Redazione

Juventus, Milan e il tricolore: finale di una storia già scritta?

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

MILANO, 30 APRILE – A tre giornate dalla fine, il campionato di Serie A entra nella sua fase più importante e decisiva. Le rispettive vittorie esterne della Juventus e del Milan non stravolgono la gerarchia della classifica, con i rossoneri  sempre indietro di tre lunghezze. I bianconeri sembrano destinati alla vittoria finale ma il calcio riserva molto spesso sorprese, più o meno gradite.

QUI JUVE – La Juventus è in una forma fisica e mentale strepitosa. Gli uomini allenati da Antonio Conte non sbagliano un colpo, anzi. Aldilà dei record, raggiungibili o già battuti (primato di imbattibilità di 35 partite consecutive in campionato), quello che impressiona è la fame di questi ragazzi. Conte ha saputo creare una squadra a sua immagine e somiglianza, ha riportato entusiasmo all’interno dello spogliatoio e ha riavvicinato, anche attraverso il prezioso aiuto dello Juventus Stadium, i tifosi alla squadra. Un mix esplosivo che dovrebbe concludersi con i più classici dei lieto fine.

QUI MILAN – La filosofia che regna in casa rossonera può essere sintetizzata in questa espressione: never give up. Infatti, il Milan non può e non deve mollare se vuole ancora cullare il sogno tricolore. Indubbiamente lo scudetto è indirizzato verso Torino, ma il calcio è strano e una squadra, quella di Conte, che finora ha sbagliato poco o niente potrebbe inciampare. Allegri può contare sul rientro di uno straripante Cassano e sullo svagato ma sempre decisivo Ibrahimovic. Insomma finché la matematica non consegna il passaggio di testimone, bisogna sempre dare il 110%: vincere e sperare. In fondo le vittorie più belle, sono anche quelle più difficili.

Michele Lestingi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *