Redazione

Serie B, la lotta per la promozione entra nel vivo

Serie B, la lotta per la promozione entra nel vivo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Genova, 3 Maggio-Mancano solo 4 partite ( 5 per chi deve ancora recuperare una gara) e la lotta per lasciare la serie cadetta ed approdare in Serie A è entrata nelle battute conclusive: le prime sette squadre sono racchiuse in 13 punti, con il Brescia staccato di 4 punti dalla 7° che al momento è il Padova, appena superato dopo la sconfitta casalinga con il Sassuolo da una Sampdoria che ha invece sbancato Modena grazie ad un super Eder. In testa è il Torino a comandare, seguito a due punti dal Pescara e a tre dallo stesso Sassuolo e dal Verona; i gialloblù di Mandorlini hanno però giocato tutte le partite, mentre le altre 3 hanno una gara in meno. I posti disponibili sono 2 per la promozione diretta, mentre le squadre che si qualificheranno dalla 3° alla 6° posizione si giocheranno i Play Off a partire dal 2 Giugno. Vediamo nel dettaglio le condizioni e il calendario delle “sette meraviglie” di questa Serie Bwin:

Torino, 73 punti:

La squadra di Ventura si è dimostrata, fino a questo momento, l’autentica dominatrice di questo campionato: è in testa ininterrottamente dall’ottava giornata di campionato e può contare della miglior difesa del campionato, bucata solo per 25 volte in 37 partite fin qui disputate. La forza della squadra è stata nella sua organizzazione tattica e nella mentalità sempre vincente, con alcuni elementi di grande livello come il capitano Rolando Bianchi, il difensore Angelo Ogbonna che è nel giro della nazionale di Prandelli e altri ottimi giocatori come l’attaccante Antenucci, capocannoniere della squadra con 9 gol, Parisi e la sorpresa Basha. Per i tifosi granata si prospetta un finale di stagione veramente complicato dal punto di vista emotivo: il Torino ha infatti nelle 5 partite che lo separano dal termine della stagione tre scontri diretti, contro Sassuolo e Padova in casa e contro il Pescara all’Adriatico; le ultime due si prospettano meno complicate, con in casa il Modena che probabilmente non avrà più nulla da giocarsi e l’ultima partita sul campo dell’Albinoleffe fanalino di coda del campionato.

Pescara, 71 punti:

Il Pescara si presenta a questo rush finale con tutte le credenziali per potersi giocare ogni carta per la promozione diretta: con il tecnico boemo Zeman in panchina, i biancoazzurri sono la squadra che ha vinto più partite di tutti (22) e un attacco atomico che ha per ora segnato ben 80 gol, con una media superiore ai 2 gol a partita. È una squadra composta soprattutto da giocatori giovanissimi e che potranno diventare in futuro dei calciatori di livello mondiale: Ciro Immobile è il capocannoniere della serie cadetta con 26 gol, Lorenzo Insigne ne ha segnati 16; inoltre può contare su baby fenomeni come Sansovini, Caprari, in prestito dalla Roma, e Marco Verratti, su cui hanno già messo gli occhi tutti i migliori club italiani ed europei. Il Pescara nelle ultime 5 partite farà visita al Livorno, per poi ospitare il Grosseto: alla terzultima riceverà il Torino, per poi far visita ad una agguerrita Sampdoria e chiudere il campionato in casa con la Nocerina.

Sassuolo, 70 punti:

Il Sassuolo si presenta alla lotta finale per la promozione come la squadra che ha perso meno partite in assoluto: sono state solo 5 le sconfitte per gli uomini allenati da Fulvio Pea. Il giocatore più rappresentativo della squadra è il capocannoniere con 19 gol Gianluca Sansone, in campo con giocatori di grande esperienza come il centrocampista Carl Valeri e il difensore Lino Marzoratti. Il Sassuolo nelle prossime 5 partite giocherà il recupero con il Torino in trasferta, per poi incontrare Grosseto, Livorno, Reggina e infine Juve Stabia. Il calendario sembra essere favorevole per i neroverdi, che incontreranno 4 squadre che probabilmente non avranno più niente da giocarsi in questo campionato.

Verona, 70 punti:

Quando quest’estate iniziò il campionato, nessuno avrebbe scommesso 1 euro sulla neopromossa Verona: invece la squadra di Mandorlini vuole realizzare il sogno della doppia promozione come fatto l’anno scorso dal Novara. In rosa ci sono grandi giocatori di esperienza come Bjelanovic, Ceccarelli, Hallfreðsson e alcuni giovani di livello. I gialloblù arrivano al rush finale in una condizione non eccellente: solo 7 punti negli ultimi 5 match disputati. Il Verona dovrà giocare nelle ultime 4 partite contro il Livorno, l’Albinoleffe, poi il Varese nella bolgia del Bentegodi e infine concluderà la stagione a Modena.

Varese, 62 punti:

Il Varese vuole continuare a sognare la serie A attraverso i Play Off già raggiunti l’anno scorso; sono riusciti a mantenersi nelle prime sei posizioni della classifica per tutto l’arco della stagione, e vorranno mantenere la zona Play Off fino alla fine. I biancorossi ( 10 punti nelle ultime 5 gare) si giocheranno tutto in casa contro la Sampdoria all’ultima giornata di campionato; nelle altre partite dovranno vedersela contro il Brescia ( che avrà in questa partita l’ultimo treno per rimanere ancorato alla zona serie A), contro l’Ascoli e contro il Verona in trasferta.

Sampdoria, 61 punti:

La Sampdoria dopo una prima parte di stagione a metà classifica con molti bassi e pochi alti è riuscita a migliorare la classifica fino ad agguantare il 6° posto dopo la trasferta di Modena di Sabato. Dopo l’esonero di Atzori e l’arrivo di Iachini e la semi rivoluzione di organico vista nel mercato di Gennaio, sono arrivati sia il gioco sia i risultati per il club blucerchiato, che detiene il triste record del numero di pareggi ( ben 16) ma anche della media spettatori più alta degli ultimi anni di Serie B. La squadra sembra però essere in costante crescita, soprattutto con un Eder in più che dopo essersi sbloccato sembra non volersi più fermare. Il calendario della Sampdoria sembra essere però complicato: Gastaldello e compagni ospiteranno la Reggina per poi giocare sul difficile campo della Juve Stabia, dopodichè ospiteranno il Pescara per poi giocarsi tutto a Varese l’ultima giornata.

Padova, 60 punti:

Il Padova sembra essere nell’ultimo periodo in una piccola crisi: solo 4 i punti nelle ultime 5 partite, che hanno portato i biancorossi a perdere la zona Play Off. La squadra di Dal Canto farà visita al Torino capolista senza 3 titolari espulsi nell’ultima partita contro il Sassuolo, per poi giocare contro il Gubbio, la Nocerina e l’Ascoli, tutte bisognose di punti per la salvezza.

Matteo Mistretta

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *