Redazione

Lega Pro, il punto sui campionati di Prima e Seconda Divisione

Lega Pro, il punto sui campionati di Prima e Seconda Divisione
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Fantini SavonaROMA, 14 MARZO – Ancora una giornata piena di risultati a sorpresa quella dell’ultimo turno dei campionati di Prima e Seconda Divisione di Lega Pro. Infatti tutte le capoliste sono state fermate dalle rispettive avversarie e non sono state in grado di aggiudicarsi l’intera posta e di conseguenza le classifiche si sono nuovamente accorciate. Vediamo nel dettaglio i fatti salienti della giornata andata in scena nell’ultimo fine settimana.

PRIMA DIVISIONE – Nel girone A ancora un sorpasso al vertice della classifica dove il Lecce si riprende il comando grazie al successo sul Lumezzane per 5-o e al contemporaneo pareggio interno del Trapani per 0-0 contro Portogruaro. I salentini si sono aggiudicati agevolmente il confronto con i lombardi che già al termine del primo tempo aveva ben delineato i valori in campo. Dopo solo un minuto i pugliesi sono passati in vantaggio con De Rose ed hanno poi raddoppiato intorno al quarto d’ora grazie ad un rigore trasformato da Bogliacino. Una doppietta di Jeda poco prima dell’intervallo ha chiuso la contesa che ha visto la quinta rete di Zappacosta a 6 minuti dal termine. Le due formazioni in vetta alla graduatoria hanno un solo punto di differenza mentre in terza piazza, a 3 lunghezze dai siciliani, c’è il Sudtirol che ha pareggiato per 2-2 a Como e poi ha raccolto un altro punto impattando per 0-0 a Cuneo nel recupero di Mercoledì. In coda gran balzo della Tritium che ottiene 6 punti in 3 giorni, passando a Cuneo per 2-1 e superando nel recupero il Portogruaro per 1-0, e lascia l’ultima posizione al Treviso che non è andato oltre lo 0-0 interno con il Pavia. I lombardi sono adesso a sole 3 lunghezze dalla Reggiana, superata in casa dalla Cremonese, e a 6 dal già citato Como. Anche il girone B registra un ribaltone al comando con l’Avellino che batte per 1-0 il Viareggio e sorpassa il Latina che non sfrutta il turno casalingo facendo 1-1 con l’Andria. Successo sofferto quello degli irpini che hanno sbloccato la situazione con un centro di De Angelis a 6 minuti dal termine dopo una gara ben giocata dai toscani che avrebbero forse meritato il pareggio. Anche qui un solo punto separa le due contendenti ma il Latina ha sempre una partita da recuperare e potrebbe dunque sopravanzare i verdi campani. In terza posizione la Nocerina espugna Pagani con il punteggio di 1-0 e si porta a 4 punti di ritardo dal Latina in compagnia del Perugia che passa a Carrara per 1-0. I toscani rimangono ultimi in fondo alla classifica e vedono scappare via il Barletta che adesso li precede di 2 lunghezze per il punto ottenuto nella sfida casalinga contro il Frosinone. Un punto sopra i pugliesi c’è il Sorrento uscito battuto dal campo del Benevento nel derby campano per 1-0. Queste tre formazioni non sembrano essere in grado di raggiungere le squadre che li precedono dal momento che la più vicina in classifica è l’Andria che però precede di ben 8 lunghezze lo stesso Sorrento.

SECONDA DIVISIONE – Cambio della guardia anche al vertice del girone A della Seconda Divisione con il Savona che ha superato la Pro Patria, fermata sul 2-2 al novantacinquesimo dal Valle d’Aosta, grazie al successo ottenuto contro il Forlì con il punteggio di 2-0. I liguri hanno disputato un’ottima prestazione coronata dalla reti di La Rosa al 12′ della prima frazione e di Carta intorno al quarto d’ora della ripresa ed hanno messo in mostra una buona condizione in vista della volata finale. Di rilievo la prova del neo acquisto Fantini che potrebbe rivelarsi una buona carta in più per il combattuto finale di stagione. Anche in questo caso un solo punto divide le due formazioni che devono anche guardarsi dal ritorno del Renate che ha perso a Monza per 2-1 ma nel recupero infrasettimanale è passata sul campo del Forlì vincendo per 1-0 e si è portata a soli 2 punti dai bustocchi. Classifica dunque cortissima e finale di campionato che si preannuncia equilibrato e aperto a qualsiasi risultato. In zona retrocessione altra sconfitta per il Milazzo, superato per 2-0 sul campo della Giacomense, e retrocessione quasi certa anche per il Casale giunto a 7 battute d’arresto consecutive dopo aver perso per 2-1 sul proprio campo sia contro il Mantova che nel recupero contro il Monza. In terz’ultima piazza fa un piccolo passo in avanti il Fano che pareggia 1-1 in casa contro il Santarcangelo e si avvicina a 2 punti dal Rimini travolto per 4-1 a Venezia. Un punto sopra i romagnoli sale la Giacomense con i 3 punti raccolti a spese del Milazzo. La maledizione delle capoliste ha colpito anche il girone D dove la Salernitana è caduta sul campo del Campobasso vedendosi ridurre a soli 3 punti il vantaggio sul Pontedera che ha avuto facilmente la meglio per 2-0 sull’Arzanese. I campani sono stati sconfitti dopo 23 risultati utili consecutivi grazie ai quali sembravano aver ipotecato la promozione in Prima Divisione, rimessa ora in discussione dall’avvicinamento del Pontedera. Nella partita contro i molisani decisiva l’espulsione nella ripresa di Montervino che ha fatto da preludio alla rete di Minadeo che ha deciso il match a 9 minuti dalla fine. Adesso tutta l’attenzione si sposta al prossimo turno quando all’Arechi i granata riceveranno la visita dei toscani in un confronto che ha tutta l’aria di essere decisivo per la volata promozione. Infatti alle spalle del Pontedera c’è un vuoto di 7 punti dopo i quali c’è l’Aquila che ha pareggiato per 0-0 sul campo del Martina Franca mentre altri 3 punti più indietro ci sono Chieti, Poggibonsi ed Aprilia. Sul fondo della classifica Fondi e Aversa Normanna sembrano ormai rassegnate alla retrocessione essendo staccatissime dal resto del plotone ed avendo ottenuto nell’ultimo turno due autentiche disfatte rispettivamente a Melfi per 4-0 e a Chieti per 4-1. Per il resto lotta apertissima con 8 formazioni racchiuse in soli 2 punti che sgomitano per cercare di evitare le altre posizioni che condannano alla retrocessione in serie D.

a cura di Mauro Leone

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *