Vincenzo Galdieri

Juventus-Genoa 1-1: top Vidal e Quagliarella, Frey super. Le pagelle

Juventus-Genoa 1-1: top Vidal e Quagliarella, Frey super. Le pagelle
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Quagliarella Fabio Juventus JUVENTUS

BUFFON 6 – Inoperoso in genere, incolpevole sul gol. Una cantilena abbastanza ripetuta nell’ultimo periodo.

BARZAGLI 6,5 – Macchia l’ennesima prestazione splendida perdendosi Borriello in occasione del gol. Per questo motivo si merita mezzo voto in meno, ma negli altri 89 minuti è il solito insuperabile gigante.

BONUCCI 6,5 – Pirlo non c’è, Pogba è appannato. Ed allora ci pensa lui ad impostare l’azione. Sempre più sicuro ed elegante, sta diventando leader.

CACERES 6,5 – Dopo qualche partita al di sotto della sufficienza, torna a livelli che non raggiungeva dall’anno scorso. Continuo, concentrato ed utile sia in copertura che in appoggio al centrocampo: cosi può scalare posizioni.

DE CEGLIE 6,5 – In forma, ha grande voglia di riscatto dopo la sciagurata prova con la Lazio e se la cava bene. Spettacolare un’azione in dribbling nel primo tempo. Dal 72′ GIACCHERINI 6 + – Alterna buone giocate a qualche dribbling effimero di troppo. Ma è vivace.

MARCHISIO 5,5 – Appannato e stranamente abulico, fa sentire particolarmente la sua assenza al centrocampo Juve, che con Pogba anch’esso sottotono è retto – ed alla grande – praticamente dal solo Vidal, con lui e l’ex United abbastanza intermittenti. Dall’82’ BELTRAME 6,5 – Il ragazzino con un tiro fantastico per poco non bagna l’esordio col gol da cineteca.

POGBA 5,5 – Meglio del Principino, ma anche lui molto sotto standard. Sarà che paga un’innumerevole quantità di partite di fila da titolare, ma non si accende praticamente mai limitandosi a distribuire qualche pallone agli esterni.

VIDAL 7 (IL MIGLIORE) – Tornato in forma stratosferica, lavora per 4 in mezzo al campo. E’ rapidissimo nel rompere l’azione avversaria, efficace al punto giusto e presente anche in fase offensiva, dove dialoga con Lichsteiner spesso e volentieri. Lui e lo svizzero tessono le trame più interessanti del gioco bianconero, ma la Juve davanti stenta comunque a decollare nonostante il loro lavoro certosino.

LICHSTEINER 7 – E’ la spina nel fianco del Genoa. Scambia sempre con Vidal, col quale va a memoria, ed affonda più di una volta: quella decisiva è ad inizio primo tempo, quando imbecca Quagliarella con un cross teso ed invitante. L’ex Napoli ringrazia e segna, ma non basterà per la vittoria.

VUCINIC 5 – Incappa in una delle sue partite da “più sregolatezza che genio”. Col pallone tra i piedi tende ad esagerare sempre, difetta di concretezza ed in un’occasione si addormenta clamorosamente invece di andare ad avventarsi su una respinta corta di Frey. Di solito è il valore aggiunto della Juventus, ieri corpo estraneo.

QUAGLIARELLA 7 – Non si vede mai nel primo tempo, fino a che Lichsteiner non riesce a tirar fuori un bel cross sul quale per poco non segna. Si rifà nella ripresa, quando porta in vantaggio la Juventus con un gol da attaccante di razza. Sostituito nonostante una buonissima prestazione, esce abbastanza contrariato. Ma di dubbi ce ne sono pochi: da qualche mese a questa parte è l’unico tra gli attaccanti della Juventus al quale si possa assegnare l’appellativo ‘goleador’. Dal 67′ GIOVINCO 5 – Con una punizione capolavoro degna di re Del Piero centra il palo, ma in generale è molle, impreciso e sbaglia troppo.

All. CONTE 6 – Nulla da rimproverare alla sua Juventus, che gioca benissimo e domina dall’inizio alla fine. Ma forse lui poteva fare qualcosa in più: Quagliarella andava tenuto in campo, semmai ad uscire doveva essere un Vucinic decisamente sotto ritmo. Nel finale si infuria per il rigore non concesso al 94esimo e per altri due penalty negati alla Juve da Guida, ma in cuor suo sa che con un po’ di concretezza la squadra avrebbe vinto comunque, indipendentemente dagli episodi.

GENOA

FREY 7,5 (IL MIGLIORE) – Straordinario su Lichsteiner, Giaccherini e Beltrame, lo salva il palo in occasione del piazzato di Giovinco. L’età non inganni: è ancora uno dei migliori portieri del campionato italiano.

GRANQVIST 6,5 – Sicurezza assoluta, difensore di alto livello. Sul gol di Quagliarella la deviazione non è decisiva. Nel finale si rende protagonista del clamoroso mani in area che innesca le polemiche: forse era involontario, ma l’intervento è talmente scomposto che il rigore sembra più che netto.

PISANO 5 – De Ceglie lo mette sotto e lui non fa molto per ribellarsi.

MANFREDINI 6 – Esperienza al servizio dei compagni, se la cava discretamente contro gli attaccanti bianconeri. Dal 67′ ROSSI 6 – In trincea con i compagni nel finale.

MORETTI 6 – Nessuna sbavatura, e soprattutto nessuna emozione davanti alla sua ex squadra. Limita bene gli avversari.

ANTONELLI 5 – Non bene dietro, poco propositivo davanti.

KUCKA 6,5 – Concreto, dinamico e bello a vedersi. Un mix di potenza ed intelligenza tattica, poi ci mette la ciliegina sulla torta col cross al bacio che permette a Borriello di depositare in rete. Sta tornando su buoni livelli.

MATUZALEM 6,5 – Elemento fondamentale, è il collante tra difesa e centrocampo. Con lui il Genoa ci ha guadagnato in sagacia tattica.

OLIVERA 5,5 – Non fa molto filtro, e soprattutto si vede poco o nulla davanti. Dal 64′ BERTOLACCI 6 – – Entra per dare un po’ di vivacità, a dire il vero non ci riesce ma si impegna in fase di copertura.

FLORO FLORES 5 – Evanescente, non fa sentire la sua presenza e poi subisce anche un infortunio che mette in difficoltà i compagni: stringe i denti e rimane in campo con le sostituzioni tutte effettuate, ma il suo apporto non può essere sostanzioso.

IMMOBILE 5,5 – Non impensierisce la retroguardia avversaria. Dal 61′ BORRIELLO 7 – Gol dell’ex, come nelle migliori vendette. Ma lui non prova nessun rancore e lo dimostra evitando di esultare. In generale il suo ingresso cambia il volto offensivo del Genoa. Fondamentale per questa squadra. 

All. BALLARDINI 6,5 – Si guadagna un pareggio importantissimo nello stadio più difficile d’Italia, orchestrando una gara attenta e difensiva. Torna a casa decisamente soddisfatto.

A cura di Vincenzo Galdieri

 

Share Button