Antonio Fioretto

Serie A: Juve-Napoli fino alla fine, ma occhio al Milan

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Palermo e Pescara, un piede in Serie B

NAPOLI, 4 MARZO – Tirare le somme non è mai stato così semplice. La 27/ma giornata di Serie A ci ha lasciato dei verdetti chiari ed inequivocabili. Innanzitutto, c’è la certezza che il campionato non è finito, anzi. Juventus e Napoli se la giocheranno fino alla fine, c’è da scommetterci. In vista degli impegni in Champions dei bianconeri, che si spera siano quanto più lunghi è possibile, e considerando la possibilità degli azzurri di concentrarsi solo sul campionato,si evince che nulla è già scritto. Ci sono 33 punti ancora a disposizione e tutto può ancora succedere. E’ però altrettanto vero che, ora come ora, gli uomini di Conte sono sempre più favoriti. Sei punti di vantaggio non sono pochi e ora c’è anche il vantaggio negli scontri diretti. Insomma, solo la Juve può perdere lo Scudetto, ma non è detto che ciò non accada.

IL MILAN PUNTA AL SECONDO POSTO – Se il Napoli può puntare comunque alla prima piazza, deve stare attento nello stesso tempo alla rimonta del Milan. La squadra di Allegri è probabilmente la più in forma del campionato e dall’ ottava giornata in poi rappresenta la numero uno tra le 20 di Serie A. Complice la rinascita di Boateng, le capacità del tecnico e una ritrovata solidità difensiva ( i rossoneri subiscono pochissimi gol ), la compagine milanese ha rosicato punti su punti e con la vittoria roboante contro la Lazio per 3-0 si è portata a -5 proprio dalla squadra di Mazzarri. Occhio…

PAZZA INTER, PAZZO STRAMA – La giornata appena trascorsa ci ha anche fatto ritrovare la Pazza Inter. Clamoroso al Cibali, perchè recuperare dal 2-0 al 2-3 in un campo difficile come quello di Catania è tutt’altro che impresa facile. Le lacune degli undici di Stramaccioni continuano a lasciare dubbi preoccupanti. Ma almeno ora la squadra ha risposto con grinta e personalità, guidata dai senatori Cambiasso e Stankovic e soprattutto da un Palacio fenomenale. Una domanda però sorge spontanea: visto che è stata la vecchia guardia a guidare i nerazzurri alla rimonta, significa ciò che i nuovi non sono all’altezza?

MONTELLA E ANDREAZZOLI SORRIDONO – Roma e Fiorentina, dal canto loro, recuperano punti e posizioni importanti nella corsa verso l’Europa. La squadra di Andreazzoli soffre da matti ma riesce a conquistare una vittoria fondamentale ( la terza consecutiva ) contro un Genoa mai domo e unico protagonista capace di infiammare la lotta salvezza. La serata dell’ Olimpico è sublimata dal record di Totti : 225 come Nordahl e secondo miglior marcatore nella storia de campionato italiano. Passando alla viola, gli uomini di Montella vincono per 2-1 una partita soffertissima con gol decisivo del neo acquisto Larrondo.

TRA COLOR CHE SON SOSPESI – E’ ormai chiaro che il verdetto ancora in bilico del nostro campionato è la lotta all ‘ Europa. In basso, infatti, Pescara, Palermo e Siena sono appaiate a 21 punti e troveranno davvero difficile effettuare una risalita tale da salvarsi. Anzi, la squadra di Zamparini è già con un piede in Serie B e quella di Bergodi, tra l’altro a un passo dall’ esonero, può tranquillamente considerarsi retrocessa, a meno di stravolgimenti totali. Il Siena invece sta onorando alla grandissima il campionato e sputando sangue in ogni partita. L’analisi della squadra di Iachini, sconfitta ieri in casa dall’ Atalanta con doppietta di Bonaventura, dev’ essere imperniata anche e soprattutto intorno alla penalizzazione di 6 punti senza la quale i toscani sarebbero a 27 punti e quindi con un punto di vantaggio sul Genoa.

Sampdoria-Parma e Bologna-Cagliari sono stati match utili per il centro classifica, con i blucerchiati e i felsinei corsari e con tre punti in più in classifica. Un elogio va ad Alessandro Diamanti, autore di un gol pazzesco, leader assoluto del Bologna e protagonista di una stagione invidiabile. Il baby Icardi, invece, si concede il nono centro in Serie A. 18 anni e tutto il futuro davanti.

a cura di Antonio Fioretto

 

Share Button