Giovanni Nole

Calciomercato Inter: Bellomo ad un passo, Paulinho il sogno, Gago e Botta le new entry

Calciomercato Inter: Bellomo ad un passo, Paulinho il sogno, Gago e Botta le new entry
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

fernando-gagoMILANO, 24 GENNAIO – A soli sette giorni dalla chiusura del mercato invernale, l’Inter, motivata dal rimpinguarsi delle proprie casse dopo la cessione di Sneijder al Galatasaray, ha tante idee, ma sempre meno tempo a disposizione, per completare la rosa sotto gli ordini di Andrea Stramaccioni. Due i ruoli nevralgici sul quale si dovrà investire per riempire i buchi della rosa: il centrocampista e l’ala. E il mister romano, a riguardo, è stato molto chiaro: servono giocatori funzionali al progetto, con caratteristiche e qualità diverse dai giocatori già presenti in rosa, altrimenti meglio rinfrescarsi le idee e aspettare la finestra di mercato estiva per investire pesantemente sulla squadra. In ogni caso, è praticamente sicuro almeno un arrivo da qui a fine gennaio, quando si chiuderanno baracca e burattini e ognuno dovrà tenersi le proprie rose almeno fino alla sessione estiva: ecco le novità sulle trattative in corso, portate avanti dalla dirigenza nerazzurra.

PAULINHO PRIMA SCELTA – Il reparto più in difficoltà dell’organico nerazzurro è senza dubbio il centrocampo, dove, tra giovanissimi e giocatori forse eccessivamente maturi, non sono presenti intelligenti vie di mezzo che possano portare qualità e freschezza alla manovra dell’Inter. E inutile dirlo, per il centrocampo il sogno, il pallino rimane sempre quello: Paulinho è ancora ben saldo nelle menti di Branca e Ausilio. La cessione di Sneijder sembrava aver ravvivato le speranze di poter vedere il giovane incursore brasiliano con la maglia nerazzurra, dopo il suo quasi approdo sulla sponda del Naviglio dell’estate scorsa; nonostante ci si sia liberati del cartellino e dell’ingaggio del trequartista olandese, però, Paulinho sembra ancora economicamente irraggiungibile. La sua clausola rescissoria, infatti, si aggirerebbe sui 18 milioni di euro, cifra che però varrebbe solo per prelevare la parte di cartellino, sul Paulinho-Corinthians70/80%, posseduta dal Corinthians; dunque, l’investimento che si dovrebbe fare per portare il brasiliano a Milano diventerebbe ancor più alto. Per acquistare il sogno di una notte di mezz’estate nerazzurra, dunque, sarebbe necessario un altro sacrifico importante. I papabili inserimenti in lista cessioni sono due: Coutinho e Alvarez. Il problema, però, è che se l’Inter sarebbe più propensa a cedere il secondo che il primo, offerte vere e proprie sono arrivate solo per il brasiliano: su di lui sono fortissime le presenze di Southampton e Liverpool, i quali sarebbero pronti ad investire una cifra intorno ai 10-12 milioni sul giovane talento arrivato dal Vasco per poco meno di 4 milioni (dunque, in caso di cessione, l’Inter ne ricaverebbe un ottima plusvalenza). Il Daily Mail parla addirittura di affare già fatto tra l’Inter e il Southampton; notizia che, però, per il momento, non trova alcuna conferma, per quanto i nerazzurri possano essere davvero tentati dalle offerte provenienti dai club di Premier. Per Ricky Alvarez, invece, per il momento solo dichiarazioni di facciata di interesse da parte dei presidenti di River Plate e Velez, proprio il club dal quale due estati fa venne prelevato il trequartista argentino. «Sarebbe bello averlo, ma è difficile riuscire a prenderlo» le parole dell’allenatore del Velez, Gareca. Per Alvarez, comunque, rimangono affacciati alla finestra anche Porto, Wolfsburg e Atletico Madrid.

BELHANDA, BELLOMO, SCHELOTTO E LA NEW ENTRY GAGO: LE NOVITA’ – Non solo Paulinho per il centrocampo nerazzurro: l’Inter tiene vive altre piste interessanti per impreziosire l’organico in mezzo al campo. Il primo nome in lista per rinforzare il reparto è quello di Belhanda: per il trequartista marocchino, il presidente del Montpellier parlava addirittura di affare già fatto, con il campione di Francia che sarebbe approdato a Milano in cambio di 14 milioni cash. Branca, facendo le veci del suo club, ha però smentito qualsiasi tipo di offerta: trattasi, infatti, di un bluff del presidente del Montpellier per far aumentare l’offerta Belhandadel Fenerbahce, club che più di tutti e prima di tutti si è fatto avanti per lui. L’Inter, però, non sarebbe completamente indifferente a Belhanda: l’interesse dei nerazzurri  c’è ed è reale, anche se la cifra proposta – proprio sui 13/14 milioni di euro – per portare a casa il fantasista marocchino spaventa la dirigenza nerazzurra, che monitora il giocatore molto più probabilmente per un suo approdo a Milano a giugno. Sempre più vicino invece Bellomo, centrocampista del Bari e di Bari di fede nerazzurra e grande estimatore del suo concittadino, Antonio Cassano. Anche l’Inter non fa mancare la sua stima nei confronti del promettentissimo regista e, visto il ritiro dalla trattativa della pericolosissima Roma attraverso le parole del dirigente Baldini, la trattativa per portarlo a Milano sembra essere sempre più in dirittura d’arrivo: il direttore sportivo del Bari, Guido Angelozzi, arriverà infatti oggi a Milano per sentire l’offerta ufficiale che recapiterà l’Inter al Bari, con la possibilità di chiudere subito l’affare in caso di fumata bianca. Il Bari ha anche stabilito il valore di mercato della comproprietà del giocatore: 2 milioni di euro la cifra necessaria. L’Inter è dentatissima, e potrebbe chiudere l’affare in cooperativa con il Chievo Verona; in ogni caso, difficile vedere Bellomo con addosso i colori nerazzurri già a partire da gennaio, col regista che resterebbe a Bari almeno fino a fine stagione. In attesa di Bellomo, un ultimo nome è spuntato fuori tra i papabili acquisti nerazzurri per adornare il centrocampo: trattasi di Fernando Gago, centrocampista del Valencia con trascorsi, tra gli altri, anche al Real Madrid e alla Roma. Il metronomo argentino, in rotta col suo club e col passaporto italiano (quindi non andrebbe ad occupare la casella da extracomunitario) costa 3,5 milioni, ma potrebbe essere acquistato anche con la formula del prestito con diritto di riscatto; l’Inter è attirata dall’idea di riportare Gago in Italia, e potrebbe trattarsi di un colpo last minute. Resta viva la pista Biglia, anche se non si son registrate novità a riguardo nelle ultime ore; pare invece essere definitivamente saltato il passaggio di Ezequiel Schelotto dall’Atalanta all’Inter. Troppa la differenza tra domanda e richiesta: i bergamaschi valutano il giocatore 9 milioni, l’Inter intorno ai 6-7. Neanche l’inserimento nella trattativa di Marko Livaja sembrerebbe risolvere la situazione: Credo sia inutile di parlare di Livaja perché stiamo parlando di una trattativa che al momento non c’è” le parole di Pierpaolo Marino, dg dell’Atalanta.

TRA PROMESSE E RITORNI – Oltre a Bellomo, l’Inter sarebbe interessantissima anche ad altri due giovani centrocampisti: trattasi di Joaquin Correa, regista argentino classe 1994 in forza all’Estudiantes, e Ruben Botta, trequartista – sempre argentino – del Tigre. Per il primo, già provinato tempo fa a Milano e per il quale l’Estudiantes apre alla cessione, si tratta per un prestito con diritto di riscatto; per il secondo, l’Inter avrebbe incontrato proprio il club proprietario del cartellino per parlare del possibile approdo di Botta già a partire da gennaio: 2 milioni il bottacosto del giocatore. Il club meneghino, nel frattempo, sarebbe seriamente intenzionato a riportare alla casa madre Andreolli, difensore del Chievo che a giugno si svincolerà dal club veronese. L’Inter, però, non vorrebbe aspettare quest’estate per tesserare il difensore, prodotto del vivaio proprio del team milanese: con Samuel che preoccupa col suo problema al tendine d’achille e Chivu non affidabilissimo, Stramaccioni avrebbe richiesto un difensore affidabile per coprire l’emergenza in difesa; sulle sue tracce, attento anche il Napoli, alla ricerca di un sostituto per il partente Campagnaro, diretto proprio verso Milano. Infine, Duncan è stato ufficialmente ceduto in prestito al Livorno, mentre Longo rimarrà all’Espanyol fino al termine della stagione.

A cura di Giovanni Nolè

Share Button