Enrico Steidler

Premier League, Aston Villa-Manchester City: le probabili formazioni

Premier League, Aston Villa-Manchester City: le probabili formazioni
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L’emozionante testa-coda fra i pericolanti Villans e il City di Mancini chiude la 28a giornata e accende il Monday night

Paul Lambert, tecnico dei Villans

Paul Lambert, tecnico dei Villans

BIRMINGHAM, 4 MARZO – Arriverà dal Villa Park il primo verdetto di questa stagione? E’ quello che si augurano Ferguson e tutti i tifosi dei Devils, che dall’alto dei loro 15 punti di vantaggio sui cugini del City attendono comodamente – con lo champagne a portata di mano – il loro passo falso definitivo. La speranza dei dominatori (quasi) incontrastati del campionato (e di chi ha messo i Citizens nel mirino, vedi Tottenham e Chelsea) è che l’Aston Villa sia la classica buccia di banana sulla quale può scivolare chi è costretto a correre a perdifiato e non può far tanto caso a quel c’è per terra.

Per terra, tuttavia, e ben piantati, ci sono anche i piedi dell’esperto Roberto Mancini, che conosce alla perfezione le insidie del Villa Park ed è consapevole della necessità – al di là di improbabili sogni di gloria – di consolidare la seconda posizione in classifica con una prova all’insegna della concentrazione e dell’acume tattico. I padroni di casa, dal canto loro, lottano disperatamente per la sopravvivenza e hanno l’opportunità, City permettendo, di agganciare i Saints al quint’ultimo posto. Anche un pareggio, tuttavia (che per i Citizens avrebbe un sapore molto amaro), sarebbe preziosissimo per gli uomini guidati da Paul Lambert, che in conferenza stampa ironizza sulla pressione (così insolita per il calcio inglese) cui è ora sottoposta la sua squadra. Insomma, le premesse di una partita infuocata ci sono tutte. Ma anche se non lo fosse, potrebbe essere decisiva.

BIRMINGHAM NUN FA’ LA STUPIDA STASERA – Forse le parole, seppur leggermente modificate, del grande maestro Armando Trovajoli (scomparso alcuni giorni fa) sono quelle che riassumono meglio il travaglio interiore vissuto dai due tecnici in queste ultime ore: “Se non battiamo l’Aston Villa, la vittoria sul Chelsea non significa nulla” avverte Mancini, ancora inseguito, e chi non lo sarebbe, dai brutti ricordi di Southampton. Eppure la sua squadra non è motivo solo di qualche ansietà, ma anche di parecchie, solide certezze: in trasferta ha vinto il triplo delle partite che ha perso (6 contro 2), e viaggia alla media di quasi due gol fatti a partita (1,85), quasi la stessa di quelli subiti dai Villans (1,92). E se è vero che la probabile assenza del capitano Kompany e quella sicura di Maicon (il 31enne difensore brasiliano è stato sottoposto a un intervento di pulizia al menisco e ne avrà per almeno un mese) danno più di un grattacapo, è ancor più vero che il tecnico jesino può comunque schierare (e schiererà) uno squadrone. L’unica incertezza è legata allo schema, che potrebbe essere il super collaudato 4-2-3-1 ma anche quello (4-5-1) provato nel vittorioso match contro i Blues, con Aguero unica punta. Quest’ultimo, a quanto pare, sarà quello che vedremo in campo questa sera.

Senz’altro più assillanti sono le preoccupazioni di Paul Lambert, alle prese con gravi (e in buona misura irrisolti) problemi di assetto (la sua squadra si disunisce facilmente e in questa stagione ha subito il doppio dei gol realizzati: 52 contro 26) e che spera di recuperare in extremis Vlaar (problemi al polpaccio per il difensore della nazionale olandese: quasi certa, tuttavia, la sua presenza in campo), l’attaccante Darren Bent e il portiere titolare, l’irlandese Shay Given. Il tecnico dei Villans può però contare sul bomber Benteke (11 gol, solo uno meno di Dzeko), sul prezioso apporto di N’Zogbia, Weimann e, naturalmente, sull’indiavolato sostegno dei 43mila tifosi del Villa Park. Basterà?

ASTON VILLA-MANCHESTER CITY, questa sera ore 21

PROBABILI FORMAZIONI

ASTON VILLA (4-4-1-1): Guzan, Lowton, Clark, Vlaar, Baker, Weimann, Westwood, Delph, Agbonlahor, N’Zogbia, Benteke. All. Lambert.

MANCHESTER CITY (4-5-1): Hart, Zabaleta, Nastasic, Kolo Tourè, Clichy, Milner, Barry, Garcia, Yaya Tourè Silva, Aguero. All. Mancini

Arbitro: Mike Dean

CLASSIFICA

Manchester Utd. 71, Manchester City 56, Tottenham 54, Chelsea 52, Arsenal 47, Everton 45, Liverpool 42, Swansea 40, West Bromwich 40, Fulham 33, Stoke City 33, West Ham 33, Norwich 32, Sunderland 30, Newcastle 30, Southampton 27, Aston Villa 24, Wigan 24, Reading 23, QPR 20.

a cura di Enrico Steidler

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *