Antonio Fioretto

Lazio-Stoccarda 3-1: tripletta di Kozak e gol inutile di Hejnal. L’aquila vola ai quarti

Lazio-Stoccarda 3-1: tripletta di Kozak e gol inutile di Hejnal. L’aquila vola ai quarti
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Lazio-Stoccarda 3-1: tripletta di Kozak e gol inutile di Hejnal. L'aquila vola ai quarti di Europa LeagueROMA, 14 MARZO – La Lazio passeggia sul cadavere dello Stoccarda e va ai quarti. Dopo il Borussia M’Gladbach ai sedicesimi, i biancocelesti mietono un’altra vittima tedesca. Pratica chiusa dopo appena 7 minuti, dalla doppietta di uno spietato Libor Kozak. In seguito e fino al 90′, solo gestione per gli uomini di Petkovic, che prima subiscono il 2-1 di Hajnal e poi trovano il terzo gol ancora col solito Kozak, che balza a quota 8 in classifica marcatori. I biancocelesti oramai si prendono di prepotenza l’appellativo di favoriti per la vittoria finale. L’ urna, a dirla tutta, sembra tutto fuorché proibitiva. Insieme alla Juve, dunque, i capitolini sono ora chiamati a portare fortuna al nostro calcio. Il tutto, condito dalla consapevolezza di essere l’unica compagine italiana in lotta su tutti e tre i fronti.

PRONTI VIA : KOZAK  La Lazio parte forte dal 2-0 dell’andata e di conseguenza la gara inizia con i tedeschi che provano a far la partita. Lo Stoccarda ci prova dopo 4 minuti con un bel sinistro dalla distanza di Holzhauser disinnescato da Marchetti. Nemmeno il tempo di riorganizzarsi e i biancocelesti passano in vantaggio. L’ inserimento di Kozak a centro area è perfetto, complice una dormita di Tasci, come il sinistro che batte Ulreich. Cross dalla sinistra di Radu, a sua volta servito da Candreva. La Lazio è un fulmine a ciel sereno e lo si vede nientemeno che un minuto dopo. Al 7′ è ancora Kozak a trafiggere il portiere tedesco con un destro che prima sbatte sulla traversa e poi si insacca. La difesa dello Stoccarda è imbarazzante e sembra quasi rassegnata alla disfatta.

MARCHETTI OUT L’ uno-due laziale è devastante. A dimostrazione di ciò, la reazione dei tedeschi è a dir poco timida. Tutto è in un tentativo di Ibisevic che si ritrova il pallone addosso e a pochi metri da Marchetti non riesce a deviare verso la porta. Gli uomini di Petkovic abbassano ovviamente i ritmi, provando a gestire nel migliore dei modi il match. Nonostante questo, è ancora la lazio ad avere le chance migliori. In particolare, due punizioni mettono paura ad Ulreich. La prima di Candreva e la seconda di Hernanes, battute praticamente in modo identico ma ambedue parate dall’ estremo difensore tedesco. Il primo tempo si avvia alla conclusione dopo lo sfortunato episodio che vede protagonista Marchetti: scontro con Ibisevic (che meritava la seconda ammonizione), colpo alla testa e sostituzione.

HAJNAL ACCORCIA A SORPRESA Nel secondo tempo i biancocelesti gestiscono senza patemi d’animo. Eppure i tedeschi si vedono. Al 52′ arriva la migliore occasione per lo Stoccarda, con un destro di Sakai ben neutralizzato da Bizzarri. I tedeschi tentano con qualche sporadico tentativo dalla distanza, ma Bizzarri sente solo solletico sulle conclusioni di Hajnal. Al 62′ però lo stesso Hejnal segna a sorpresa il gol del 2-1. Sugli sviluppi di un corner la sfera arriva in area all’ ungherese classe 81′, il quale tutto solo non ha problemi a trafiggere Bizzarri.

Di fatto, lo Stoccarda cresce alla distanza, dopo un’ora di assoluta inoperosità. Ci prova prima Okazaki con un inserimento fulmineo in area, mal sfruttato. Poi, al 70′, è Gentner a tentare la conclusione con una gran girata mancina, ma Bizzarri devia in angolo. La gara si fossilizza per circa un quarto d’ora. Ci pensa poi Niedermeier con un colpo di testa a rianimare il match. La sua conclusione sfiora il 2-2 per questione di centimetri. Un minuto dopo, si sveglia anche la Lazio. Kozak fallisce un gol incredibile a un metro dal portiere, ma nemmeno 30 secondi dopo realizza la sua personalissima tripletta: cross di Candreva, taglio del l’attaccante ceco e colpo di testa per il 3-1. E’ l’ultima fiammata di una partita che ha ben poco altro da aggiungere. Termina così, con la Lazio che vola ai quarti. 

TABELLINO

Lazio, 4-1-4-1: Marchetti 6 (dal 41′ Bizzarri 6,5 ) ; Pereirinha 5,5 , Biava 6 , Ciani 6 , Radu 6,5 ; Onazi 6 ; Candreva 6,5 , Hernanes 6 (dal 73′ Ederson ), Mauri 5,5 (dal 66′ Ledesma) , Lulic 6 ; Kozak 8 . A disposizione: Crecco, Gonzalez, Cataldi, Floccari. Allenatore: Petkovic

Stoccarda, 4-2-3-1: Ulreich 5,5 ; Sakai 6,5 , Niedermeier 5 , Tasci 4,5 , Molinaro 5,5 ; Gentner 5,5 , Holzhauser 6 ; Okazaki 5,5 , Hajnal 6,5 (dal 73′ Harnik) , Macheda 5,5 (dal 63′ Traorè ); Ibisevic 5 . A disposizione: Ziegler, Hoogland, Kvist, Lopes, Rudiger. Allenatore: Labbadia

Marcatori : 5′ Kozak , 7′ Kozak , 52′ Hajnal , 87′ Kozak

Antonio Fioretto

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *