Massimiliano Riverso

Beckenbauer su Buffon: L’arroganza di chi pensionato già lo è

Beckenbauer su Buffon: L’arroganza di chi pensionato già lo è
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Dal 'kaiser' alla Merkel, dalla Champions League alla crisi dell'euro, il canovaccio resta sempre lo stesso: denigrare tutto quello che ha un minimo di sembianza italica

Alaba ha tirato da 120 metri, Buffon sembrava un pensionato. Non si arrabbi, ma doveva prendere quel tiro. Forse non pensava che Alaba calciasse da lì. Comunque la Juve in tutta la partita non ha avuto una limpida palla-gol

In perfetto stile teutonico, Franz Beckenbauer ha estratto dal cilindro una delle dichiarazioni più subdole della sua carriera.

Beckenbauer pensiona Buffon, la solita arroganza tedescaDal ‘kaiser’ alla Merkel, dalla Champions League alla crisi dell’euro, il canovaccio resta sempre lo stesso: denigrare tutto quello che ha un minimo di sembianza italica. La ‘dittattura economica’ imposta dalla Germania al nostro Paese è ormai un dato di fatto: speculazione, spread btp-bund e prossimi prelievi forzati dai conto correnti italiani sono tutti strumenti architettati ad hoc dalla Bce per trasferire denaro nelle case della Deutsche Bank. Ma ‘sputtanarci‘ anche sul calcio è troppo.

Il presidente del Bayern Monaco, probabilmente, non ha ancora digerito le lezioni di calcio impartite dagli Azzurri ai Mondiali 2006 in Germania e ai recenti Europei 2012. Franz ha ancora il groppone in gola per la doppietta di Milito al Bernabeu e la remuntada firmata da Pandev all’Allianz Arena ai tempi di Leonardo. E potrei continuare all’infinito riesumando le vittorie di Milan e Juventus in campo internazionale.

L’eleganza che contraddistingueva il ‘Kaiser’ sul rettangolo di gioco si è tramutata nella più infima volgarità da bar, una caduta di stile senza precedenti per un’icona della storia del calcio. La solita arroganza dei tedeschi dopo un mezzo trionfo.

Caro Franz, il ritorno allo Stadium sarà il vostro incubo…

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *