Redazione

Serie B: rivoluzione storica promossa dall’Assemblea di Lega

Serie B: rivoluzione storica promossa dall’Assemblea di Lega
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Tetto salariale e contingentamento delle rose

Andrea Abodi, presidente della Lega di Serie B

Andrea Abodi, presidente della Lega di Serie B

ROMA, 27 MARZO – Storica e rivoluzionaria decisione per la Serie B, istituzione guidata da Andrea Abodi e Paolo Bedin: l’Assemblea di Lega ha approvato, all’unanimità, il tetto salariale per i nuovi contratti firmati dai giocatori a partire dal prossimo luglio: 150.000 euro lordi per la parte fissa degli emolumenti, ed altrettanti per quella variabile (bonus, premi, ndr) per un massimo di 300.000euro all’anno.
Le società che non rispetteranno tali regole subiranno una decurtazione delle risorse derivanti dalle mutualità, in misura uguale allo sforamento: di questi, il 50% finirà in parti uguali, mentre il restante 50% sarà finalizzato alla crescita dei vivai giovanili, allo sviluppo infrastrutturale e a politiche di integrity. In particolare sono previsti premi alle squadre associate che raggiungeranno le final eight dei campionati Primavera, Allievi e Giovanissimi. Tutto ciò è solo il primo passo verso quella salvaguardia economica- finanziaria necessaria per il nostro calcio.

RIVOLUZIONE NELLE ROSE – La rivoluzione della serie B non riguarda solo i compensi, ma anche le rose, infatti è stato stabilito un contingentamento delle rose già a partire dalla stagione 2013/14: l’assemblea ha stabilito che potranno essere tesserati 18 over 23, 2 under 23, 2 giocatori bandiera e un numero illimitato di under 21. Il numero massimo di giocatori tesserabili sarà quindi di 22, lasciando fuori dal conteggio gli Under 21 che serviranno per rinforzare la rosa e soprattutto per la valorizzazione dei giovani talenti, utili tra l’altro anche alle varie Nazionali. Dalla stagione 2014/15 il numero dei giocatori sopra i 21 anni scenderà da 22 a 20.

Sempre all’interno dell’assemblea di Lega, è stato introdotto il discorso del Marketing associativo: attraverso il progetto B Club la Lega Serie B intende raddoppiare i ricavi da vendite di spazi commerciali, grazie a un nuovo format tecnologico sui campi e a una gestione centralizzata di diversi e ulteriori spazi, che andranno a creare nuovi format di sponsoring. L’Assemblea ha dato il via libera per l’individuazione dell’advisor che sarà il partner della Lega nei prossimi quattro anni.

Deciso il presidente della Lega di Serie B, Andrea Abodi, nelle sue dichiarazioni: Queste nuove regole ci consentiranno di fare ulteriori passi avanti nella direzione della tutela del patrimonio finanziario delle nostre società, instaurando e sviluppando quel circolo virtuoso di conto economico che mira alla sostenibilità del sistema”.

La rivoluzione calcistica della Serie B non si fermerà qui, ma riguarderà anche i nuovi criteri di ridistribuzione dei ricavi provenienti dalla mutualità, nuovo format del campionato.

Massimiliano di Cesare

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *