Vincenzo Galdieri

Milan-Bologna 2-1: Pazzini show, Mexes in bambola. Le pagelle

Milan-Bologna 2-1: Pazzini show, Mexes in bambola. Le pagelle
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Pazzini, man of the match col Bologna

MILAN

ABBIATI 6,5 – Incolpevole sul gol, bravo in precedenza su Riverola.

ABATE 7 – Decisivo per l’apporto che garantisce in entrambe le fasi di gioco, quando imperversa sulla fascia per il Bologna sono problemi. Ed infatti proprio da un suo cross nasce l’1-0 di Pazzini.

ZAPATA 6 – Si limita a svolgere il compitino senza strafare, sta crescendo sotto il profilo della personalità.

MEXES 5 – Nota stonata della giornata, rischia di complicare le cose ai suoi quando sul 2-0 è autore di uno sciagurato autogol. Per sua fortuna il Milan riesce a mantenere la calma ed a portare a casa lo stesso i 3 punti.

CONSTANT 7 – La vera sorpresa di questa partita. Spinge con costanza e garantisce anche qualità sugli esterni, è rapido e concreto. Si sta facendo strada.

FLAMINI 6,5 – Volenteroso e grintoso, cala un po’ nella ripresa ma nel complesso è protagonista di una buona gara. Dall’82’ TRAORE’ sv

MONTOLIVO 6,5 – Detta i tempi della manovra e corre dall’inizio alla fine. Sbaglia qualche suggerimento, ma praticamente si sfianca nel doppio ruolo di mediano-regista ed è naturale che sbagli qualcosa.

BOATENG 5,5 – Abulico per quasi tutta la partita, si riscatta nel finale quando serve a Pazzini l’assist per il 2-0.

EL SHAARAWY 5,5 – Forse la prima gara in assoluto dell’anno sotto la sufficienza. Non è propositivo e sembra un po’ sulle gambe, Allegri dovrebbe pensare a concedergli un turno in panchina: si è caricato sulle spalle il Milan per mesi e mesi, normale che adesso ne risenta.

PAZZINI 7,5 (IL MIGLIORE) – Il Bologna è proprio la sua preda preferita. Segna una doppietta fondamentale per le ambizioni di Champions League del suo Milan. Con El Sha un po’ sottotono ed in attesa dell’arrivo di Kaka (e Balotelli?) ci pensa lui a tirare fuori le castagne dal fuoco. Decimo gol stagionale, cinque li ha fatti al Bologna: pazzesco.

NIANG 7 – Le sue movenze sono davvero interessanti, corre a ritmi esplosivi per buona parte del match e dimostra anche grande applicazione tattica cimentandosi nel ruolo di esterno offensivo con licenza – o obbligo – di tornare. Prova di livello per un giovanissimo che probabilmente farà parlare di se’. Dal 79’NOCERINO sv 

All. ALLEGRI 6,5 – Milan determinato, concreto ed a tratti anche bello. Se poi Pazzini vede Bologna e si scatena è tutto ancora più facile.

BOLOGNA 

AGLIARDI 7 – Pazzini gli rovina un pomeriggio che poteva essere splendido, dato che neutralizza tutte le altre occasioni prodotte dal Milan. Esce a testa altissima da San Siro.

CHERUBIN 5 – Niang lo manda in totale confusione.

ANTONSSON 5 – Perde alla grande il duello con Pazzini.

PORTANOVA 5,5 – Meglio dei suoi compagni di reparto, ma a conti fatti anche lui fatica a limitare le avanzate avversarie.

GARICS 6,5 – Stoico, perchè gioca praticamente da infortunato e comunque riesce a combattere in qualche modo le sortite degli attaccanti rossoneri.

PEREZ 5 – Fa poco pressing e costruisce ancora meno.

PAZIENZA 5 – Non riesce a contrastare le iniziative di Montolivo e Flamini. Dal 75′ PASQUATO sv

DIAMANTI 5,5 – Sempre bello da vedere, stavolta però è pochissimo concreto.

RIVEROLA 6,5 – Debutta con personalità ed è l’unico ad impensierire Abbiati. Forse non andava sostituito. Dal 54′ TAIDER 5 – Non si vede praticamente mai.

KONE 5,5 – Non brilla nemmeno lui in una giornata no per l’attacco del Bologna.

GILARDINO 5 – Davanti alla sua ex squadra dovrebbe avere l’occhio della tigre, invece si perde nei meandri della difesa rossonera senza mai lasciare traccia di se’. Dal 63′ GABBIADINI 6,5 – Mette in difficoltà Mexes e dà un po’ di forza d’urto alla squadra.

All. PIOLI 5 – Bologna senza grinta e senza nerbo, si fa battere da un Milan buono ma tutt’altro che irresistibile. I suoi sembrano scarichi a livello di energie, ma può essere anche una diretta conseguenza della maratona infrasettimanale con l’Inter in Tim Cup.

A cura di Vincenzo Galdieri 

 

 

 

Share Button