Vincenzo Arnone

Palermo: arriva Malesani, ma il futuro appare più nero che rosa

Palermo: arriva Malesani, ma il futuro appare più nero che rosa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il presidente rosanero tenta l'ultimo ribaltone. Basterà a salvare la squadra o si rivelerà un errore?

Maurizio ZampariniPALERMO, 4 FEBBRAIO – Tanto tuonò che piovve. Il treno della fiducia di Maurizio Zamparini nei confronti di Gasperini era arrivato al capolinea già qualche domenica fa, con l’ormai ex amministratore delegato Pietro Lo Monaco che aveva fatto da scudo al tecnico di Grugliasco, che, dal canto suo, non ha fatto abbastanza per salvare la propria panchina. Oggi lo scontato e doloroso epilogo.

ENNESIMO CAMBIO – Nuovo ribaltone, quindi, in Viale del Fante. Via Lo Monaco, via Gasperini, è arrivato il momento di Alberto Malesani, condito da un possibile ritorno di Giorgio Perinetti (che però in mattinata ha seccamente smentito). L’ultimo posto in classifica farebbe tremare le vene di qualsiasi tecnico, come un malaugurante corvo portatore di sventura. Gennaio ha portato nuovi giocatori, Febbraio non ha portato la vittoria, rimane da chiedersi cosa porterà in dono il mese di Maggio, se il dolce della salvezza o il veleno della retrocessione.

GLI ERRORI NELLA GESTIONE. SARANNO FATALI? – Del Palermo, Maurizio Zamparini è stato e rimane il vero deus ex machina. Il suo volere in società è legge e Lo Monaco paga anche il fatto di pensarla diversamente dal proprio presidente, come hanno dimostrato questi quattro mesi. “Zampa“, però, ha sbagliato a non affidarsi al suo istinto e a non esonerare Gasperini quando ne sentiva il bisogno, ma, ahimè per lui, sbaglia anche a rompere con il suo amministratore delegato, che avrebbe preferito Pasquale Marino (che aveva lavorato con lui a Catania) come nuovo allenatore: quello di Lo Monaco era un vero e proprio “all in”, tutto o niente, salvezza o retrocessione, e avrebbe meritato, vista la comunque tragica situazione di classifica, maggiore fiducia e considerazione. La classifica corta al momento non ha spento le speranze, del Palermo e di Palermo, di una permanenza in A, però il tempo è tiranno e le altre rivali potrebbero anche iniziare a correre, lasciando gli isolani nel baratro. Ma bisogna considerare anche che l’esonero di Gasperini, in questo momento della stagione, potrebbe rivelarsi un arma a doppio taglio. Dopo aver costruito insieme a Lo Monaco lo schema dei rinforzi per la sua creatura, lascerà in eredità la squadra ad un tecnico, Malesani, che non potrà intervenire sul mercato e che si troverà quindi costretto a preparare un banchetto di nozze con quello che troverà nel frigorifero rosanero. Cui prodest? L’impressione è che difficilmente un simile caos potrà giovare a una squadra che ha bisogno prima di tutto di serenità e poi di ritrovare il bandolo della matassa, sul piano del gioco, della convinzione, del carattere. Intanto ci sentiamo di augurare buona fortuna a mister Malesani: ne avrà sicuramente bisogno.

Vincenzo Arnone

Share Button