Redazione

Lega Pro, il punto sui campionati dopo la terza giornata di ritorno

Lega Pro, il punto sui campionati dopo la terza giornata di ritorno
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Virdis SavonaROMA, 22 GENNAIO – Grandi emozioni e imprese tutte da raccontare come quella del Savona che negli ultimi 5 minuti dell’incontro trasforma una sconfitta per 2-0 in una vittoria per 3-2. Tutto questo sono i campionati di Prima e Seconda Divisione della Lega Pro che andiamo a raccontare nel dettaglio.

PRIMA DIVISIONE – Nel girone A di Prima Divisione abbiamo assistito al sorpasso al vertice della classifica che adesso è comandata dal Trapani che precede di una lunghezza il Lecce. I pugliesi hanno confermato di non stare attraversando un buon periodo di forma e sono stati sonoramente sconfitti a San Marino per 3-1 per una battuta d’arresto che ha avuto come conseguenza l’esonero di Franco Lerda che dovrebbe essere sostituito da Gigi Cagni. I salentini sono quindi stati scavalcati dal Trapani che ha espugnato Treviso per 3-2 in un confronto che si è rivelato più difficile del previsto per i siciliani. Andati al riposo sul doppio vantaggio con i centri di Pagliarulo e Gambino gli uomini di Boscaglia hanno forse allentato troppo la tensione ed hanno consentito ai veneti di rimontare nella ripresa grazie a Strizzolo e Madiotto. Ci ha poi pensato il neo entrato Pacilli a consegnare i 3 punti al Trapani per un successo che potrebbe rivelarsi pesantissimo nella lotta alla promozione diretta. Alle spalle del Lecce in terza posizione si ferma anche il Carpi che non va oltre lo 0-0 casalingo contro il Portogruaro e adesso accusa 3 punti di distacco dai giallorossi. Una lunghezza sotto gli emiliani l’Entella batte 2-0 l’Albinoleffe e raggiunge il Sudtirol che ha osservato il turno di riposo. In coda detto del Treviso il turno odierno vede anche la sconfitta della Tritium che viene travolta 4-0 a Como e rimane sempre a 7 lunghezze di ritardo dall’Albinoleffe. Davanti ai seriani troviamo la Reggiana che però ha una partita in meno dal momento che ha rinviato il suo impegno sul campo del Cuneo a causa della neve caduta copiosa in Piemonte. Nel girone B frenano clamorosamente tutte le formazioni della parte alta della classifica con l’Avellino che spreca l’occasione per riportarsi al comando cadendo pesantemente sul campo della Paganese per 4-1. Gli irpini erano passati in vantaggio sul finire della prima frazione con Angiulli ma nella ripresa non hanno resistito al ritorno dei padroni di casa che hanno ribaltato il punteggio grazie alle doppiette di Caturano e Scarpa. I campani accusano adesso 2 lunghezze di ritardo dal Latina, che ha pareggiato per 1-1 l’impegno casalingo contro la Nocerina, ma possono comunque vantare 5 punti di vantaggio sul Frosinone, terzo in classifica, che è stato sconfitto ad Andria per 1-0. Nella parte bassa della classifica la Carrarese stravince lo scontro diretto contro il Sorrento e lascia ai campani l’ultimo posto in classifica superandoli di una lunghezza. Grande impresa anche del Barletta che supera il Pisa per 1-0 e si porta un punto sopra i toscani tenendo in questo modo il ritmo dell’Andria che precede i corregionali di 6 punti. Un distacco che potrebbe anche rivelarsi colmabile.

SECONDA DIVISIONE – Il girone A di Seconda Divisione ha visto il risultato più clamoroso della giornata con il Savona che, sotto di 2 reti a 5 minuti dal termine, è riuscita a ribaltare il punteggio grazie ad un finale scoppiettante in cui è andato a segno per ben 3 volte. I lombardi avevano chiuso il primo tempo avanti grazie alla rete di Zanetti per poi raddoppiare nella ripresa con Mattaboni prima della clamorosa rimonta firmata dai centri di Miale, autore di una doppietta, e Gallon. Vittoria comunque meritata quella dei liguri che continuano a rincorrere il Castiglione che è passato per 2-1 sul campo della Giacomense mantenendo in questo modo la vetta della classifica. In terza piazza si conferma la Pro Patria che strappa un punto sul campo del Rimini e scivola indietro di 2 punti dagli uomini di Corda avendo comunque la possibilità di superarli dovendo ancora recuperare la gara di Monza rinviata per il maltempo. Queste tre formazioni sono ormai staccate dal resto del gruppo e la sensazione è che la promozione diretta in Prima Divisione non vedrà altri inserimenti delle squadre che seguono a debita distanza. In zona retrocessione pesante battuta d’arresto del Milazzo che viene superato in casa dal Fano e abbandona quasi certamente ogni speranza di salvezza. I siciliani sono adesso a 6 punti dai marchigiani che tallonano il Casale che è stato sconfitto per 2-0 nella trasferta di Bellaria. Un punto più avanti rispetto ai piemontesi c’è il Rimini che vanta 2 lunghezze di svantaggio dalla Giacomense e 3 sul Santarcangelo, confitto per 2-1 a Venezia. Nel girone B non conosce soste la marcia della Salernitana che espugna il campo dell’Aversa Normanna e mantiene inalterato il vantaggio sulle più immediate inseguitrici. Di Montervino la rete del successo dei granata che ha scatenato pesanti polemiche per l’esultanza del marcatore ritenuta offensiva nei confronti del pubblico di casa e che sarebbe stata la causa degli incidenti tra le opposte tifoserie scoppiati durante la partita. Alle spalle della Salernitana il Pontedera passa per 3-0 sul campo dell’Hinterreggio e scavalca l’Aprilia che perde 1-0 a l’Aquila e al momento accusa un ritardo di 2 punti rispetto ai toscani. In coda alla classifica resta tutto immutato con le 4 squadre che chiudono la classifica che sono state tutte quante sconfitte dai rispettivi avversari. Chiude la graduatioria il Fondi che ha ceduto l’intera posta al Chieti per 2-1 ed è preceduto dall’Aversa Normanna che, come abbiamo visto, ha visto violato il suo campo dalla capolista. Un punto sopra i campani c’è il Campobasso, che è stato battuto 2-1 a Poggibonsi, mentre 4 lunghezze più avanti l’Hinterreggio ha visto staccarsi il Melfi che ha raccolto un punto importante dall’insidiosa trasferta di Foligno.

a cura di Mauro Leone

Share Button