Redazione

Playoff Nba, la situazione dopo una settimana di gare

Playoff Nba, la situazione dopo una settimana di gare
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Messina in vantaggio 2-0 su Gallinari. LeBron James domina i Knicks, zoppicano i Clippers

LOS ANGELES, 3 MAGGIO– Dalla sfida tutta italiana tra Gallinari e Messina alla follia di Stoudemire. Dal record di stoppate di Bynum alla rimonta clamorosa dei Clippers, Entrano nel vivo le gare di primo turno dei playoff Nba. In controllo Lakers e Miami, qualche difficoltà in più per i Clippers e i Chicaco Bulls. Questo il dettaglio della situazione dopo le prime gare, sfide al meglio delle 7 gare.

WESTERN CONFERENCE

Los Angeles Lakers – Denver Nuggets 2-0

La sfida che più riguarda l’Italia. Danilo Gallinari dei Nuggets contro Ettore Messina, assistant coach dei Los Angeles Lakers. Le due gare disputate in California hanno premiato la squadra di Kobe Bryant con Denver a recriminare per qualche errore al tiro di troppo. Gallinari in gara due ha chiuso con 13 punti e 8 rimbalzi ma appena 5/18 al tiro. La copertina dei primi due confronti è andata però a Andrew Bynum, centro dei Lakers che in gara-1 hastabilito con 10, il record di stoppate per una gara di playoff oltre ad aver messo a segno una tripla doppia. Nonostante il doppio svantaggio Gallinari si mostra comunque fiducioso: “Ci crediamo ancora, se riusciremo ad alzare le percentuali sono sicuro che vinceremo”.

Oklahoma Thunders – Dallas Mavericks 2-0

Prime due gare entrambe risolte sul filo di lana, prima da una magia di Kevin Durant, che con un canestro a un secondo dalla fine decide gara-1, poi con i quattro tiri liberi di Harden che suggellano in gara-2 il 102-99 finale. Già da stanotte a Dallas i campioni in carica guidati da Nowitzky proveranno ad avvicinarsi ai giovani rampanti di Oklahoma, che trascinati dalla “coppia terribile” Durant-Westbrook sogna in grande. E’ la quarta volta nella storia dei playoff che i campioni in carica sono sotto 2-0 al primo turno. Nessuno è mai riuscito a rimontare e a passare il turno.

S.Antonio Spurs – Utah Jazz 2-0

Serie in netto controllo da parte della migliore squadra della stagione regolare. Gli uomini di Popovich (votato miglior allenatore dell’anno) ottengono una larga vittoria con Utah anche in gara-2 della serie: 104-83 il punteggio finale. Un punteggio che rappresenta la seconda sconfitta più umiliante nella storia dei Jazz dal 1998.

Memphis Grizzlies – Los Angeles Clippers 1-1

Unica serie in equilibrio ad Ovest quella tra i Clippers e i Grizzlies. Memphis dopo aver sciupato un vantaggio di 27 punti in gara-1, subendo la rimonta clamorosa dei losangelini negli ultimi 8 minuti di gara, controlla gara-2 vincendo per 105-98 nonostante i 29 punti di Chris Paul. Per i Grizzlies ottima prestazione di May, leader di squadra con 21 punti.

EASTERN CONFERENCE

Chicago Bulls – Philadelphia 76ers 1-1

Sul confronto pesa come un macigno l’infortunio subìto in gara-1 da Derrick Rose, guardia dei Chicago Bulls, mvp del 2011. Senza il suo faro, peraltro già assente per infortunio per gran parte della stagione regolare, la squadra di Chicago ha perso gara 2 per 92-109 con i 76ers guidati dai 26 punti di Jrue Holiday e i 20 di Lou Williams.  Ora si vola a Philadelphia per due gare. Si torna in campo domani.

Miami Heat – New York Knicks 2-0

Anche in questa serie è un infortunio a dominare la scena. In questo caso un incidente non di gioco. Amare’e Stoudemire, centro dei Knicks si è tirato fuori dai giochi procurandosi una frattura alla mano sinistra a causa di un pugno a un vetro di un estintorie. La squadra di New York già sfavorita e senza Lin perde così un altro uomo chiave del suo lineup. Le speranze residue sono affidate a Carmelo Anthony e alla sua capacità di prendere in amno la squadra da solo, ma contro Wade e LeBron James l’impresa è davvero ardua. Nelle due gare sin qui disputate gli Heat si sono imposti con 33 e 20 punti di scarto, difficile pensare che il trend possa cambiare nelle due gare da giocare nella Grande Mela.

Indiana Pacers – Orlando Magic 2-1

Dopo la sconfitta in gara-1 tra le mura amiche, Indiana ribalta il punteggio e passa in vantaggio 2-1 nella serie. I 26 punti di Danny Granger e la doppia doppia di Roy Hibbert (18 punti e 10 rimbalzi) consegnano la gara-3 nelle mani dei Pacers che espugnano Orlando per 97-74. I Magic che dovranno far a meno di Dwight Howard per tutta la durata dei playoff sembrano pagare troppo dazio a rimbalzo (46 a33 il divario in favore dei Pacers).

Atlanta Hawks – Boston Celtics 1-1

L’espulsione di Rajon Rondo in gara-1 per aver spinto un ufficiale di gara e la conseguente squalifica per una giornata non ha penalizzato più di tanto la squadra “verde” che è riuscita a battere in gara-2 gli Hawks per 87-80. La squadra di Boston, rivitalizzata in stagione dallo spostamento di Garnett al centro della difesa potrebbe essere favorita anche dall’infortunio di Josh Smith, ala di Atlanta da 19 punti e quasi 10 rimbalzi di media in stagione. L’infortunio al ginocchio potrebbe costare l’intera serie dei playoff al miglior realizzatore degli Hawks.

a cura di Davide Mancuso

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *