Redazione

Pagelle Barcellona-Milan 4-0: Messi devastante, disastro Allegri

Pagelle Barcellona-Milan 4-0: Messi devastante, disastro Allegri
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Pagelle Barcellona-Milan 4-0: Messi devastante, disastro AllegriBARCELLONA, 12 MARZO – Lo spettro della rimonta blaugrana si è presentato puntuale all’appello, e il Milan non ha fatto a dir la verità granché per evitarne il compimento. 4 a 0 al Camp Nou, senza se e senza ma, perché un 2 a 0 di vantaggio non si può dissipare e disonorare con una prestazione totalmente sbagliata. Qui la sintesi completa di Antonio Foccillo.

Le Pagelle di Simone Calucci

– BARCELLONA –

Victor Valdes: 6 – Mai impegnato seriamente, si vive la rimonta da spettatore.
Dani Alves: 6+ – L’ostinazione a volerlo definire terzino è leggermente fuori luogo. E’ un esterno di centrocampo, piuttosto offensivo per giunta. Spinge tanto e difende poco, da buon brasiliano.
Piqué: 6,5 – Aveva caricato i suoi e l’ambiente, e scende in campo con il piglio giusto, contenendo il tridente rossonero
Mascherano: 6 – Ritorna difensore, ruolo già ricoperto in più occasioni. Non stecca, ma non fa nulla di speciale. (dal 32′ st Puyol: 6 – Buttato nella mischia per aggiungere esperienza in un momento delicato della gara)
Jordi Alba: 6,5 – Vale lo stesso discorso fatto per Alves, neanche lo spagnolo è propriamente un terzino. A Valencia giocava esterno d’attacco, ora fa l’esterno di difesa. Stasera si prende anche la soddisfazione del gol che chiude la questione.
Xavi: 6+ –  Non la sua partita migliore, ma dà forma e gioco alla squadra, potendo contare sull’arretramento di Iniesta a dargli man forte.
Busquets: 6 – Nel centrocampo blaugrana è sicuramente “l’anello debole”, ma tiene bene e regge la pressione.
Iniesta:  6,5 – Torna a centrocampo e dirige la manovra come pochi come lui sanno fare. Tiene palla, fa girare i suoi e a vuoto quelli del Milan.
Pedro: 5 – Maluccio, non si vede quasi mai e non incide (dal 39′ st Adriano: sv)
Villa: 6 – Praticamente al primo pallone che tocca fa 3 a 0, con un bel sinistro a giro. Non si mette eccessivamente in mostra, ma quelli come lui non sbagliano. (dal 30′ st Sanchez: 6+ – Serve ad Alba il gol della staffa, ed entra convinto)
All. Jordi Roura: 7 – Ok che l’ambiente era voglioso e ci si credeva, ok che il Milan ha agevolato il compito, ma la pressione era tanta. Con Villanova ancora negli Usa per curarsi, il catalano doveva compiere l’impresa per non portare il ciclo blaugrana verso lo spegnimento. Tanto di cappello, anche se Messi è il giocatore che ogni tecnico vorrebbe avere, a prescindere da ogni schema o preparazione.

– MILAN –

Abbiati: 6,5 – Due miracoli che gli varrebbero un 8, un’uscita a vuoto che gli abbassa il voto. Tiene a galla i suoi finché può, poi cede sotto i colpi insistenti dei catalani.
Abate: 5,5 – Per un po’ spinge e contiene, poi si perde insieme a tutto il reparto.
Mexes: 5 – Soffre troppo per avere l’esperienza che ha. Marcare Messi però deve essere difficilotto.
Zapata: 4,5 – Sul primo gol la colpa è anche sua, fa un mezzo passo indietro che spalanca la porta alla Pulce. In affanno per tutta la partita, si dimostra non all’altezza.
Constant: 6 – Il migliore del reparto. Nel primo tempo regge molto bene, poi ovviamente seguo lo sgretolamento della squadra.
Flamini: 4,5 – Male, nervoso e impreciso, brutto in un centrocampo bruttino. (dal 30′ st Bojan: 5,5 – Non ha neanche il tempo per provare a farsi rimpiangere dai suoi ex tifosi)
Ambrosini: 6 – Esperienza che poteva e doveva certamente tornare più utile alla causa, ma come già detto è tutto il centrocampo a non funzionare. (dal 15′ st Muntari 4,5 – L’eroe dell’andata non si riconferma, anzi sbaglia e regala il 4 a 0)
Montolivo: 5 – Decisamente sotto la media delle ultime uscite, non riesce a dare la giusta impronta e la giusta regia al suo reparto e all’attacco.
Niang: 5 – Detto che sembrerebbe fuori ruolo, avendo più il fisico da prima punta (moderna come si dice oggi ma pur sempre prima punta), si mangia il gol che avrebbe cambiato il discorso. La colpa non è sua, ma quel palo pesa. (dal 15′ st Robinho: 5 – Niente da dichiarare, non era neanche al meglio e non produce nulla)
Boateng: 4,5 – E pensare che il gol proprio dell’andata sembrava averlo risvegliato. Stasera torna nell’ombra, fallendo la possibilità della (ri)conferma.
El Shaarawy: 6 – Sufficienza per lo sforzo. Torna in difesa, corre per tre e in attacco predica nel deserto, arrivandoci spompato.

All. Massimiliano Allegri: 4,5 – Quando si dice “il pesce puzza dalla testa”. Non è un’accusa, contro il Barcellona si può anche perdere. Non si può perdere così, con un centrocampo schierato in evidente inferiorità, una difesa ballerina e un attacco sterile. Forse un centrocampista in più e un attaccante in meno avrebbe aiutato a contenere il possesso furioso degli spagnoli.

UOMO PARTITA SportCafe24: Messi 7,5 – Due gol che valgono sicuramente il prezzo del biglietto per gli oltre 90mila spettatori. Due mancini che affossano il Milan, riuscito ad arginarlo all’andata, ma lasciato totalmente libero di scorrazzare e mostrare la sua classe questa sera. Numeri da capogiro, oltre ai primi 2 gol su azione a squadre italiane, che sfatano la maledizione.

Arbitro: Viktor Kassai (UNG) 6+ – Conduce bene, ogni tanto un po’ troppo permissivo in senso casalingo, per poi punire qualche fallo di troppo ai rossoneri. Nulla di che, comunque.

Simone Calucci
Twitter: @simoclx

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *