Vincenzo Arnone

Calciomercato Juventus: Jovetic o Sanchez, è tempo di scegliere

Calciomercato Juventus: Jovetic o Sanchez, è tempo di scegliere
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Sanchez e Jovetic, possibili stelle per la Juventus

Alexis Sanchez e Stevan Jovetic

TORINO, 26 MARZO – Se ieri abbiamo affrontato e approfondito il discorso Suarez, oggi passiamo a parlare di altre due frecce che Antonio Conte potrebbe inserire nella sua faretra, quindi Jovetic e Sanchez, altri due papabilissimi top player.

IL COLORE VIOLA – Il tecnico bianconero stima molto il giovane montenegrino in maglia viola, non è un mistero. Come non lo è la freddezza dei rapporti tra le due società dopo il caso Berbatov (che secondo chi scrive non aveva la minima intenzione di venire in Italia già dall’inizio). Marotta punta sulla volontà del giocatore di lasciare Firenze a caccia di maggiori soddisfazioni e sull’esistenza della clausola rescissoria del suo contratto. Si dice che il suo ammontare sia di 30 milioni di euro ma i suoi termini non sono mai stati del tutto chiari, con la società gigliata che non ha mai ammesso l’esistenza di un simile accordo, forse anche per rendere meno appetibile la trattativa. Sulla volontà di Jovetic sta facendo leva anche Mirko Vucinic che, approfittandi degli impegni comuni in Nazionale, starebbe facendo di tutto per convincere il giovane attaccante a percorrere la strada che fece ai tempi anche Roberto Baggio. Ma Jovetic vuole realmente lasciare Firenze? Probabilmente no. La Fiorentina di Vincenzo Montella è una squadra piuttosto giovane e altrettanto ambiziosa. Il lavoro di Pradè nell’ultimo mercato estivo è stato egregio (a parte il pasticciaccio brutto dell’aereo del bulgaro) e dalle parti del Franchi si comincia ad avvertire l’entusiasmo per un giocattolo che potrebbe essere ulteriormente migliorato, magari grazie anche ai milioni che potrebbero arrivare dall’Uefa in caso di qualificazione alle coppe. A ben guardare, la squadra attuale avrebbe sicuramente ben figurato anche nell’Europa League di questa stagione, come sta facendo la Lazio di Petkovic. Jovetic vorrà davvero lasciare a metà un progetto che potrebbe rivelarsi vincente? Non è assolutamente detto, quindi i bianconeri si stanno muovendo anche in un’altra direzione.

E’ SANCHEZ QUELLO GIUSTO? – Sono passati quasi due anni dal passaggio di Sanchez dall’Udinese al Barcellona. Pur non mancando le pretendenti per il cileno sul suolo nostrano, nulla poterono le nostre squadre contro i 40 milioni offerti dai catalani alla famiglia Pozzo per un giocatore di bellissime speranze, rimasto però invischiato nella palude dell’eccessiva concorrenza. Del resto, anche l’entourage del giocatore sapeva perfettamente che, in una squadra che vanta tra le sue fila il miglior attaccante al mondo, la panchina sarebbe stata inevitabile. Il buon Alexis però di panchina ne ha vista parecchia in questi due anni, forse anche troppa considerando i suoi numeri e le sue doti, riaccendendo nei suoi pensieri il dilemma di ogni attaccante: meglio riserva in una squadra extraterrestre o stella in una squadra più umana? Per chiarire le intenzioni di Sanchez, sarà necessaria una risposta a questa domanda. I catalani sono propensi a un prestito con obbligo di riscatto fissato a 25 milioni ma per la Juventus potrebbe non essere un affare, a causa del dilemma di ogni direttore sportivo: meglio un attaccante di valore che deve recuperare brillantezza o meglio spendere qualcosa in più per un diamante? Fossimo in Marotta, considerando il momento attuale della squadra bianconera, la risposta sarebbe necessariamente la seconda.

UNA CORSA A TRE – Le altre piste sono tutte molto più complicate da seguire, a partire da Cavani, destinato a rimanere un principe azzurro, che sia quello del Napoli o lo “sky blue” del City, che non vedrebbe la Vecchia Signora nei panni di Biancaneve, per finire a Muriel, ritenuto ancora troppo acerbo per passare da un bianconero all’altro, anche per volonta dell’Udinese che tra un anno potrebbe monetizzare molto di più. La calma in casa Juventus, però, non manca. Dopo aver atteso due anni, cosa saranno mai due mesi?

Vincenzo Arnone

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *