Vincenzo Galdieri

Juventus-Pescara 2-1: Vucinic campione, Pelizzoli in Hd. Le pagelle

Juventus-Pescara 2-1: Vucinic campione, Pelizzoli in Hd. Le pagelle
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

matri e vucinic JUVENTUS

STORARI 6 – Sorpreso dall’eurogol di Cascione, risponde bene nelle altre occasioni. Vice di qualità.

BONUCCI 6,5 – Unico titolare dei magnifici 3, guida alla grande la difesa. Sicurezza assoluta. Dall’85’ ISLA sv

MARRONE 6,5 – Con personalità e tecnica, distribuisce palloni fungendo da playmaker arretrato.

PELUSO 6 – Tiene bene a bada chiunque passi dalle sue parti, non si azzarda ad avanzare in quasi nessuna circostanza.

LICHSTEINER 7 – Corridore provetto, con i suoi movimenti continui e puntuali stimola l’ingegno di Vucinic: il montenegrino sa che se gli viene in mente di inventare qualcosa e da quelle parti passa Lichsteiner, quasi sicuramente l’idea andrà a buon fine. La Juventus per una partita dovrà fare a meno di lui: come si sostituisce col Bayern?

VIDAL 7,5 – Va bene, il Pescara non sarà stato il Bayern ma a lui poco importa: gioca sempre su livelli di eccellenza assoluta. Con un paio di imbucate va vicino al gol, ma Pelizzoli in formato Superman gli nega la gioia del gol. Si procura il rigore col quale Vucinic sblocca la partita. Corre sempre, randella e ricama, fa di tutto. Con i bavaresi sarà dura rimpiazzarlo, ma per il finale di stagione Arturo è carico come non mai.

GIACCHERINI 7 – Risponde a chi dice che non merita la convocazione in Nazionale con una grandissima prova. Un paio di tiri fantastici gli vengono respinti dall’incredibile Pelizzoli, a centrocampo si sdoppia in maniera encomiabile. Rincalzo di qualità.

POGBA 6 – Sprazzi di classe uniti a strane amnesie. Probabilmente ha già la testa al Bayern: sarà la sua grande occasione.

ASAMOAH 6 – Prova a superare in dribbling gli avversari con scarsi risultati. Però corre parecchio: sta tornando in forma.

GIOVINCO 6 – S’infortuna quasi subito, prima spreca qualcosa. Dal 32′ QUAGLIARELLA 6 – Vivace, prende un palo e nei primi minuti è concentratissimo. Poi si scioglie un po’, ma rimane il favorito per giocare vicino a Re Vucinic col Bayern.

VUCINIC 7,5 (IL MIGLIORE) – Uno spettacolo. Sembra assentarsi, ma poi ti tira fuori la giocata geniale. Tre volte manda in porta i compagni con passaggi mirabolanti, ma Pelizzoli riesce sempre a salvare la sua porta. Allora decide che ci deve pensare in prima persona: prima segna su rigore, poi tira fuori dal cilindro un’azione gol fantastica conclusa con un preciso fendente che si insacca all’angolino. Un campione vero: occhio Bayern, questo qua all’andata ha giocato soltanto 20 minuti. Dal 79′ MATRI 6,5 – Sembra in gran forma: è pronto pure lui per il Bayern.

All. CONTE 7 – Bene la gestione delle energie, benissimo per la carica che riesce ad imprimere alla squadra. Gli abbracci ‘maschi’ con Vucinic simboleggiano quanto Antonio creda alla grande impresa col Bayern. Sa di aver sbagliato qualcosa all’andata, vuole assolutamente riscattarsi. Questa Juventus non può permettersi di uscire dall’Europa come se niente fosse, è un top club mondiale e vuole provare a dimostrarlo con una grande vittoria in Champions League.

PESCARA

PELIZZOLI 7,5 (IL MIGLIORE) – E’ assolutamente in forma galattica, tant’è che ci sta paragonarlo a Casillas per una sera. Pelizzoli in Hd, che fa sognare al Pescara un punto allo Juventus Stadium. Su Vidal e Giaccherini è strabiliante, para tutto ed il contrario di tutto. Vucinic riesce a batterlo su rigore prima e con un tiro precisissimo poi. Protagonista di una partita mirabolante, probabilmente sarà arrabbiato con se’ stesso per non aver preso l’imparabile.

ZANON 6,5 – Se la cava egregiamente, contenendo bene e non sbagliando niente.

KROLDRUP 6,5 – Giganteggia dietro, fa una gran bella figura. La Juventus segna dopo la sua sostituzione. Dal 70′ ARCE sv

CAPUANO 6 – Anche lui non demerita, sebbene giochi un livello sotto ai suoi compagni.

MODESTO 5 – Lichsteiner non gli fa capire niente: partita no.

TOGNI 6 – Piede educato, passo felpato. Non un velociraptor, ma in mezzo non sfigura.

RIZZO 4 – Non gioca una partita sufficiente, la rovina definitivamente con il fallaccio da rigore su Vidal.

SCULLI 6,5 – Un bel tiro, palloni gestiti con qualità e sagacia. Predica quasi nel deserto.

QUINTERO 5-  La brutta copia del giocatore ammirato nelle prime partite in Serie A. Dal 61′ BJANARSON 6 – Molto agonismo, poco arrosto.

CAPRARI 5 – Timido ed impacciato, il talento c’è ma la personalità deve uscire allo scoperto. Dal 67′ CASCIONE 7 – Se vede Juventus si accende: un altro gol mirabolante.

SFORZINI 5 – Si impegna all’inverosimile, ma spreca una delle poche palle gol vere del Pescara.

All. BUCCHI 6,5 – Encomiabile per come organizza la difesa. Col materiale a disposizione non poteva davvero fare di più.

A cura di Vincenzo Galdieri 

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *