messina
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Rudy Fernandez, 15 per lui nella gara di Eurolega

Rudy Fernandez, 15 per lui nella gara di Eurolega

ROMA, 11 APRILE – Rispettato il fattore campo in tutte le Gare 1 dei playoff di Eurolega. Cska, Olympiakos e Real Madrid si portano 1-0 nelle rispettive serie, oltre al Barcellona che martedì sera aveva superato 72-70 il Panathinaikos dopo un overtime.

Il Cska di Ettore Messina vince agevolmente (89-78) contro il Caja Laboral, grazie alle buone prove dei due centri Kaun e Krstic (16 punti a testa), ben supportati dalle altre punte di diamante Weems (19) e Teodosic (17). Per i baschi, mai in partita, 17 di Causeur e 16 di Nocioni. Anche l’Olympiakos  si ritrova, durante l’Eurolega, in vantaggio nella serie battendo 67-62 l’Anadolu Efes Istanbul. I turchi sono rimasti in partita fino alla sirena finale ma poi si sono arresi sotto ai colpi di uno scatenato Printezis, da 26 punti in 24 minuti di utilizzo. L’ala della Nazionale ellenica, decisiva nella Finale dello scorso anno, è stato l’unico ad andare in doppia cifra in Eurolega per i Rossi del Pireo, sopperendo alla giornata storta del leader Spanoulis (9). Per l’Efes 17 di Gonlum e 10 di Lucas.

Al Palacio de DeporteS di Madrid, invece, nella giornata di Eurolega il Real asfalta il Maccabi Tel Aviv 79-53, trovandosi in difficoltà solo nel periodo di apertura (14-23). Raggiunto un vantaggio consistente, le merengues hanno amministrato il risultato continuando a macinare gioco davanti alla totale incapacità di reagire degli israeliani (nessuno in doppia cifra per loro). Per il Real Madrid 15 di Rudy Fernandez, 14 di Mirotic e 10 con 10 assist per Sergio Rodriguez.

Stasera al Palau Blaugrana andrà in scena il secondo atto della sfida tra Barcellona e Panathinaikos, mentre venerdì sera ci sarà la seconda sfida di queste tre serie.

Francesco Garibaldi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *