Vincenzo Galdieri

Inter-Juventus 1-2, le pagelle: Matri e Quagliarella magistrali

Inter-Juventus 1-2, le pagelle: Matri e Quagliarella magistrali
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Matri e Quagliarella, coppia gol della Juventus

Matri e Quagliarella, protagonisti contro l’Inter

JUVENTUS

BUFFON 7 – Altrochè giocatore sul viale del tramonto. Respinge l’Inter in ogni modo, con una reattività incredibile. Tre parate da campione, almeno. Il Bayern è avvisato.

BONUCCI 6,5 – Tiene bene a bada Palacio, e non era facile. Sul gol non ha colpe.

BARZAGLI 6,5 – Partita monumentale, eccezion fatta per una sbavatura che poteva costare il risultato. Ma rimediano i suoi compagni.

CHIELLINI 6,5 – Duella di fisico con chiunque gli capiti a tiro, vincendo spesso e volentieri la disputa.

ASAMOAH 6,5 – Corre, è grintoso e determinato. Non ai livelli di inizio stagione, ma comincia ad avvicinarcisi. Dal 67′ PELUSO sv

PADOIN 6,5 – Chiamato a sostituire Lichsteiner, lo fa egregiamente. Gregario sempre più utile, ammirevole per dose di impegno.

MARCHISIO 6,5 – Sublimi alcune sue giocate, sempre presente in mezzo e negli inserimenti.

PIRLO 6,5 – Come di consueto fa girare la squadra a suo piacimento, gli concedono anche parecchia libertà. Non inventa niente di speciale o geniale, ma gioca una quantità innumerevole di palloni sbagliando quasi mai.

VIDAL 7 – Guerriero nato, queste partite fanno per lui. Si sbatte avanti ed indietro, con gli avversari che lo vedono sbucare in ogni dove. Avvia con un gran passaggio l’azione del gol vittoria.

QUAGLIARELLA 7,5 (IL MIGLIORE) – Pronti via e segna un gol da cineteca, come se niente fosse. Poi partecipa in maniera attiva ad ogni azione, fino a quando non trova addirittura l’assist spettacolare da esterno puro per il gol di Matri. Conte ci pensi bene, uno di questo livello non può continuare a stare in panchina. Dall’84’ GIOVINCO sv

MATRI 7,5 – Formidabile, magistrale, goleador. Matri è tornato a splendere, e con Quagliarella si trova alla perfezione. Una meraviglia di connessione tra i due il gol del 2-1, quello della vittoria firmato da Alessandro. Tornato a segnare gol decisivi, tornato a segnare una partita si e l’altra pure. Chi gode di più è Conte, che ha sempre creduto in lui. Dal 79′ POGBA sv

All. CONTE 7,5 – E’ diventato uno dei migliori allenatori al mondo. Incredibile come la sua Juventus entri sicura di se’ a casa dell’Inter ed imponga il proprio gioco con naturalezza disarmante. Si impadronisce della partita sin da subito, e la vince giustamente. Dislivello incredibile tra i bianconeri e le inseguitrici, ma il merito, oltre che dei giocatori, è soprattutto suo. Conte lo vuole tutto il mondo, adesso, ma lui vuole la Vecchia Signora. E la vuole portare a vincere tutto. Tra tre giorni c’è il Bayern, ma i suoi entrano concentrati e carichi come se la partita fondamentale fosse questa, più che quella dell’Allianz Arena. Soltanto un grande allenatore può riuscire ad imporre una mentalità del genere. Adesso però è arrivato il momento della verità: in Italia non c’è storia, in Europa la storia bisogna scriverla.

A cura di Vincenzo Galdieri

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *