Redazione

Lega Pro, il punto sui campionati dopo la quarta giornata di ritorno

Lega Pro, il punto sui campionati dopo la quarta giornata di ritorno
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

SerafiniROMA, 30 GENNAIO – Platea riservata alla Seconda Divisione in quanto i gironi di Prima Divisione prevedevano una giornata di riposo. Il turno di Lega Pro andato in onda  nell’ultimo fine settimana è stato caratterizzato dalle battute d’arresto delle formazioni al vertice delle graduatorie con le inseguitrici che hanno approfittato di questi passi falsi.

PRIMA DIVISIONE – Come detto la Prima Divisione osservava un turno di riposo che però non è stato rispettato dalle formazioni impegnate nei recuperi di gare rinviate nelle giornate precedenti per il maltempo. Nel girone A il Lumezzane nel derby lombardo ha travolto la Tritium con il punteggio di 5 reti a 2 mentre il Feralpisalo ha espugnato il campo del San Marino vincendo per 1-0 ottenendo in questo modo 3 punti fondamentali che consentono alla formazione bresciana di staccarsi dalla zona calda della classifica. Pareggio a reti bianche tra Cuneo e Reggiana al termine di un confronto nel quale i padroni di casa avrebbero meritato il bottino pieno per alcune clamorose occasioni sprecate e per un palo colto da Ferrario a portiere battuto. Nel girone B importante vittoria della Nocerina che supera per 4-2 il Prato e affianca in terza posizione il Frosinone a 5 lunghezze di ritardo dall’Avellino e a 7 dal Latina.

SECONDA DIVISIONE – Nel girone A di Seconda Divisione non sono mancate le sorprese con le battute d’arresto del Castiglione e del Savona che hanno consentito alla Pro Patria di guadagnare punti su entrambe le contendenti alla promozione diretta. Il Castiglione non è andato oltre lo 0-0 nella sfida casalinga contro il Bassano mentre il Savona è caduto per 2-1 a Monza nel posticipo televisivo disputato Lunedì. Al vantaggio dei lombardi realizzato da De Cenco al 29’ ha risposto 7 minuti dopo il solito Virdis che ha subito riportato in parità le sorti del match. Nella ripresa un acuto di Gasbarroni verso la metà della frazione ha dato i 3 punti ai padroni di casa nonostante il forcing finale dei liguri che hanno sfiorato in più di una occasione il pareggio. Al comando della graduatoria c’è dunque il Castiglione con 2 punti di vantaggio sulla Pro Patria, che ha travolto il Milazzo per 5-0, e 3 sul Savona. Molto staccato il gruppo delle inseguitrici che è comandato dal Renate che però vanta ormai 5 lunghezze di ritardo dalla formazione guidata da Corda. In coda, ormai praticamente condannato il Milazzo, c’è da segnalare la brutta battuta d’arresto del Casale che lascia via libera tra le mura amiche al Venezia e viene superato in classifica dal Fano che piega in casa il Bellaria per 1-0. I piemontesi sono quindi in penultima posizione con 2 punti di svantaggio rispetto ai marchigiani e 3 dalla Giacomense fermata sul 2-1 a Forlì. Nel girone B mezzo passo falso della Salernitana che non va oltre il pareggio per 0-0 nel confronto casalingo contro l’Arzanese. I campani interrompono quindi la loro striscia di 8 vittorie consecutive riducendo di 2 lunghezze il vantaggio sulla più immediata inseguitrice che rimane comunque a 8 punti di ritardo. In seconda piazza c’è infatti il Pontedera che travolge in casa per 4-1 il Foligno grazie alle doppiette di Grassi ed Arrighini. Erano stati però gli ospiti a passare in vantaggio dopo 8 minuti con Cotroneo ma la pronta reazione dei padroni di casa ha avuto come logica conseguenza il pareggio segnato da Grassi alla mezz’ora. Nella ripresa monologo dei toscani che sono passati in vantaggio al 5’ con Arrighini per poi arrotondare il punteggio nel finale. In terza posizione risale il Poggibonsi che espugna Melfi e supera in classifica l’Aprilia battuta a domicilio per 1-0 dall’Hinterreggio. Incredibile la metamorfosi del laziali giunti alla terza sconfitta consecutiva e passati dal ruolo di protagonista esercitato nella prima fase del campionato a quello di squadra in crisi di identità e di risultati. In zona retrocessione ancora una sconfitta per il Fondi che cade tra le mura amiche contro l’Aquila così come l’Aversa Normanna, battuta 3-1 a Gavorrano. In terz’ultima piazza fa un bel passo in avanti il Campobasso che supera 2-0 il Chieti e si porta a sole 2 lunghezze di ritardo dal Melfi che, come detto, è stato sconfitto in casa dal Poggibonsi.

a cura di Mauro Leone

Share Button