Antonio Fioretto

Juventus-Bayern Monaco: vincere è l’unica cosa che conta. Conte col dubbio: 3-5-2 o 4-3-3

Juventus-Bayern Monaco: vincere è l’unica cosa che conta. Conte col dubbio: 3-5-2 o 4-3-3
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L'avvicinamento al match dei bianconeri. Conte col dubbio sul modulo anti-Bayern

Antonio Conte, tecnico della JuventusTORINO, 8 APRILE – C’è un dubbio amletico che alberga nella testa di Antonio Conte. I dubbi in realtà sarebbero molteplici, ma il primo e il più importante d’essi rappresenta la chiave di lettura della gara che il tecnico leccese e i suoi uomini si apprestano ad affrontare. Juventus-Bayern Monaco si giocherà tra poco più di 48 ore, precisamente mercoledi 10 aprile, alle ore 20.45. Gara affascinante, prestigiosa in quanto valida per il ritorno dei quarti di finale di Champions League. All’andata, come è tristemente noto, i bavaresi si imposero per 2-0, al termine di una gara dominata in lungo e in largo. L’obiettivo quindi è uno ed uno soltanto: vincere.

UNO BASENon è importante, ma è l’unica cosa che conta“. La storica citazione del presidentissimo Giampiero Boniperti, relativa ovviamente al vincere, fa da traino alla storia bianconera. Ed in questa occasione più che mai i bianconeri avranno l’obbligo di onorarla. Eppure, vincere potrebbe non bastare. Il passivo è pesante. Due gol da rimontare non sono pochi, soprattutto se di fronte ci sarà lo stesso Bayern ammirato all’andata. La Juve dovrebbe segnare tre gol senza subirne alcuno, o comunque finire con tre gol di scarto.

CREDIAMOCI! Lo Juventus Stadium è pronto alla bolgia. I tifosi, i giocatori e l’Italia intera sono pronti a trascinare la Juventus ad un traguardo storico, che consentirebbe alla Vecchia Signora di entrare nell’ elite del calcio europeo e mondiale. I sentori insomma sono positivi, nonostante tutto. Dalle parti di Torino ci credono un pò tutti. Così Chiellini: ” L’andata è stata una partita storta. Ho faticato a dormire la notte dopo. Ma noi non siamo quelli di martedì, abbiamo tanta voglia di voltare pagina e spero che quella di ritorno possa essere la partita della Juve. Il Bayern può contare su individualità pazzesche, sarà dura, ma abbiamo le nostre chances. È ancora presto per fare un bilancio della nostra Champions League: siamo ancora in ballo“. Parole al miele, che fanno ben sperare e ancor di più ben capire con quanta determinazione la Madama affronterà questo match.

SOLUZIONI In apertura, comunque, si sottolineavano i dubbi di Conte. In realtà, l’ex tecnico di Siena e Atalanta deve sciogliere il nodo legato al modulo. 3-5-2 o 4-3-3? O addirittura 5-4-1? Analizziamo le possibilità. Il 3-5-2 è lo schema scudetto. E’ anche quello maggiormente rodato e vedrebbe Vucinic e Quagliarella protagonisti dal primo minuto. Pogba e Padoin prenderebbero il posto degli squalificati Vidal e Lichtesteiner. E allora, cosa c’è da decidere? Il punto è che le due squalifiche suddette e la scarsa propensione europea del 3-5-2 potrebbero condurre Conte ad un cambiamento. Rispolverare il 4-3-3 è un’ipotesi concreta. Pirlo, Marchisio e Pogba a centrocampo, con Quagliarella, Vucinic e Matri a formare un pesantissimo tridente. Oppure, ipotesi più probabile, un 5-4-1 con Padoin, Barzagli, Bonucci, Chiellini e Peluso in difesa e con Marchisio, Pogba, Pirlo e Asamoah a centrocampo. Unica punta sarebbe Vucinic.

L’impressione alla fine è che Conte confermerà il 3-5-2 optando per la coppia offensiva Vucinic-Quagliarella. L’importante, comunque sia, è che l’atteggiamento sia diverso e opposto all’andata. Alle spalle dei bianconeri ci saranno milioni di italiani (si spera), in attesa di una fantastica rimonta.

Antonio Fioretto

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *