Redazione

Australian Open: Djokovic e Sharapova avanti. Sogna l’Italia del doppio

Australian Open: Djokovic e Sharapova avanti. Sogna l’Italia del doppio
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Nole-Ferrer e Masha-Li le prime semifinali. Errani/Vinci e Fognini/Bolelli speranze azzurre

MELBORUNE, 22 GENNAIO – Nole Djokovic chiude la pratica Berdych in 4 set, avanza all’undicesima semifinale Slam consecutiva e si assicura la vetta del Ranking anche dopo la fine dell’Australian Open. Solo un passaggio a vuoto per il serbo nel secondo set perso; per il resto, Berdych non ha saputo mettere in difficoltà il campione in carica, non riuscendo a impensierire l’avversario nei game di risposta. Nole troverà in semifinale David Ferrer, numero quattro del tabellone, che rimonta due set al connazionale Almagro, cogliendo il 500esimo successo in carriera.

Tra le donne, ennesima dimostrazione di superiorità assoluta di Maria Sharapova, che lascia quattro game alla Makarova raggiungendo per la sesta volta la semifinale a Melbourne. Masha, nel suo cammino portentoso, ha impiegato circa un’ora a match nei suoi cinque incontri finora disputati, perdendo la miseria di 9 game. Giovedì troverà la cinese Na Li, che, contropronostico, ha avuto la meglio su Agnieszka Radwanska, costringendola alla prima sconfitta del 2013.

QUESTA NOTTE SI CHIUDONO I QUARTI:  RISULTATI SCONTATI? – Ci saranno intoppi per i big? Da quanto visto finora, sembra difficile che ci sia qualche sorpresa nel cammino che porta alle semifinali preannunciate alla vigilia: Murray-Federer e Serena-Azarenka. Lo scozzese trova Chardy, che ha fatto fuori Seppi ma che difficilmente ha i numeri per superare il numero 3 al mondo. Più duro il compito di Roger Federer, che nel primo match serale alla Rod Laver Arena, avrà di fronte Tsonga, tennista capace di tutto, ma che parte chiaramente sfavorito.
Tra le donne, molto difficili eventuali vittorie contropronostico: Kuznetsova per Azarenka e Stephens per la Williams sembrano solo degli incontri passeggeri, prima della semifinale più attesa al femminile.

DOPPI ITALIANI, CI PROVANO ANCHE GLI UOMINI –  Tiene ancora banco il successo di Sara Errani e Roberta Vinci, che nei quarti di finale del torneo di doppio hanno superato proprio le sorelle Williams. “Le Williams sono fortissime, ma ci avevamo giocato solo alle Olimpiadi – dicono le azzurre – hanno dimostrato di essere umane anche loro”. Questa notte (non prima delle 1:30) le “chichi” troveranno in semifinale le temibili russe Vesnina/Makarova. La prima ha un conto in sospeso con Roberta Vinci, dato che ha eliminato la tarantina nel terzo turno, mentre la Makarova è tennista in forma, avendo raggiunto i quarti nel torneo singolare. Paradossalmente, l’eventuale finale sarebbe più semplice per il duo azzurro, almeno sulla carta, dato che il doppio australiano Barty/Dellacqua e la coppia Lepchenko/Zheng non sembrano in grado di impensierire le “gemelle d’Italia”.

Bolelli/Fognini

Bolelli/Fognini

Speranze tricolori anche nel doppio maschile, dove Fognini e Bolelli, dopo aver battuto le teste di serie n° 5 (Bhupathi/Nestor), avranno di fronte la coppia colombiana formata da Cabal e Farah, senza dubbio alla portata degli azzurri, che potrebbero raggiungere un’importante semifinale. Anche Daniele Bracciali è in campo nella notte in coppia con il ceco Dlouhy: la sfida ai fratelli Bryan sembra però proibitiva.

A cura di Beppe Ruggiero
Twitter: @bepponato

Share Button