Redazione

Copertina SportCafe24: Sansovini lancia lo Spezia verso i playoff

Copertina SportCafe24: Sansovini lancia lo Spezia verso i playoff
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

SansoviniLA SPEZIA, 12 FEBBRAIO – Alla vigilia del campionato cadetto lo Spezia era una delle compagini favorite per la promozione nella massima serie in seguito ad una sessione di calcio mercato condotta da protagonista. La formazione ligure nella prima parte della stagione ha deluso le attese, evidenziando crisi di gioco e di risultati, nonostante nelle sue fila possa vantare l’attuale capo cannonniere della serie B. Infatti con 17 reti al comando della classifica dei bomber troviamo Marco Sansovini, sempre più decisivo nella rincorsa degli “aquilotti” verso un posto nei playoff.

LA CARRIERA – Sansovini nasce a Roma nel 1980 e comincia a tirare i primi calci nel settore giovanile del club giallorosso prima di passare nel 1998 in prestito nel Foggia. In Puglia si rompe il crociato del ginocchio sinistro e l’infortunio gli impedisce di mettersi in evidenza tanto che l’anno successivo ritorna nella capitale dove, nella stagione 1999/2000, riporta la rottura del crociato dell’altra gamba, quella destra. Dopo l’operazione e la successiva fase di rieducazione nell’estate del 2000 passa al Viareggio dove rimane per 2 anni disputando il campionato di serie C2 con 56 presenze impreziosite da 10 reti. Nel 2002 va alla Torres dove rimane solo 6 mesi (17 apparizioni in campo e 1 goal) per trasferirsi nel gennaio successivo al Tivoli in cui va a segno per 4 volte in 9 gare disputate. Al termine del prestito ritorna alla Torres dove nel 2003/2004 firma 2 reti in 22 partite e poi viene acquistato dalla Pro Sesto dove si ferma per un biennio conquistando il primo anno la promozione in serie C1 ma non riuscendo ad evitare la retrocessione la stagione successiva. Nel 2006 si trasferisce al Grosseto ma la prima parte del campionato è deludente in quanto viene utilizzato 16 volte senza mai far comparire il proprio nome nel tabellino dei marcatori e allora a Gennaio passa al Manfredonia dove realizza 3 reti in 14 presenze. Nel 2007 va in prestito a Pescara in serie C1 e in questa occasione Sansovini comincia a prendere coscienza delle sue notevoli capacità giocando e segnando con buona continuità. Al termine della stagione sono 16 le marcature ottenute in 26 incontri che gli valgono il ritorno a Grosseto e il debutto in serie B, il 30 Agosto del 2008 nel derby contro il Pisa. L’impatto con la cadetteria è sorprendente e si conclude con l’accesso ai playoff per la promozione in serie A dove i maremmani vengono eliminati nella semifinale contro i corregionali del Livorno. Al termine della stagione il bottino dell’attaccante romano è di tutto rispetto dal momento che risulta il capo cannonniere della sua formazione con 15 goal spalmati in 39 apparizioni in campo. Nell’Agosto del 2009 firma, nelle ultime battute del calcio mercato, un quadriennale con il Pescara con il quale al primo colpo ottiene la promozione nella serie cadetta. In Abruzzo rimane altre due stagioni diventando il capitano della compagine biancoazzurra e risultando decisivo nella scorsa stagione in occasione dello storico ritorno del Pescara nella massima serie. Alla fine dell’esperienza pescarese sono 31 le reti messe a segno in 110 presenze che lo fanno diventare il marcatore più profilico di sempre nella storia del sodalizio abruzzese. Nel Giugno del 2012 firma un biennale con l’ambizioso Spezia con il quale si rende subito protagonista a suon di reti nonostante il cammino abbastanza altalenante della formazione ligure. Posizionato stabilmente nelle prime posizioni della classifica dei marcatori ne assume il comando dopo l’ultimo turno nel quale subentra al 55′ al posto del compagno Romagnoli e contribuisce con una tripletta a ribaltare il risultato contro l’Ascoli che al momento del suo ingresso era avanti di 3 reti. Un tap in da distanza ravvicinata in seguito ad una sponda aerea di un compagno, un tiro al volo dal limite dell’area piccola e un gran tiro di sinistro a girare dal limite dell’area grande che si è spento in rete alle spalle del portiere ascolano hanno messo in evidenza tutto il repertorio dell’attaccante della formazione ligure che si affida a lui per centrare il traguardo dei playoff e tentare poi la salita nella massima serie calcistica italiana.

LE CARATTERISTICHE TECNICHE – Sansovini è una prima punta che ama svariare su tutto il fronte offensivo cercando in questo modo di non dare punti di riferimento agli avversari. Molto dotato sul piano tecnico è anche decisamente rapido nei movimenti, è molto abile spalle alla porta ed è molto opportunista grazie all’innato senso della posizione che gli appartiene. Calcia preferibilmente con il sinistro ma se la cava anche con il destro mentre è carente in acrobazia a causa del fisico minuto che non gli consente di sovrastare i difensori avversari. Ottimo rigorista possiede anche un buon dribbling e notevole freddezza sotto porta, doti che gli consentono di andare alla conclusione anche senza il sostegno della squadra. Notevole anche il fiuto del goal come testimoniano le oltre 100 reti realizzate in carriera nei campionati professionistici. Legato allo Spezia da un contratto in scadenza nel 2014 Sansovini tenterà in tutti i modi di conquistare la promozione nella massima serie con la squadra ligure in modo da poter debuttare finalmente in serie A, traguardo che, alla soglia dei 33 anni, non è finora mai riuscito a raggiungere.

a cura di Mauro Leone

Share Button