Redazione

Lazio-Fiorentina: la Viola vince e punta la zona Champions League

Lazio-Fiorentina: la Viola vince e punta la zona Champions League
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Montella: “Siamo soddisfatti per il passo avanti in classifica”. Petkovic: “Non ci abbiamo creduto”

Stevan JoveticROMA, 11 MARZO – E’ una Fiorentina da Champions League quella che batte la Lazio di Petkovic, affaticata e stanca dall’impegno di Europa League, ma anche dal bel gioco della Viola. A fine gara i protagonisti del match si sono avvicendanti ai microfoni delle varie emittenti.

Vincenzo Montella è soddisfatto, non poteva essere altrimenti, per la vittoria e per la bella prestazione: Siamo soddisfatti per il passo avanti fatto in classifica, ma anche per una partita giocata con personalità in trasferta dopo quattro ko di fila. Abbiamo vinto nettamente contro un avversario forte. La squadra ha giocato con maturità e personalità dopo quattro sconfitte in trasferta, arrivate in vari modi e per varie ragioni. Oggi ci aspettava un test importantissimo e difficilissimo, la cosa che mi è piaciuta di più è stato il coraggio dimostrato. Siamo stati padroni del campo in più di una occasione approfittando anche della stanchezza della Lazio per l’impegno di Europa League”. Sul possibile raggiungimento del terzo posto: “L’avevo detto anche tempo fa, possiamo giocarcelo, ma dobbiamo tenerci stretta anche l’Europa League. Abbiamo fatto un balzo avanti”. E continua: Dobbiamo ricordarci nelle prossime settimane di come abbiamo giocato stavolta. Deve diventare una normalità. Non so se è stata la nostra miglior partita, anche con Milan e Inter eravamo stati bravi. Di sicuro è una vittoria pesante“. Sulla punizione di Ljajic dice: “Ci lavoriamo, è una soluzione, ci vuole sincronismo altrimenti si rischia di colpire un compagno. Adem è stato astuto”. A centrocampo la Fiorentina ha fatto una super partita, ed anche di questo è soddisfatto il tecnico: “Prendo lo spunto per fare i complimenti al terreno di gioco che ha tenuto benissimo quindi bisogna complimentarsi a chi lo gestisce. La squadra ha giocato benissimo, con grande personalità e con quelle caratteristiche che ha portato in alto la Lazio. Compattezza e cinismo, insieme alla maturità che dobbiamo conservare”. Sulla possibilità di poter avere altri giocatori in rosa per rinforzarla, Montella dice: Siamo in costruzione ma siamo molto soddisfatti della squadra che abbiamo. E’ difficile migliorare questa rosa, il temperamento o ce l’hai o non ce l’hai, è una caratteristica intrinseca di ognuno. Io comunque dico che questa Fiorentina carattere ne ha, mi piace pensare alle sfide con Milan e Inter in tal senso”.

Altro Viola ai microfoni è uno dei centrocampisti chiave di questa squadra, che si è rivelato un vero colpo per la Fiorentina: Borja Valero. Ecco le sue dichiarazioni a fine partita: “Con questi compagni che ho al mio fianco è più facile giocare a calcio. Quando abbiamo iniziato la partita contro la Lazio loro ci chiudevano gli spazi poi siamo stati bravi a crearceli e con la palla sempre in nostro possesso li abbiamo fatti correre molto. Abbiamo fatto un secondo tempo perfetto tenendo la palla senza rischiare niente. Contro il Milan abbiamo fatto la partita migliore dall’inizio, oggi abbiamo iniziato male ma abbiamo migliorato il nostro gioco durante la partita. Per noi era importante vincere qua e se anche l’Inter ha perso meglio per la nostra classifica. Domenica dobbiamo puntare a vincere in casa”. Su un suo possibile ritorno in Nazionale? “Io ci spero anche se la mia Nazione è molto forte”.

In questo incontro non ha subito gol il portiere Emiliano Viviano, che commenta cosi al termine della gara: “Come diciamo noi nell’ambiente il calcio spesso è una ruota che gira e stasera mi sono riscattato all’Olimpico. Oggi non credo di aver fatto il fenomeno anche se oggi mi dite che ho fatto grandi parate, altre volte mi addossate errori che io non vedo, per me l’importante è stato stasera il risultato della squadra. Quella di stasera è stata una vittoria che vale doppio, questi tre punti devono darci tante convinzioni. Nel mirino non abbiamo niente, vogliamo continuare con queste prestazioni e cercare di fare sempre bene, vedremo tra qualche settimana se saremo da Champions. Io non avevo mai vinto all’Olimpico quindi ringrazio i miei compagni per avermi regalato questa gioia dopo quella della vittoria a San Siro“.

Autore di una bellissima rete, Stevan Jovetic parla della gara e del suo futuro: Bisogna guardare partita per partita e non ragionare in termini di Europa dopo una partita vinta. Dobbiamo restare umili e giocare sempre così come oggi contro la Lazio. Siamo una squadra forte e dobbiamo mantenere questo gioco, sempre così. Il ruolo mi piace, sono più vicino alla porta, a parte quando fanno i lanci lunghi. Sono soddisfatto per tutta la squadra, abbiamo giocato tutti bene ma teniamo i piedi per terra. Se rimango con la Fiorentina in Champions? Sono contentissimo a Firenze, voglio arrivare in Champions, non si sa il mio futuro, penso solo alla Fiorentina ed a fare queste ultime dieci partite bene. E’ tutto l’anno che parlano del mio contratto”.

Non può che essere amareggiato Valdimir Petkovic per questa sconfitta, che allontana la sua Lazio, seppur momentaneamente, dalla zona Champions League: Non abbiamo creduto abbastanza di poter vincere la partita. Abbiamo avuto diverse occasioni ma brava la Fiorentina a essere cinica e crederci. Abbiamo subito due gol evitabili, abbiamo preso un gol simile anche a Firenze, sapevamo che loro usavano queste triangolazioni. Anche non giocando bene abbiamo avuto le nostre occasioni, ma non crederci fino in fondo ci ha penalizzato”. Sconfitta figlia anche della gara di giovedì in Europa League, competizione che porta via tante energie e che viene giocata troppo a ridosso del match di campionato: In parte si, ma non voglio dare alibi: giocatori di questo livello devono giocare con voglia di vincere sia in Europa che in campionato“. Sulla possibilità che la Champions League sia compromessa, il tecnico laziale dice: “Non siamo gli unici ad avere delle difficoltà, ci crediamo eccome, ci sono ancora tante partite davanti”.

Massimiliano di Cesare

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *