Sebastian Mongelli

Calciomercato Lazio: per Zarate e Foggia domani è il giorno della verità

Calciomercato Lazio: per Zarate e Foggia domani è il giorno della verità
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Mauro ZarateROMA, 28 FEBBRAIO – Alla Lazio e ai due giocatori resta soltanto poco più di un giorno per poter “divorziare“. Sirene dell’est Europa per entrambi, le destinazioni sarebbero Ucraina e Russia.

SARA’ “ZAR”ATE? – Domani si chiuderà il mercato invernale in Ucraina e la sola pretendente per il talento di Haedo è la Dinamo Kiev. Durante il mese di gennaio sono stati intensi i rapporti tra le due società, ma anche quelli con l’entourage del giocatore. Negli ultimi giorni di mercato il passaggio di Zarate alla Dinamo Kiev era quasi fatto, mancavano gli ultimi dettagli e successivamente l’ufficializzazione del trasferimento, ma qualcosa è andato storto. Si è parlato di un ulteriore ripensamento dell’argentino sul contratto e sull’ipotetica clausola rescissoria, ma anche del fatto che Lotito avesse alzato il prezzo, alla fine dunque non se n’è fatto più niente. Si era parlato di circa 8 milioni di euro, cifra che la Lazio, se l’affare fosse andato in porto, avrebbe reinvestito automaticamente per l’acquisto di Felipe Anderson. Dal 31 gennaio però di Zarate alla Dinamo Kiev non se n’è più parlato, e a poco più di 24 ore dalla chiusura del mercato in Ucraina ancora tutto tace. Lotito spera di liberarsi del giocatore soprattutto per l’elevato ingaggio che percepisce, ma anche di riuscire a racimolare qualche milione utile per la prossima campagna estiva.

FOGGIA IN RUSSIA? – Sirene russe per Pasquale Foggia. Il trequartista biancoceleste infatti dopo essere stato messo fuori rosa è alla ricerca di una sistemazione, ma così come successo la scorsa estate, nel mese di gennaio nessuna squadra ha mostrato un vero interesse verso di lui. Sulle tracce del campano ci sono due squadre, Lokomotiv Mosca e FC Rostov. Ma al momento, come per Zarate, tutto tace. Lo scorso anno stava per essere riscattato dalla Sampdoria dopo aver contribuito alla promozione in Serie A, ma poi il club ligure fece un passo indietro e non puntò su di lui.

Per Zarate e Foggia non resta che sperare in un accordo in extremis tra le società, altrimenti continueranno a “pascolare” a Formello.

a cura di Sebastiano Mongelli

Share Button