Filippo Di Cristina

Milan, Berlusconi: “Notte insonne grazie a Balotelli”. Il terzo posto non è più un sogno

Milan, Berlusconi: “Notte insonne grazie a Balotelli”. Il terzo posto non è più un sogno
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

SuperMario insieme al Faraone per raggiungere il sogno Champions League. Ma intanto Berlusconi non dorme...

La coppia da sogno Balotelli - El Sharaawy

La coppia da sogno Balotelli – El Sharaawy

MILANO, 5 FEBBRAIO – Grande serenità ed entusiasmo in casa rossonera. Le recenti critiche su una squadra poco brillante e “Faraone-dipendente” si vanno affievolendo anche grazie a delle prestazioni determinate del diavolo rossonero. La partita di domenica sera contro l’Udinese, vinta per 2-1 dalla compagine di Mister Allegri, ha visto il ritorno in Italia di SuperMario Balotelli, per altro in grande stile (visto che i 2 goal sono arrivati proprio dall’ex Citizen). Polemiche per il rigore, quantomeno dubbio,  assegnato ai rossoneri nel finale di partita, ma doppietta di gran spessore per Balotelli.

PARLA IL PRESIDENTE – Berlusconi lo aveva definito “mela marcia”, per via del suo carattere difficile, e aveva dichiarato che non sarebbe arrivato al Milan e invece eccolo lì in campo, accanto al faraone e al baby talento Niang a siglare la vittoria del Milan. Lo stesso Bad Boy ha detto, forse per circostanza, di non aver sentito le dichiarazioni del presidente del Milan e che pensa solo a far bene in maglia rossonera. Silvio Berlusconi non smette mai di far parlare di sé e dichiara, in un comizio a Trieste, che i due goal di Balotelli non lo hanno fatto dormire serenamente. I più maligni pensano che l’acquisto di SuperMario possa essere una mossa elettorale di Berlusconi, ma intanto i tifosi possono godere dello spettacolo offerto dal calciatore e sognare il raggiungimento del 3° posto.

SOGNO CHAMPIONS – Il Milan dunque, dato il rinnovato entusiasmo, si proietta ad un girone di ritorno da assoluto protagonista con un Balotelli in più e una certezza come il Faraone. Il tridente offensivo è già stato rinominato “Il tridente delle creste” per via delle acconciature dei tre attaccanti. Galliani ha avuto modo di complimentarsi con SuperMario dicendo di aver visto la stessa presenza scenica di Ibrahimovic in campo, aggiungendo un pizzico di pressione sull’attaccante italiano che raccoglie di fatto l’eredità dello svedese.

La prossima partita vedrà il Milan fronteggiare in trasferta il Cagliari che però ha nuovamente problemi di impianto sportivo, dato che l’IS Arenas di Quartu Sant’Elena sembra non poter ospitare il match di serie A

a cura di Filippo Di Cristina

Share Button