Fabio Pengo

L’Inter batte il Cesena e aggancia in un solo colpo Lazio e Napoli

L’Inter batte il Cesena e aggancia in un solo colpo Lazio e Napoli
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

MILANO, 29 APRILE – Questo pomeriggio abbiamo assistito al match tra Inter e Cesena. La squadra di Stramaccioni è riuscita ad agganciare Lazio e Udinese a quota 55 punti in attesa del match di questa sera che vede coinvolto le ultime due per i tre punti che valgono un posto importante in Europa.

LA PARTITA

La squadra di Stramaccioni parte subito bene schiacciando il Cesena nella propria metà campo. Il primo a trovare un buco nella difesa della squadra ospite è Maicon che si invola sulla fascia e pesca Pazzini in area che non riesce a correggere la traiettoria della palla. Al 13° minuto Nagatomo salta Von Bergen e libera un tiro pericolosissimo disinnescato però da un Antonioli impeccabile. Il Cesena tenta di spezzare l’assedio dei giocatori interisti, ma è Alvarez questa volta che riceve palla, si accentra e fa sibilare la sfera a pochi centimetri dal palo. Quattro minuti dopo l’Inter si mangia un gol clamoroso: Maicon va via in serpentina ai difensori cesenati e serve Pazzini al centro dell’area che a tu per tu si fa ipnotizzare sparandogli la palla tra le braccia. Nonostante i diciannove minuti appena trascorsi sembra che la gara abbia già subito una piega ben precisa; i padroni di casa si impongono sugli avversari con velocità e determinazione anticipando ogni mossa degli avversari. Pazzini vuole farsi perdonare e al minuto 38 ,dopo uno scambio rapido tra Snejider e Alvarez, riceve palla sulla corsa e batte a rete ma è ancora Antonioli a mantenere il punteggio sullo 0-0. L’estremo difensore del Cesena si rende protagonista di una parata involontaria a due minuti dalla fine del primo tempo ricevendo una pallonata in pieno volto su un tiro violentissimo di Lucio. Allo scadere dei primi quarantacinque minuti il Cesena resiste all’assalto dell’Inter aiutato anche da un pizzico di fortuna.

Nel secondo tempo la prima palla gol è per il Cesena con Iaquinta che spreca tutto alzando la palla sopra la traversa della porta di Castellazzi fino ad ora del tutto inoperoso, ma il suo collega dall’altra parte del campo non se la passa così bene: al 51′ Antonioli si supera chiudendo nuovamente la porta in faccia a Pazzini. La squadra romagnola si rende pericolosa soprattutto sulle ripartenze colpendo prima la traversa con Iaquinta e poi trovando il gol con Ceccarelli al 56′. Sembra una beffa per i padroni di casa che adesso si trovano costretti ad inseguire e raggiungono il pareggio appena dopo due minuti con Obi che fino a questo momento ha fatto davvero ben poco. A questo punto i due allenatori iniziano la girandola dei cambi per far rifiatere i loro giocatori più affaticati: Stramaccioni butta nella mischia Zarate e Milito al posto dell’ottimo Alvarez e dello spento Pazzini ancora lontano dalla migliore condizione. La scelta dell’allenatore interista di puntare su Zarate si rivela perfetta tanto che, dopo una sua prima incursione fermata dai difensori cesenati, trova il gol del vantaggio nerazzurro dopo un ennesimo miracolo di Antonioli su Milito. Con il punteggio sul 2-1 la squadra di casa supera, momentaneamente, l’Udinese che stasera sarà impegnata contro la Lazio in una lotta serrata per il terzo posto in classifica. Intanto l’Inter vuole controllare il gioco mutando il proprio schema: adesso i giocatori nerazzurri sono disposti in campo con un 4-4-1-1 dove Zarate arretra esterno di centrocampo e Milito torna ad essere unica punta in avanti. Al minuto 86 il Cesena sfrutta un nuovo contropiede con Iaquinta che però svirgola la palla tentando una girata al volo. Nei Minuti di recupero Poli ha la possibilità di realizzare il 3-1 ma l’estremo difensore del Cesena gli nega questa gioia. Allo stadio di San Siro il match termina sul 2-1.

INTER 1 (58′ Obi, 73′ Zarate) CESENA 1 (56′ Ceccarelli)

Le Formazioni

INTER (4-3-1-2): Castellazzi; Maicon, Lucio, Ranocchia, Nagatomo; Guarin, Cambiasso; Obi; Alvarez, Sneijder; Pazzini. A disp.: Orlandoni, Cordoba, Faraoni, Poli, Forlan, Milito, Zarate  All.: Stramaccioni.

CESENA (5-3-2): Antonioli; Ceccarelli, Benalouane, Von Bergen, Rodriguez, Comotto; Santana, Guana, Parolo; Mutu, Iaquinta. A disp.: Ravaglia, Rossi, Martinho, Malonga, Djokovic, Arrigoni, Lolli. All.: Beretta

Ammoniti: Benalouane, Santana
Espulsi:

Fabio Pengo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *