Redazione

Calciomercato Bologna, Zanzi lavora per il rinnovo di Perez

Calciomercato Bologna, Zanzi lavora per il rinnovo di Perez
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

il dg Zanzi incontrerà in settimana l'agente di Diego Perez per lavorare al rinnovo del centrocampista

BOLOGNA, 5 FEBBRAIO – Finito, tra luci e ombre, il mercato di riparazione e all’indomani dell’importante vittoria con il Pescara a Bologna si inizia  a lavorare in vista 2013-14. Il primo nodo da affrontare per la dirigenza è l’affare Perez, l’uruguaiano è in scadenza e il suo contratto è tra i più onerosi.

Il mediano guadagna una cifra non molto distante dal milione e cento e compirà 33 anni a maggio. Nelle due stagioni e mezzo a Bologna, in cui ha collezionato circa 70 presenze, ha dimostrato di essere uno dei più importanti uomini nel centrocampo rossoblù,  il che dovrebbe valergli la conferma ma anche il bilancio ha le sue ragioni.

Un milione e cento all’anno equivale ad un esborso per la società, al lordo, di quasi due milioni; cifra non certo trascurabile per una società come quella felsinea ma al contempo è necessario considerare il fatto che sul mercato non sembrano essere disponibili centrocampisti con la costanza di rendimento e l’esperienza mostrata da Perez in queste stagioni. Sarà su questi elementi che la dirigenza dovrà decidere se fare uno sforzo economico e far rimanere in rosa l’uruguayano o meno.

Quel che è certo è che in ogni caso il giocatore dovrà abbassarsi lo stipendio, è realistico pensare che sia possibile un accordo, soddisfacente per entrambe le parti, sulla base di un biennale da ottocentomila euro annui: il Bologna continuerebbe ad avere in rosa un ottimo giocatore ad un costo inferiore dell’attuale e Perez, a 33 anni, si assicurerebbe un contratto di tutto rispetto in serie A alla non indifferente cifra di 800mila euro a stagione. Da non sottovalutare però l’interesse di alcune squadre di serie A e della Liga che potrebbero tentare Perez e indurlo a lasciare Bologna a giugno al termine dell’attuale contratto.

Giulio Figlia

Share Button