Enrico Steidler

Le pagelle di Udinese-Siena 1-0: Di Natale super, Rosina crea e spreca

Le pagelle di Udinese-Siena 1-0: Di Natale super, Rosina crea e spreca
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Luis Muriel, match winner al "Friuli"

Luis Muriel, match winner al “Friuli”

UDINESE (3-5-1-1)

PADELLI 6,5 – Spettatore non pagante (il Siena attacca ma non punge), si fa però trovare pronto su Rosina, cui nega la gioia del gol con un’uscita tanto tempestiva quanto efficace. Una sicurezza.
HERTAUX 6 – Rispetta le consegne e si applica con attenzione.
DANILO 6 – Come sopra, con un pizzico di grinta (e di cattiveria) in più.
DOMIZZI 6,5 – Non è in grandissima giornata, ma mette in campo tutta la sua esperienza e contribuisce a limitare le incursioni di Rosina e Reginaldo. Soffre, ma alla fine la spunta.
BASTA 6,5 – Forse un po’ meno preciso del solito, ma corre, pressa, chiude i varchi, ispira le ripartenze e vi partecipa con profitto: averne.
PINZI 5,5 – Raramente nel vivo dell’azione, si sacrifica in un lavoro di copertura ricorrendo, quando necessario, alle maniere forti. Da lui ci si aspetta, e se lo aspetta soprattutto Guidolin, qualcosa in più.
ALLAN 6 – Partecipa all’azione del gol e cerca (peraltro senza riuscirci quasi mai) di mettere un po’ di pepe nella manovra dei suoi. Da rivedere.
LAZZARI 5,5 – Prima mezz’ora brillante e propositivo, si affloscia pian piano e non riesce quasi mai ad essere incisivo. Alterna grandi giocate a momenti di black out.
PASQUALE 6,5 – Forse il più reattivo dei suoi insieme a Basta e Totò Di Natale, si fa apprezzare per il suo solito contributo in termini di grinta e generosità.
MURIEL 6,5 – Più fumo che arrosto, ma alla prima vera occasione non dà scampo a Pegolo. Cerca spesso di creare spazi per i suoi compagni (soprattutto per Di Natale) e a volte ci riesce. Dal 72’ PEREYRA 5,5 –  Impalpabile.
DI NATALE 7,5 Il migliore, tanto per cambiare. Non segna, ma è la spina nel fianco della difesa toscana e gioca un primo tempo di grandissima sostanza. Esemplare per impegno, dinamismo e visione di gioco, fa venire la cefalea a chiunque tenti di sottrargli il pallone. Esce fra gli applausi del pubblico, che gli tributa una standing ovation. Dall’ 88’ RANEGIE s.v.

All. GUIDOLIN 6 – La sua squadra non incanta (gioca, anzi, una delle gare meno convincenti della stagione) e fatica a costruire azioni in velocità. Senza Totò Di Natale sarebbero guai, ma carattere, organizzazione (e cinismo) non mancano.

 
SIENA (3-4-1-2)

 
PEGOLO 6,5 – Incolpevole sul gol di Muriel, è sempre attento e pronto a sventare ogni pericolo.
NETO 5,5 – Ce la mette tutta, ma ogni suo intervento ha il brivido incorporato.
CONTINI 6 – Forse il più ordinato dei suoi, cerca di arginare le sfuriate degli attaccanti bianconeri lavorando sia di spada che di fioretto.
FELIPE 5,5 – Alterna svarioni a giocate di classe, e raramente dà la sensazione di essere all’altezza del compito.
ANGELO 6 – Gioca una gara di grande quantità ma con poca qualità.
DELLA ROCCA 5 – Ha sulla coscienza il gol di Muriel, che nasce da una sua distrazione. Nel complesso, una prestazione comunque insufficiente.
VERGASSOLA 6 – Sicuramente meno tosto e incisivo che in altre circostanze, e tuttavia è l’anima di una squadra che lotta e non molla mai.
RUBIN 5,5 – Partita un po’ grigia, senza spunti degni di nota e giocate all’altezza delle sue possibilità.
ROSINA 6,5 – Il più ispirato e pericoloso dei suoi, gioca dietro le punte e svaria su tutto il fronte mettendo in seria difficoltà la linea dell’Udinese, che nel primo tempo fatica parecchio a contenerlo. Murato da Padelli nell’occasione più ghiotta costruita dal Siena nel match, fa disperare Iachini in almeno un altro paio di circostanze, ma senza di lui la squadra in avanti sarebbe ben poca cosa. Si spegne inesorabilmente col passare dei minuti. Dal 67’ SESTU 5,5 – Prova a scuotere i suoi ma con scarso risultato.
BOGDANI 5 – Ci mette l’impegno ma non la precisione. Dal 58’ EMEGHARA 6,5 – Entra subito nel match e dà qualche grattacapo ai difensori bianconeri, cui sfugge con una certa regolarità.
REGINALDO 6 – Va a corrente alternata, ma quando si accende sono guai per la retroguardia friulana. Peccato che succeda raramente. Dal 74’ PAOLUCCI 5,5 – Gioca poco ma non si fa notare.
All. IACHINI 6 – Il Siena gioca con grande impegno e l’approccio alla gara è perfetto. La distrazione sul gol di Muriel è l’unica vera sbavatura di una partita che il Siena meriterebbe di pareggiare. Ma la Serie A è spietata e castiga ogni errore.

 
A cura di Enrico Steidler

Share Button