Leonardo Andreini

Calciomercato Fiorentina: Ufficiale Larrondo, in partenza Viviano?

Calciomercato Fiorentina: Ufficiale Larrondo, in partenza Viviano?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

FIRENZE, 19 GENNAIO – Non è certo un periodo felice e spensierato per i viola che, si presume, compiranno alcune operazioni di mercato in questa fase. Dopo diversi giorni fra tentennamenti e alti e bassi ieri è arrivata l’ufficialità dell’acquisto (prestito con diritto di riscatto ndr) del giocatore ex Siena Marcelo Larrondo.

ARRIVA LARRONDO – Per l’attaccante quindi un grosso passo in avanti nella sua carriera e un palcoscenico enorme su cui poter entrare in scena fin da Domenica nel lunch match delle 12.30 contro il Napoli di Mister Mazzarri. Classe 88 l’argentino nato a Tunuyan quest’anno ha giocato solo 3 volte da titolare in Serie A nella formazione senese ed 1 in Coppa italia; zero reti all’attivo e la voglia di un immediato riscatto negli occhi, e non solo, di questo giovane attaccante che come ruolo principale ricopre quello della punta centrale. Nato calcisticamente nel River Plate dove sfonda definitavemente per poi approdare nel 2009 alla corte del patron senese Massimo Mezzaroma. Dal 2009, tempo in cui arriva in Italia, appena 10 reti; palmares da rivedere proprio perchè in questo momento il problema vero della Fiorentina è proprio l’attacco.

VIVIANO DALLE STELLE ALLE STALLE – Si, perchè se si pensa che questa estate il portiere classe 85′ ex Palermo è stato fortemente voluto dai tifosi e dal tecnico, suona strano vedere il suo nome fra i papabili giocatori che i gigliati venderanno addirittura in questa fase di mercato. Il portierone nato a Fiesole, paesino sopra Firenze, è da sempre considerato un portiere di assoluto livello, nel giro della nazionale di Prandelli, e con un età e un futuro tutto dalla sua. Spinto, forse, dal troppo attaccamento alla maglia della sua città fin qui ha dimostrato solo una minima parte del suo potenziale e quindi i viola vorrebbero cederlo per virare o su Norberto Neto o su un altro portiere.

A cura di Leonardo Andreini

Share Button