Redazione

Parma, Donadoni: “Firenze non è stato un black out”. Mirante fuori un mese

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il Mister sulla sconfitta e sui nuovi arrivi. Lesione al menisco per il portiere

Roberto Donadoni

Roberto Donadoni

PARMA, 5 FEBBRAIO- Conferenza stampa per il tecnico del Parma Roberto Donadoni, reduce dalla sconfitta di domenica contro la Fiorentina. L’ex CT della nazionale ha analizzato la partita di Firenze in modo pacato e non vedendo un Parma spento e senza idee. Donadoni ha invece parlato dei gialloblu come una squadra in forma e che ha corso più dei Viola, avendo anche delle buone occasioni da gol; tutto ciò prima del 2-0, che ha spazzato via i ducali da un punto di vista psicologico.

SUI NUOVI- Nella finestra di mercato sono arrivati due centrocampisti a rinforzare il Parma, Strasser e Mariga. Donadoni parla delle possibilità di vederli in campo domenica nella sfida casalinga contro il Genoa:”Sarà una settimana dove dovremo integrare ancora di più i nuovi. Sappiamo che alcuni di loro sono in ritardo di condizione e per questo stiamo lavorando per portarli il prima possibile al livello degli altri. Ad esempio, il fatto che Mariga domenica abbia giocato gli ultimi 20 minuti è molto importante, anche se credo che in questo momento non abbia nelle gambe tutti 90 minuti. Lo stesso vale per Strasser.Comunque sia c’è l’opportunità domenica di vederli all’opera“.

MIRANTE- Ma la partita di Firenze non ha lasciato come postumi solo la sconfitta, ma anche qualcosa di forse più grave: Antonio Mirante, portiere titolare del Parma si è infortunato procurandosi una lesione al menisco mediale del ginocchio destro che lo costringerà ad operarsi e a stare fermo almeno un mese.”Per come me l’ha raccontato” dice Donadoni “è successo in occasione del gol annullato a Toni. Nell’uscita gli è rimasto il piede piantato e questo non gli ha permesso di scivolare e assecondare il movimento del corpo. In quel momento ha sentito la fitta sul menisco“. Pronto a sostituirlo Nicola Pavarini.

Matteo Mistretta

Share Button