Nadia Gambino

I Top e i Flop della giornata numero 24

I Top e i Flop della giornata numero 24
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

balMILANO 11 FEBBRAIO – Si è conclusa ieri con il posticipo Inter-Siena la ventiquattresima giornata di campionato. Vediamo quali sono stati i Top e i Flop in una giornata ricca di sorprese.

I top – Ancora una volta decisivo Balotelli. SuperMario ha realizzato la sua terza rete al Milan in 2 gare di campionato su calcio di rigore. Mario dagli 11 metri è implacabile, non ne ha mai sbagliato uno. Grazie a lui il Milan riagguanta il pareggio e conquista un punto che sembrava ormai perso.

L‘Inter è tra i top di questa giornata. Serviva una reazione e la reazione c’è stata. Serviva vincere e la squadra ha vinto superando i cugini per la lotta verso il terzo posto e portandosi a -1 dalla Lazio. L’orgoglio nerazzurro ha portato a Stramaccioni, che sembrava quasi in bilico, una vittoria importante e il ritorno con gol di Milito. La sua assenza in attacco è pesata parecchio. Da qui alla fine la lotta per il terzo posto si fa ora più avvincente.

Matri – La Juve cerca ancora il top player, e lui risponde al club segnando ancora  e stavolta dopo aver perso la scarpa e dunque col calzino! Insieme e lui Vucinic a ricordare a tutti che la Juventus vola anche senza un Mister da 20 gol a stagione.

Floccari – E’ lui il vice Klose alla Lazio e proprio come il tedesco segna gol a ripetizione. Contro il Napoli è andato di nuovo in rete anche se poi è giunto il pareggio degli azzurri, comunque lui è risultato tra i migliori della sua squadra.E Lotito ora vuole blindarlo offrendogli il prolungamento del contratto.

I Flop – Mister Delio Rossi per il terzo dito mostrato a Burdisso. Gesto tanto volgare quanto inutile al termine di una gara già vinta e che vede protagonista un signore della sua età che dovrebbe dare l’esempio e dopo la rissa in panchina  con Ljajić la scorsa stagione quando allenava la Fiorentina, adesso ecco il gestaccio… non c’è due senza tre???

Osvaldo. Nella giornata nera della Roma del dopo-Zeman, insieme al portiere Stekelenburg autore di un’altra papera, Osvaldo tira il rigore scalzando il capitano e tiratore scelto Totti e lo sbaglia, in una gara in cui emergono tutte le falle dei giallorossi che prendono altri 3 gol, poi litiga venendo quasi alle mani in aeroporto con un tifoso, salvo poi oggi chiedere scusa a tutti, compagni di squadra e tifosi. Domenica nera da cancellare. Osvaldo

Napoli – la gara con la Lazio era ostica, ma gli uomini di Mazzarri, non riescono a fare quel passo in più da grande squadra in ogni appuntamento cruciale. Cosa che riesce molto bene agli uomini di Conte, che non steccano le grandi occasioni e così si riportano a + 5. riuscirà la Champions a togliere smalto ed energie ai bianconeri? E soprattutto, riuscirà qualcuno ad approfittarne?

Nadia Gambino

Share Button