Redazione

Palermo battuto e contestato: torna Sannino

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Probabile un altro ribaltone in casa rosa per far fronte al difficilissimo momento di classifica.

PALERMO, 11 MARZO – Sempre più a fondo e più complicata la posizione in classifica del Palermo, che dopo la sconfitta contro il Siena ha più di un piede in Serie B. La formazione siciliana difficilmente sarà capace di strappare tre punti nei prossimi match contro Milan, Inter, Juventus, Fiorentina, pertanto la giornata appena conclusasi rappresentava l’ultima spiaggia per gli uomini di Malesani. Il rammarico viene dai punti persi (8 su 12) nelle sfide salvezza contro Atalanta, Pescara, Genoa, Torino e Siena, partite che  bisogna assolutamente vincere se si vuole rimanere in serie A.

ANCORA RIBALTONI? – Si cambia in continuazione, ma quello che non cambia è il risultato. Perinetti-Lo Monaco-Perinetti è la serie di direttori sportivi che hanno occupato una bollente poltrona a Palermo, incapaci di dare il proprio contributo o oscurati dall’egocentrismo del presidente Zamparini, pronto poi a passare la patata bollente a chi di colpe ne ha, ma sicuramente meno. Pagano anche gli allenatori, come modo di fare del patron rosanero: Sannino-Gasperini-Malesani ed ancora Gasperini che si sono susseguiti racimolando appena 21 punti in 28 partite giocate, non un trend tipico da squadre di A. E cercando l’ennesimo colpevole sembrerebbe in dirittura d’arrivo, per la seconda volta nella stagione, l’avventura di Gasperini nella panca rosa. In silenzio stampa dal tardo pomeriggio di ieri, nel post partita contro i toscani, si sono susseguite le voci di un possibile ritorno di Giuseppe Sannino a Palermo, per provare il miracolo, sempre più lontano e quasi impossibile. Il diretto interessato però smentisce, ma non chiude le porte ad un possibile ritorno, dato che ancora un dipendente dell’U.S. Palermo.

Silenzio stampa e forse rassegnazione per i giocatori rosa che ieri hanno visto sempre di più allontanarsi la serie A. Ssu tutti Giacomo Brichetto che pensieroso, con lo sguardo verso il nulla, versava  lacrime di dolore per quello che ormai sembrerebbe il destino del calcio rosanero. La società si sta muovendo in silenzio anche se ogni passo compiuta suscita clamore: nelle prossime ore dovrebbe quindi  saltare Gasperini e tornare (chissà per quante giornate) Giuseppe “San Nino”, scherzosamente definito cosi da quei rosa che sperano ancora nel miracolo.

CONTESTAZIONI A FINE MATCH – Intanto però vi è una parte dei supporters che si è stufata della situazione e ha deciso di abbandonare la nave, come un vero tifoso non dovrebbe mai fare nel momento più difficile. Ieri, negli istanti immediatamente successivi alla fine della partita, un gruppo di tifosi si è riunto davanti il Barbera in attesa dell’uscita del pullman rosanero, sommergendolo di fischi e cori carichi di rabbia e odio verso una società e un presidente che ha portato il calcio a Palermo a livelli sconosciuti, ma si è anche macchiato di una ormai vicinissima retrocessione che poteva essere benissimo evitata trattenendo i pezzi pregiati o sostituendoli in maniera consona. La nave rosa sta affondando, 5 punti sembrano 15 in vista delle difficilissime partite che dovrà d’ora in avanti affrontare la compagine palermitana. Ed ora i tifosi sperano che il Milan vada a Barcellona spendendo tutte le forze e arrivi stremato al match contro i rosa, perché probabilmente o ciò o solo un miracolo potrebbero far uscire vittorioso il Palermo da San Siro, quotato a 10 dai migliori bookmakers.

UFFICIALE IL RITORNO DI GIUSEPPE SANNINO  

L’Us Città di Palermo comunica, attraverso il proprio sito ufficiale, che la direzione tecnica della squadra rosanero è stata affidata a Giuseppe Sannino che oggi pomeriggio dirigerà il suo primo allenamento.

a cura di Luca Bucceri

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *