Redazione

Champions League, Lokomotiv campione d’Europa. Cuneo si arrende al quinto set

Champions League, Lokomotiv campione d’Europa. Cuneo si arrende al quinto set
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Champions League, Lokomotiv campione d'Europa. Cuneo si arrende al quinto set

OMSK, 18 MARZO – La corsa dei piemontesi verso l’olimpo della pallavolo è stata interrotta dai padroni di casa della Lokomotiv Novosibirks, che per la prima volta nella storia della società appende al muro il titolo di campione d’Europa.

I parziali dei set sono la conferma di un match all’insegna dell’equilibrio e dell’adrenalina allo stato puro. Nel quinto set una serie interminabile di errori da parte di entrambi i sestetti ha tenuto il palazzetto col fiato sospeso sino all’ultimo punto del tie-break , finito 16-14. Un muro clamoroso ad opera dei centrali russi su Earvin Ngapeth ha spezzato i sogni di gloria di Cuneo; proprio lo stesso Ngapeth, che nonostante l’incostanza durante il match, aveva più volte pareggiato i conti mantenendo in gara la Bre Banca.

Messo in campo da coach Piazza come centrale, Sokolov questa volta non riesce a imporsi come best scorer e lascia il palcoscenco a Denis Biryukov che porta in casa della Lokomotiv 23 punti.
A rendere meno amara la sconfitta per Cuneo intanto arriva la qualificazione alla prossima edizione del mondiale per club, mentre per quanto riguarda i premi individuali Daniele de Pandis è stato eletto miglior libero, mentre il titolo di MVP va al martello svedese Marcus Nilsson,

Terzo posto per lo Zenit Kazan che esce vincitore dalla scontro con i polacchi della Kedzirzyn Kozle. A contribuire alla vittoria dei russi l’ottima prestazione dell’italiano Valerio Vermiglio.

IL TABELLINO DELLA FINALE

Bre Banca Lannutti Cuneo-Lokomotiv Novosibirsk 2-3
(25-22, 24-26, 23-25, 25-20, 14-16)

BRE BANCA LANNUTTI: Ngapeth 18, Sokolov 16, Antonov 18, Wijsmans 20, Kohut 9, Grbic 6, De Pandis (L); Della Lunga, Rossi. Marchisio, Galliani, Abdelaziz. All. Roberto Piazza.
LOKOMOTIV: Divis 20, Gutsalyuk 11, Nilsson 17, Biryukov 23, Volvich 8, Butko 3, Golubev (L); Leonenko, Zhilin, Voronkov. N.e. Zubkov, Makhortov.
ARBITRI: Labasta (Repubblica Ceca) e Groenewegen (Belgio).
DURATA SET: 27’, 30’, 27’, 28’, 20’; tot 2h e 12’.
NOTE: 5.400 spettatori circa. Bre Banca Lannutti: 12 muri, 4 ace, 20 errori in battuta, 5 errori azione, 8% in attacco, 53% (22%) in ricezione. Novosibirsk: 13 muri, 6 ace, 18 errori in battuta, 6 errori azione, 52% in attacco, 54% (33%) in ricezione.

I PREMI INDIVIDUALI
Best Receiver: Yuri Berezhko (Zenit Kazan)
Best Server: Luis Felipe Fonteles (Zaksa Kedzierzyn-Kozle)
Best Setter: Alexander Butko (Lokomotiv Novosibirsk)
Best Libero: Daniele De Pandis (Bre Banca Lannutti Cuneo)
Best Blocker: David Lee (Zenit Kazan)
Best Spiker: Antonin Rouzier (Zaksa Kedzierzyn-Kozle)
Best Scorer: Marcus Nilsson (Lokomotiv Novosibirsk)
Mvp: Marcus Nilsson (Lokomotiv Novosibirsk)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *