Redazione

Il Real Madrid torna grande a Valencia: 5-0, super Di Maria

Il Real Madrid torna grande a Valencia: 5-0, super Di Maria
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Doppiette per l'argentino e per Cristiano Ronaldo

Tabellone impietoso dopo 45'

Tabellone impietoso dopo 45′

VALENCIA, 20 GENNAIO – Forse perché la Champions non è poi così lontana, o per via dei vecchi ricordi che il Mestalla rievoca, o semplicemente perché a volte le partite vanno così e basta, il Real si scopre nuovamente squadra corazzata e umilia il Valencia grazie a una prestazione offensiva a quattro stelle, una per ogni suo campione in stato di euforia questa sera. I passaggi di Özil esaltano gli altri 3 fuoriclasse lì davanti, con Di Maria e Ronaldo dagli evidenti superpoteri e un Higuain rapace come al solito. Il resto della squadra fa il suo dovere, mentre il Valencia fa la figura dello sparring partner, un ruolo ingeneroso per la settima forza del campionato e, soprattutto, per la sua storia recente. Per la prima volta il Real recupera 3 punti al Barcellona, ma parlare di rimonta è davvero fuori luogo, dati i 15 punti di distacco e soprattutto dato che il Barça è il Barça.

FORMAZIONI – Moduli speculari per le due squadre, difesa di rincalzi (si fa per dire) per il Real con Varane e Albiol centrali, mentre per il resto Mourinho non fa esperimenti, tenendo ancora in panchina Modric. Riferimento offensivo Higuain, impressionante per media gol fin qui. Anche Valverde non schiera un Valencia a sorpresa e punta sulla verve di Piatti e Banega e sull’istinto del bomber di Soldado, sperando che basti contro un Real sofferente nelle ultime partite.

PRIMO TEMPO – Parte brioso il Valencia, mentre i blancos cercano di girare palla. Al 5′ Piatti prova a insidiare Casillas, ma dall’altra parte è Higuain a graffiare, prima al 7′ (fuori il tiro su lancio di Arbeloa) e poi all’8′, ma stavolta arriva il gol: azione filtrante Özil-Di Maria-Higuain, bravo il centravanti argentino che di sinistro sigla il promettente 1-0 per il Real. Impressionante media gol per il Pipita. Le squadre si fronteggiano a viso aperto ora, ma stranamente le occasioni non fioccano. Fioccano invece i cartellini: Arbeloa entra duro e ottiene il giallo, come Jonas che in area madridista viene pescato in una dubbia simulazione. Il pubblico si scalda, la partita non decolla. Coentrao prova a proporre un po’ di volley sulla sua trequarti, ma l’arbitro non condivide e ammonisce anche lui. Siamo già alla mezz’ora ed è in questo momento che Cristiano Ronaldo capisce che la serata scivola sul filone della noia e indossa il frac: entra in area sulla sinistra a velocità folle, inchioda con una finta e manda in bambola due difensori, poi sterza di nuovo e fa sedere per la seconda volta il povero Costa, per poi servire rasoterra Di Maria che infila facile per il 2-0 Real. Palla al centro e Ronaldo si lancia ancora verso l’area, disorienta Ruiz al limite, si allarga e fulmina Valdes sul primo palo. 3-0 Real, la partita sta trovando un senso, perché il Real si sta esaltando e il Valencia sgretolando. Così al 41′ Di Maria crossa teso per Özil che la tocca dietro per Ronaldo, implacabile in diagonale per il 4-0 Real. I blancos in avanti sono ora in uno stato di euforia, tanto che prima della fine del tempo arriva il gol che manda a nanna il Valencia, sfruttando la straordinaria intesa tra Özil e Di Maria: il tedesco filtra per l’argentino che davanti a Valdes non si scompone e infila il 5-0 Real. Quattro gol in 15′, niente male dopo un inizio noiosetto. La prima frazione si conclude e ci aspettiamo un secondo tempo quasi in stile precampionato.

SECONDO TEMPO – Come previsto succede veramente poco, se si escludono le sostituzioni per entrambe le squadre e qualche ammonizione inflitta. Di Maria continua la sua serata di grazia con serpentine a ripetizione, ma le occasioni non arrivano, almeno quelle clamorose. Il Valencia ci prova con Piatti al 50′, gran tiro per lui, poi con Tino Costa dopo 5 minuti, ma la palla esce. Anche Jonas esce dal torpore e al 63′ spara alto su buon assist di Soldado. Il Real gestisce senza sudore, nel Valencia entra Valdez e l’ex del Werder (ma non solo) si da subito da fare sfiorando la porta al 68′. Anche Modric dentro per un ottimo Özil, ma è difficile ora mettersi in mostra per il croato, visto l’odore di naftalina che si percepisce intorno al match. Così la partita scivola tra un colpo di tacco e un retropassaggio fino al fischi0 finale del signor Teixaira Vitienes, a chiudere un secondo tempo privo di emozioni, anche se a quelle avevano ampiamente provveduto i primi 45′.

UOMO PARTITA Sportcafè24: Di Maria, senza dubbio. Dialoga alla pari con Özil, ma a differenza del tedesco finalizza senza pietà. Delizia il pubblico con arresti e serpentine, insomma una di quelle serate in cui gli riesce di tutto.

Tabellino:

VALENCIA 0
REAL MADRID 5 (8′ Higuain, 34′ e 45′ Di Maria, 35′ e 41′ C. Ronaldo)

Le Formazioni

VALENCIA (4-2-3-1): D. Alves; R. Costa, Rami, Ruiz, Guardado; Gago (46′ Barragàn), T. Costa; Piatti (Bernat 71′), Banega, Jonas; Soldado (64′ Valdez)  All.: Valverde

REAL MADRID (4-2-3-1): Casillas; Arbeloa, Varane, Albiol, Coentrao; Khedira (74′ Callejon), Xabi Alonso (57′ Essien); Di Maria, Özil (66′ Modric), Cristiano Ronaldo; Higuain All.: Mourinho

Ammoniti:  Jonas, Banega (V) Arbeloa, Coentrao, Di Maria (RM)
Espulsi: nessuno
Arbitro: Teixeira Vitienes

Andrea Cioli

Share Button