Enrico Steidler

Napoli, attesa per il processo d’appello. DeLa punta al -3 dalla Juventus

Napoli, attesa per il processo d’appello. DeLa punta al -3 dalla Juventus
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

“Con decisioni in itinere si rischia di falsare il campionato”

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis

ROMA, 14 GENNAIO – Mancano tre giorni al processo d’appello per la vicenda che ha portato alla squalifica di Grava e Cannavaro e alla decurtazione di due punti in classifica, e il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis – che ama giocare d’anticipo – si abbandona a (comprensibili) esternazioni sulla Giustizia, la Legge e i Massimi Sistemi del calcio.

L’AFFONDO DI DE LAURENTIIS – Avvicinato dai giornalisti al suo arrivo all’Hotel Marriott di Roma per l’assemblea elettiva della FIGC (orientata a riconfermare la presidenza del candidato unico Giancarlo Abete: sarebbe il terzo mandato per lui, roba da far invidia ai satrapi dell’ex-Unione Sovietica), De Laurentiis non ha perso l’occasione per perorare la causa della sua squadra con parole mosse sia dal calcolo che dal sentimento: Con decisioni in itinere si rischia di falsare il campionato. La giustizia sportiva non può condizionare in maniera impropria i campionati. Va cambiata”. “Non si può abdicare alla verità” – aggiunge il presidente del sodalizio partenopeo – “se ci sono principi giuridici calpestati io mi appello al rispetto della legge: la giustizia sportiva è stata creata quando i club non erano società per azioni, ora bisogna mettersi intorno a un tavolo e cambiare le cose”.

IL CASO-GIANELLO – La vicenda che fa da sfondo alle parole di De Laurentiis è nota, ma vale la pena di ricordarla. Lo scorso 18 dicembre la Commissione disciplinare della FIGC ha condannato il Napoli (per responsabilità oggettiva) a due punti di penalizzazione in classifica e 70 mila euro di multa, e i giocatori Paolo Cannavaro e Gianluca Grava (per omessa denuncia) a sei mesi di squalifica (tre in meno rispetto a quanto chiesto dal procuratore federale). All’origine della sentenza di condanna, l’illecito sportivo commesso dal terzo portiere del Napoli Matteo Gianello (squalificato per tre anni e tre mesi), che cercò – senza trovarla – la complicità di Grava e Cannavaro per taroccare il risultato di Sampdoria-Napoli del 16 maggio 2010 (1 a 0 per la Samp il finale). Sono state, quindi, proprio le confessioni rese da Gianello – ritenute “pienamente credibili” dagli inquirenti – a inguaiare la società, considerata comunque colpevole in nome del controverso principio della responsabilità oggettiva, e i due difensori, rei di non aver denunciato il tentativo di combine.

SE NE RIPARLA FRA TRE GIORNI – Giovedì prossimo il Napoli affronterà il processo d’appello, e la speranza, naturalmente, è quella di ribaltare la sentenza di primo grado. Le ragioni, anche ideali, non mancano. La lettura delle motivazioni della sentenza di primo grado, tuttavia, non inducono all’ottimismo; una frase, in particolare, lascia poco spazio all’immaginazione: “Il principio della responsabilità oggettiva, pur se negli ultimi tempi ha subito una serie di attenuazioni in via applicativa, continua a fondarsi su criteri inderogabili”.

Basteranno le accalorate parole di De Laurentiis (e la perizia degli avvocati) a renderli “derogabili”? Non occorrerà attendere molto per saperlo.

Enrico Steidler

Share Button