Redazione

Anche il calcio si mobilità per la “Città della scienza”

Anche il calcio si mobilità per la “Città della scienza”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Cannavaro, ex campione del mondo 2006 e napoletano doc organizzerà una partita di beneficenza

Fabio CannavaroNAPOLI, 15 MARZO – Tornare al calcio giocato, per un giocatore che ha smesso da poco, è sempre una bella cosa per chi lo fa e per i suoi tifosi, se poi a tutto questo ci si aggiunge una nobile causa, è ancora meglio. Fabio Cannavaro, infatti, ha deciso di fare una partita di beneficenza a Napoli, che sarà la sua gara d’addio al calcio giocato, per aver poi la possibilità di devolvere l’incasso per la ricostruzione della Città della Scienza, bruciata lo scorso 4 marzo. Il tutto verrà organizzato con la Cannavaro & Friends il prossimo 13 0 21 maggio al San Paolo.

In una lunga intervista rilasciata a Il Mattino, Fabio Cannavaro ha spiegato i motivi di questa decisone: “Ho visto le immagini del rogo, la devastazione, le fiamme che hanno annientato un luogo speciale per Bagnoli. Sono rimasto colpito profondamente. E allora mi sono detto che era arrivato il momento di organizzare quella partita di addio al calcio che mai e poi mai avrei voluto disputare. Anche perché ho smesso di giocare da un anno e mezzo”. Bagnoli, tra l’altro è uno dei luoghi dove l’ex Capitano della Nazionale ha vissuto: “Ogni volta che passo per quella zona mi chiedo come sia possibile non aver fatto ancora nulla per il suo rilancio, per realizzare attività che aiutino la crescita di Napoli. E l’unica cosa bella, di cui potevamo andare orgogliosi, è stata annientata da un atto doloso. Non potevo restare senza fare nulla”.

Cannavaro spiega come pensa di organizzare l’evento: “In un primo momento ho pensato di disputare al San Paolo la rivincita di Italia-Francia, la finale di Berlino del 2006. Poi ci ho pensato: molto meglio chiamare tutti quei compagni con cui ho condiviso la mia carriera. E anche qualche avversario con cui ho duellato. Ho giocato nel Napoli, nella Juventus, nell’Inter e nel Real Madrid oltre che nella Nazionale. Per la mia partita d’addio penso che verranno in molti… forse ne serviranno due di partite”. Pare che qualcuno, come Zidane, Ronaldo e Del Piero abbiano già accettato l’invito: È vero, ma non soltanto loro. Quella sarà una serata importante: dobbiamo raccogliere molti fondi da destinare alla ricostruzione di Città della Scienza. Stiamo già contattando il Napoli e il presidente De Laurentiis per avere il supporto necessario per poter disputare la partita al San Paolo. E ho sentito anche il sindaco De Magistris che mi ha dato ampia disponibilità per la collaborazione necessaria per organizzare questo evento. La Città della Scienza è bruciata e noi giochiamo, per ricostruirla tutti insieme, questo deve essere il moto di quel giorno”.

Su quanto accaduto alla Città della Scienza, Cannavaro preferisce non esprimersi, limitandosi a dire: Non so chi abbia causato questo disastro. Altri hanno il compito di scoprirlo e punire i colpevoli, ma lo sport ha alimentato la mia caparbietà e sono intenzionato ad usarla tutta quanta per fare la mia parte e impegnarmi perché a Napoli sia restituita una cosa preziosa che le è stata tolta”. Dopo le vittorie sul campo, Fabio Cannavaro si sta dedicando alla beneficenza: Anche ora sono in Cambogia a prendere parte a iniziative di beneficienza. Domenica torno a Dubai e tornerò a chiamare i miei vecchi amici per invitarli a Napoli per la mia festa d’addio. Io ho smesso più di un anno e mezzo fa, ma è giusto farlo per La Città della Scienza”.

Infine, vi riportiamo quanto scritto dal sito ufficiale di Fabio Cannavaro, fabiocannavaro.it:

La Città della Scienza è bruciata e noi giochiamo per ricostruirla! Questo ho pensato quando ho saputo del disastro accaduto a Bagnoli. Non avevo in programma di fare un evento per dare il mio addio al calcio giocato ma l’incendio del 4 marzo ha cambiato le cose! Dopo questo grave episodio nulla è più come prima, noi non siamo più gli stessi ma tutti vogliamo che le cose siano “rimesse al loro posto” il prima possibile.

Napoli è la mia città, i napoletani sono i miei concittadini, il mio cuore, anche se da diversi anni vivo in altre città per lavoro, è sempre lì; Napoli è la mia casa ed il luogo dove voglio che crescano i miei figli. Ho quindi il desiderio ed il dovere di fare tutto quanto mi è possibile per contribuire a “rimettere a posto le cose”: dobbiamo ricostruire la Città della Scienza!

Quello che ho saputo fare meglio nella mia vita è tirare calci ad un pallone ed allora gli ultimi che tirerò dovranno servire a qualcosa di importante. La mia partita di addio al calcio sarà un grande evento che contribuirà a raccogliere fondi per centrare questo obiettivo. Nei prossimi giorni chiamerò a raccolta tutti i grandi campioni con e contro i quali ho giocato perché vengano al San Paolo una sera del mese di maggio e scendano in campo con me. Desidero che i ragazzi con i quali ho condiviso gioie e delusioni, con i quali ho combattuto epiche battaglie sui campi di gioco, siano al mio fianco a combattere ancora una volta, per una giusta causa. Sono certo che offriremo un grande spettacolo al quale i napoletani, e non solo loro, non vorranno sicuramente mancare, sapendo che con l’acquisto del biglietto daranno il loro contributo a “rimettere a posto le cose”. Nei prossimi giorni interpellerò le istituzioni ed il Napoli Calcio per avere la loro indispensabile collaborazione alla riuscita dell’evento, che a breve presenterò nei suoi dettagli. Molte iniziative sono già in corso e so che molte altre sono in via di definizione, il calcio è lo sport nazionale e quando accadono cose del genere deve, senza esitazione, fare la sua parte. Noi che di calcio abbiamo vissuto e viviamo abbiamo l’obbligo di andare in prima linea a combattere per le giuste cause.

Io non so chi abbia causato questo disastro, altri hanno il compito di scoprirlo e punire i colpevoli, ma lo sport ha alimentato la mia innata caparbietà e sono intenzionato ad usarla tutta quanta per fare la mia parte e impegnarmi perché a Napoli sia restituita una cosa preziosa che le è stata tolta”.

Massimiliano di Cesare

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *