Redazione

La Sampdoria distrugge il Pescara: 6-0 con poker di Icardi

La Sampdoria distrugge il Pescara: 6-0 con poker di Icardi
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Icardi sugli scudi, quattro gol per lui

I giocatori della Sampdoria sotto la gradinata Sud ricordano Garrone

I giocatori della Sampdoria sotto la gradinata Sud ricordano Garrone

GENOVA, 27 GENNAIO- Nel giorno del ricordo del presidente Riccardo Garrone scomparso in settimana, la Sampdoria annichilisce il Pescara con un risultato tennistico: 6-0 per i blucerchiati, con un Icardi mostruoso che segna quattro reti al povero Perin. È stata però una giornata completamente dedicata al ricordo del presidente scomparso: prima della partita tutte le giovanili del club blucerchiato hanno sfilato a bordocampo con i rappresentanti della famiglia Garrone; durante l’intervallo sui maxischermi dello stadio Marassi sono partiti dei video con le più belle foto di “Duccio” nei suoi 11 anni di presidenza della Sampdoria, e a fine partita i giocatori hanno fatto la solita corsa verso la Sud tenendo uno striscione che recitava due semplici parole: “Ciao presidente“.

PRIMO TEMPO- Pronti via e si capisce subito l’andamento del match: è la Sampdoria a fare la partita tenendo il possesso della palla, mentre il Pescara si chiude per tentare di colpire in contropiede. La prima emozione arriva però solo al 27′, quando De Silvestri da posizione ravvicinata scarica il destro verso l’angolino basso del primo palo, ma Perin non si fa sorprendere e devia in corner. Al 31′ su azione di calcio d’angolo Terlizzi strattona Gastaldello compromettendo la sua battuta a rete, e l’arbitro Tommasi fischia il calcio di rigore, trasformato da Eder. Il Doria cerca subito il raddoppio, ma prima Icardi spara alto da ottima posizione su assist di Eder, poi è Perin che compie un mezzo miracolo sul colpo di testa a botta sicura di Costa. Ma il gol è nell’aria, e porta la firma di Mauro Icardi: Obiang vede il movimento dell’argentino e lo serve, “Maurito” si porta avanti il pallone con il destro seminando tutta la difesa del Pescara e infila Perin sul secondo palo. Dopo 3 minuti di recupero si chiude il primo tempo allo stadio Luigi Ferraris.

+ Le pagelle di Sampdoria-Pescara di Simone Calucci

SECONDO TEMPO- Chi si aspetta una reazione da parte del Pescara rimane del tutto deluso: i ragazzi di Bergodi entrano in campo senza la giusta convinzione per provare a ribaltare la partita, così per la Sampdoria la strada è spianata per la goleada. Al 50′ è Pedro Obiang ad infilare Perin con un piattone destro dal limite dell’area: primo gol in carriera con la maglia della Sampdoria per il centrocampista spagnolo classe ’92. Al 56′ Icardi, solo davanti al portiere, lo dribbla dopo una serie di finte ubriacanti e insacca il 4-0. Due minuti più tardi è di nuovo Icardi a segnare da pochi passi capitalizzando l’assist al bacio di Eder. Ma la giornata perfetta del giovane attaccante argentino non finisce qui: Soriano, subentrato a Eder, cerca Icardi in mezzo all’area di rigore che si rialza rapidamente e insacca di nuovo Perin per il 6-0. Due minuti più tardi Delio Rossi regala la standing ovation al ragazzo, rimettendo in campo Maxi Lopez che torna in campo dopo quasi tre mesi di stop. Poco dopo è proprio Maxi Lopez a poter mettere il settimo sigillo sulla partita, ma Perin non si fa sorprendere. In tutto questo, il Pescara si fa vedere solo con un calcio di punizione di D’Agostino che vola poco a lato.

IL TABELLINO-

SAMPDORIA 6 (31′ Eder, 42′ Icardi, 50′ Obiang, 56′ Icardi, 58′ Icardi, 71′ Icardi)
PESCARA 0

Le Formazioni

SAMPDORIA (3-5-2): Romero; Gastaldello, Palombo, Costa; De Silvestri, Kristicic, Obiang, Poli (68′ Munari), Estigarribia; Eder (59′ Soriano), Icardi (73′ Maxi Lopez) A disp.: Berni, Castellini, Da Costa, Mustafi, Poulsen, Renan, Rossini, Savic, TissoneAll.: Delio Rossi

PESCARA(4-3-1-2): Perin; Balzano, Capuano, Terlizzi, Bocchetti; Blasi (83′ Nielsen), D’Agostino, Cascione; Bjarnason; Caraglio (Rizzo 63′), Celik (53′ Vukusic) A disp.: Abbruscato, Bianchi Arce, Caprari, Cosic, Pelizzoli, Togni, Zanon. All.: Bergodi

Ammoniti: Blasi, Capuano, Obiang
Arbitro: Tommasi

A cura di Matteo Mistretta

Share Button