Enrico Steidler

Premier League, 30.ma giornata: il Manchester United ha le mani sul titolo

Premier League, 30.ma giornata: il Manchester United ha le mani sul titolo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

I Devils attendono il fanalino di coda Reading mentre il City è impegnato sul difficile campo dell’Everton. Spareggio-salvezza fra Villans e QPR. Derby di fuoco a Londra.

Il Goodison Park di Liverpool, tana dell'Everton

Il Goodison Park di Liverpool, tana dell’Everton

LONDRA, 16 MARZO – Dopo l’inconsueto week-end suddiviso fra Premier e Coppa d’Inghilterra, il massimo campionato inglese torna in campo a ranghi completi e lo fa col botto: in programma, infatti, ci sono tre partite forse decisive. La prima si gioca al Goodison Park di Liverpool, dove i padroni di casa dell’Everton ospitano il City dello sconsiderato – fuori dal campo – Tevez (arrestato e poi rilasciato su cauzione per guida senza patente; recidivo, rischia una condanna a sei mesi di carcere): la tensione è altissima, e d’altra parte lo è sempre per chi, come la squadra del Mancio, deve inseguire un sogno e al tempo stesso guardarsi alle spalle. I Toffees fra le mura amiche possono mettere in riga chiunque, e giocatori del calibro di Fellaini e Osman sanno come scardinare le difese avversarie, anche le più attente. Ma i campioni d’Inghilterra scenderanno in campo per vincere e David Moyes, tecnico dell’Everton, lo sa: “avremo un bel da fare per fermare il City, ma ce la metteremo tutta”. Comunque vada, le premesse dello spettacolo non mancano.

Il secondo big match è naturalmente quello dell’Old Trafford, dove gli uomini di Ferguson attendono il fanalino di coda Reading per farne un sol boccone. I Red Devils hanno il dente doppiamente avvelenato (eliminati dalla Champions e rimontati dal Chelsea in Fa Cup) e non vedono l’ora di sfogare tutta la loro la rabbia sulla derelitta (reduce da 4 sconfitte consecutive) squadra del Berkshire. Sir Alex, tuttavia, conosce le insidie che si possono celare dietro a partite apparentemente facili (oltretutto il fatto di giocare conoscendo il risultato del match di Liverpool è un vantaggio in più, almeno sulla carta) e mette in guardia i suoi: “So per esperienza che in questo momento della stagione ogni gara è dura. E può esserlo in modo particolare se l’avversario, per quanto malridotto, è ancora in piena corsa per raggiungere l’agognata salvezza (a soli 4 punti). Ma la differenza fra le due squadre c’è, la posta in gioco è altissima e per i Royals sarà davvero un’impresa fare punti: lo United è a pochi passi dal titolo, e vuole farli il più in fretta possibile.

A pochi passi dal baratro si trova invece l’Aston Villa, che al Villa Park riceve il QPR di Harry Redknapp, ultimo a braccetto col Reading ma ringalluzzito dalle vittorie con Sunderland e Southampton. Il terzo match da brividi della 30a giornata è di quelli da dentro o fuori: i padroni di casa non possono sbagliare e si affidano al bomber Benteke e alle intuizioni di N’Zogbia per avere ragione dei londinesi, ma questi cercheranno proprio a Birmingham lo slancio decisivo per raggiungere un obiettivo che sembrava impossibile (o quasi) fino a un mese fa. Tutto può succedere, e probabilmente di tutto succederà.

Ad arricchire ulteriormente il fine settimana di Premier League ci sono poi due derby di LondraTottenham-Fulham (con gli Spurs, terzi in classifica, che vogliono tornare subito alla vittoria dopo lo stop subito all’Anfield) e Chelsea-West Ham (non meno importante per decidere chi accederà alla zona Champions, e in quale posizione) – e la delicata sfida fra Wigan e Newcastle, coi padroni di casa che si giocano le residue speranze di permanenza nella massima divisione. Molto interessante anche la gara del St. Mary’s Stadium fra il Southampton di Rickie Lambert (che ultimamente ha raccolto meno di quel che meritava) e i lanciatissimi Reds del capocannoniere Suarez (tre vittorie consecutive, 12 gol fatti, 2 subiti). Da segnalare, poi, Swansea-Arsenal, forse l’ultima occasione – per gli uomini di Wenger – di agganciare il quarto posto e l’Europa che conta.
Il programma della 30a giornata è infine completato da Stoke City-WBA (oggi) e Sunderland-Norwich (domani).

LE PARTITE DI OGGI: PROBABILI FORMAZIONI

MANCHESTER UNITED-READING

Manchester United: De Gea, Evra, Vidic, Ferdinand, Rafael, Carrick, Cleverley, Kagawa, Rooney, Valencia, Van Persie.

Reading: Taylor, Kelly, Mariappa, Pearce, Harte, Robson-Kanu, Leigertwood, Akpan, McAnuff, Hunt, Le Fondre.

ASTON VILLA-QPR

Aston Villa: Guzan, Baker, Clark, Vlaar, Lowton, Westwood, Sylla, Agbonlahor, N’Zogbia, Weimann, Benteke.

QPR: Green, Bosingwa, Hill, Samba, Fabio, Townsend, Ji-Sung, M’Bia, Hoilett, Zamora, Remy.

SOUTHAMPTON-LIVERPOOL

Southampton: Boruc, Shaw, Hooiveld, Fonte, Yoshida, Schneiderlin, Cork, Lallana, Ramirez, Puncheon, Lambert.

Liverpool: Reina, Johnson, Carragher, Agger, Enrique, Leiva, Gerrard, Downing, Suarez, Coutinho, Sturridge.

EVERTON-MANCHESTER CITY

Everton: Mucha, Baines, Distin, Heitinga, Coleman; Pienaar, Gibson, Osman, Mirallas, Fellaini, Anichebe.

Manchester City: Hart, Zabaleta, Tourè, Nastasic, Clichy, Barry, Garcia, Milner, Tourè, Silva, Tevez.

STOKE CITY-WBA

Stoke City: Begovic, Cameron, Wilson, Shawcross, Wilkinson, Shea, Whelan, Walters, N’Zonzi, Shotton, Crouch.

West Bromwich Albion: Foster, Jones, McAuley, Olsson, Ridgewell, Mulumbu, Yacob, Dorrans, Morrison, Brunt, Lukaku.

SWANSEA-ARSENAL

Swansea: Vorm, Davies, Williams, Monk, Rangel, Guzman, Ki, Lamah, Hernandez, Moore, Michu.

Arsenal: Szczesny, Jenkinson, Mertesacker, Vermaelen, Monreal, Ramsey, Arteta, Walcott, Cazorla, Podolski, Giroud.

PREMIER LEAGUE, 30a GIORNATA

Sabato 16 marzo, ore 16

Everton-Manchester City (ore 13,45)
Aston Villa-QPR
Southampton-Liverpool
Stoke City-West Bromwich
Swansea-Arsenal
Manchester United-Reading

Domenica 17 marzo

Sunderland-Norwich (ore 14,30)
Tottenham-Fulham (ore 16)
Wigan-Newcastle (ore 17)
Chelsea-West Ham (ore 17)

CLASSIFICA

Manchester United 71, Manchester City 59, Tottenham 54, Chelsea 52, Arsenal 47, Liverpool 45, Everton 45, West Bromwich 43, Swansea 40, Newcastle 33, Fulham 33, West Ham 33, Stoke City 33, Norwich 33, Sunderland 30, Southampton 28, Aston Villa 27, Wigan 24, Reading 23, QPR 23.

Arsenal, Chelsea, Everton, Fulham, Manchester City, Manchester United, West Ham e Wigan una partita in meno.

a cura di Enrico Steidler

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *