Walter Molino

Ruzzle, lo scarabeo del nuovo millennio

Ruzzle, lo scarabeo del nuovo millennio
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Il logo del gioco

Il logo del gioco

Nella vita di tutti noi, ma più precisamente nei nostri smartphone, da qualche settimana, una delle applicazioni più usate è Ruzzle. Una rivisitazione del gioco di società Scarabeo, resa però interattiva, con un’interfaccia grafica molto simpatica, e con la possibilità di sfruttare anche i social network.

IL FENOMENO – Quante volte vi capiterà di prendere lo smartphone dopo un po’ che non lo controllate e leggere: “Hai nuove partite da giocare“. Se usate Ruzzle è un must. L’applicazione è leggera ed intuitiva. Il gioco consiste in sfide uno contro uno in cui è possibile scontrarsi con amici o con perfetti sconosciuti (grazie alla modalità Avversario casuale). Una partita consta di tre manche, alla fine delle quali chi ha accumulato il miglior punteggio totale vince. Quando si comincia una partita si può scegliere la lingua tra Portoghese, Svedese, Inglese, Francese, Tedesco, Spagnolo, Olandese, Norvegese, Danese e ovviamente Italiano. In ogni manche ci si ritrova davanti un quadro quattro per quattro, con 16 lettere, che bisogna combinare in due minuti per formare parole di senso compiuto. Collegandosi con Facebook si ha la possibilità di utilizzare la propria foto per il profilo, e di sfidare i propri contatti rendendo più “agonistiche” le sfide. Ovviamente è anche possibile condividere il risultato della partita su Facebook successivamente. Come tutti i migliori giochi c’è anche la parte degli Obiettivi: i più simpatici sono ad esempio il Globetrotter per i poliglotti (vinci almeno una partita in tre lingue differenti), il quasi-impossibile Bookworm (Trova una parola di almeno 10 lettere) o il simpatico Not Now (Ricevi una chiamata durante una partita).

ANCHE I VIP – Girando per strada, si sente molto spesso la musichetta del gioco, nonché gli effetti speciali delle parole trovate. Ma il gioco ha coinvolto tutti, anche i personaggi famosi, che si divertono a sfidare i propri fan tramite Twitter. L’ex velina Costanza Caracciolo, le showgirl Elena Santarelli o Federica Panicucci, la cantante Alessandra Amoroso, ma anche giornalisti SKY come Dario Massara, sono solo alcuni degli accaniti giocatori. Addirittura Gerry Scotti sta pensando di farci un quiz televisivo. Tra gli atleti non sono molti quelli che sfidano i propri fan su Twitter.Tranne uno in particolare. Pensate di conoscere bene l’Inglese? Mettetevi alla prova sfidando Mario Chalmers dei Miami Heat, se avete il coraggio.

a Cura di Walter Molino (@matchbeth)

Share Button