Leonardo Andreini

Galliani, raccoglie quel che ha seminato

Galliani, raccoglie quel che ha seminato
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Galliani, raccoglie quel che ha seminato

FIRENZE 9 APRILE – Sono passati due giorni dai ‘fatti del Franchi’, che hanno visto nel ‘cast dei protagonisti’ il vice presidente del Milan Adriano Galliani.

La cronaca dell’accaduto ormai è ben nota a tutti, inutile ripetersi, la cosa che però nessuno dice è che il signor Galliani già a partire da una settimana non ha fatto altro che provocare l’ambiente gigliato. Lo stesso amministratore delegato domenica scorsa ha avuto il coraggio di definire il torneo più bello e seguito d’Italia “un campionato falsato“; probabilmente il dirigente rossonero non si ricorda che una delle poche tifoserie che ha avuto “l’onore” di entrare nel nuovo impianto di Is Arenas è proprio quella della squadra per cui lavora. Sarebbe da ricordare, sempre al signor Galliani, che  lo stadio di Firenze non è il peggiore d’Italia, anzi. Probabilmente Galliani non ricorda che l’unica tifoseria, rivale, che rese omaggio a Paolo Maldini nella sua ultima apparizione in A fu proprio quella gigliata che, al termine del match nonostante la viola avesse perso, applaudì una bandiera come l’icona rossonera.

Prima di parlare di Firenze e di Fiorentina con la superficialità con cui Galliani lo ha fatto “si sciacqui bene la bocca e poi ci ripensi”. La violenza non è da utilizzare, sia ben chiaro, ma non facciamo passare la tifoseria viola, quella ricca in quanto l’accaduto è successo nel settore più costoso del Franchi, come violenta.

Leonardo Andreini

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *