Leonardo Andreini

Serie A, il racconto degli anticipi della 31^ giornata

Serie A, il racconto degli anticipi della 31^ giornata
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

 

vucinic

TORINO 7 APRILE Hanno dovuto faticare più del previsto, ma alla fine la Juve è riuscita a battere il fanalino di coda Pescara, che ieri ha intrapreso una buona gara con un Pellizzoli tornato in auge dopo anni di anonimato. Nell’altro anticipo, quello giocato al Dall’Ara di Bologna, sono quattro le reti messi a segno, due per parte. Ma andiamo con ordine partendo dal match di Torino.

JUVENTUS-PESCARA 2-1 (28′ s.t.(rig.)Vucinic, 33′ s.t.Vucinic, 38′ s.t. Cascione)

La prima forza del campionato contro l’ultima in classifica. Ti aspetti la goleada e invece cosi non è. Il match si sblocca nel secondo tempo ma ci vuole un calcio di rigore, netto va detto, di Rizzo che cintura Vidal e finisce anzitempo sotto la doccia. Vucinic dal dischetto fa quello che fino a quel momento non era riuscito a fare e cioè segna battendo un superlativo Ivan Pellizzoli. Proprio quest’ultimo compie una vera e propria prova di carattere respingendo tutti, o quasi, i tiri dei bianconeri diretti verso la porta abruzzese. Risulterà difatti il migliore in campo. Dopo il goal del vantaggio juventino, sempre Vucinic, pochi minuti dopo trova il raddoppio con un preciso destro che beffa il portiere pescarese che nulla può. In tanti dopo il 2-0 immaginavano una goleada finale e invece il Pescara, buona la loro prova, trova con Cascione il goal della bandiera con un autentico bolide di sinistro. Vince la Juventus che per vincere lo scudetto deve conquistare ancora 12 importantissimi punti.

BOLOGNA-TORINO 2-2 Barreto(T) al 25′ p.t.; Kone(B) al 20′, Guarente(B) al 41′, Bianchi(T) al 49′ s.t.

Sa quasi di beffa il pareggio maturato dal Bologna nel match casalingo contro il Torino. Partono forte gli ospiti che dominano il primo tempo e siglano anche il goal del vantaggio con Edgar Barreto che approfitta di una respinta corta dell’estremo difensore rossoblù. Ci prova a più riprese il fantasista toscano Diamanti che però non ha fortuna. Si va al riposo con il Torino in avanti. Nella ripresa Pioli,  alza un po il baricentro del Bologna, scelta questa che si rivelerà azzeccata. I rossoblu infatti trovano il pareggio con Kone, sempre più decisivo, che beffa Gillet. Bologna che addirittura trova il vantaggio con Guarente, subentrato da poco, che in mischia trova il goal del provvisorio 2-1. Proprio quando il Bologna stava per accarezzare l’ebrezza della vittoria ecco che una deviazione di Rolando Bianchi mette fine alla parola vittoria bolognese pareggiando e facendo conquistare un punto d’oro alla sua squadra.

A cura di Leonardo Andreini

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *