Antonio Foccillo

Milan-Barcellona: assente Villa, recupera Xavi. La probabile formazione blaugrana

Milan-Barcellona: assente Villa, recupera Xavi. La probabile formazione blaugrana
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

El Shaarawy vuole essere della partita, Barcellona con tutti i suoi titolari

Messi festeggiato da Fabregas e Alba

Messi festeggiato da Fabregas e Alba

MILANO, 18 FEBBRAIO –  Mancano ormai meno di 48 ore al grande match del Meazza tra il Milan e i campioni del Barcellona. Nell’ultimo anno le due squadre si affronteranno per ben sei volte, con i rossoneri che nel doppio confronto dei quarti di finale della scorsa Champions, sono usciti si sconfitti, ma a testa altissima.

QUI MILAN: SERATA DI CONSACRAZIONE PER EL SHAARAWY-  La situazione in casa del diavolo è cambiata molto in questi 12 mesi. Non più la sicurezza di Nesta e Thiago Silva in difesa, niente Ibrahimovic in avanti a fare gioco e a mettere paura le difese avversarie. Non schierabile Balotelli, Allegri dovrà rinunciare anche ad un uomo di esperienza come Robinho, che in questa stagione in verità non ha mai fornito un contributo reale alla causa rossonera. Chi invece è stato protagonista è Stephan El Shaarawy ed è su di lui che si concentrano le speranze rossonere. Il suo impiego è ancora in discussione, ma il piccolo faraone vuole esserci. Nonostante l’appannamento delle ultime settimane e il fastidio tendineo al tendine rotuleo, è lui il solo fenomeno a disposizione di Max Allegri per tentare di assaltare la non impeccabile difesa blaugrana. El92 sa che questa potrebbe essere la partita della sua definitiva consacrazione, l’occasione giusta per dimostrare di poter prendere per mano il Milan anche su palcoscenici prestigiosi come quello della Champions League . Ad affiancarlo in avanti poche alternative per il tecnico rossonero, Pazzini sarà sicuro del posto come ”bomber di coppa” vista l’indisponibilità di Super Mario . Il tridente dovrebbe essere compeltato da Boateng, che Allegri potrebbe proporre anche come trequartista per aiutare il centrocampo.

INGABBIARE MESSI, DICTAT PRESIDENZIALE –  Il presidente Berlusconi è stato chiaro: Milan a due punte e uomo su Messi. L’idea di ingabbiare il tetra pallone d’oro è una soluzione percorribile ed è quindi previsto un centrocampo muscolare con Ambrosini e Flamini affiancati da Montolivo. Il capitano rossonero o il francese andranno in marcatura sulla ‘pulgita’ del Barca, con Montolivo che lascerà il suo nuovo ruolo di regista. In difesa linea a quattro con Abate, Mexe, Zapata e Constant. Sicuramente non il pacchetto arretrato più solido che si ricordi in casa rossonera, ma il pensiero va inevitabilmente alla finale del 1994, dove nonostante l’assenza di Baresi e Costacurta, la porta di Rossi rimase immacolata. La tenuta difensiva del Milan nelle ultime partite però non è stata esaltante. Il pressing del Parma ha mandato i rossoneri nel pallone, con errori che sarebbero potuti costare cari . Se i ducali hanno perdonato, il Barcellona non sarà così indulgente. L’aiuto del centrocampo sarà fondamentale.

QUI BARCELLONA: BLAUGRANA RIPOSATO, ASSENTE IL SOLO VILLA – La differenza potrebbe stare tutta nella diversa situazione di campionato delle due squadre. Il Barcellona ha infatti un notevole margine di vantaggio dall’Atletico Madrid, staccato di ben 12 lunghezze. Contro il Granada, nonostante abbiano riposato molti dei big, è arrivata comunque la vittoria ed ecco che a San Siro si presenterà una squadra riposata e soprattutto in formazione tipo. A centrocampo recupera Xavi e sarà affiancato da Busquets e Fabregas, mentre in attacco, accanto all’extraterrestre con il numero 10 sulle spalle, dovrebbero esserci Pedro e Don Andrès Iniesta. Nonostante in difesa si riveda la coppia Pique-Puyol, quella blaugrana non è sicuramente una retroguardia insuperabile. Il fortino di Vilanova ha concesso il goal nelle ultime 9 partite tra campionato, coppa del Re e Champions League.

a cura di Antonio Foccillo

Share Button