Massimiliano Riverso

Wesley Sneijder candidato all’Oscar come migliore attore non protagonista

Wesley Sneijder candidato all’Oscar come migliore attore non protagonista
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

MILANO, 13 GENNAIO – Palacio e Guarin stendono il Pescara di Bergodi nell’anticipo serale delle Serie A, ma il protagonista assoluto resta sempre lui: Wesley Sneijder.

Dal terrazzino dello stadio Giuseppe Meazza il genio di Utrecht assiste serenamente alla vittoria in surplace della banda Stramaccioni.

Ma sarà questa l’ultima apparizione di Wesley Sneijder a San Siro? Difficile dare una risposta visto il comportamento da star di Hollywood dell’attaccante olandese.

L’insaziabile desiderio di avere tutti i riflettori puntati sul suo viso d’angelo si materializza nella breve intervista ai microfoni di Sky: “Va tutto bene, è una decisione non da poco e quindi non è detto che decida entro lunedì. Mancano più di due settimane alla fine del mercato, vedremo…“, questo il commento rilasciato nell’intervallo del match al cronista Nebuloni.

Mi chiedo quale sia il senso di queste dichiarazioni visto che sia l’Inter che l’entourage del giocatore hanno già definito e concluso l’accordo con il Galatasaray. Il suo morboso attaccamento al ‘Dio denaro’ si evince dall’estenuante trattativa con il club ottomano per limare alcuni dettagli sugli introiti degli sponsor. Branca ha gestito nel peggiore dei modi il caso, ma Wes ha fatto del suo meglio per farsi odiare da quasi tutto il popolo nerazzurro.

La sua presenza forzata a San Siro è solo un messaggio subliminale per innescare una diatriba tra tifosi e società, del tipo “Avete visto: sono allo stadio a tifare Inter. E’ stata la società ad escludermi dal progetto Stramaccioni“.  Ma spalmarsi un ingaggio da nababbo per giocare nella squadra che ti ha portato al Triplete è un sacrificio per un calciatore che guadagna oltre sei milioni di euro l’anno? Chissà cosa ne pensano gli esodati e le migliaia di operai licenziati dalle aziende travolte dalla crisi.

A chiudere l’ennesima puntata della telenovela argentina ci ha pensato Lady Sneijder, la conturbante Yolanthe Cabau su Twitter: “Cari followers, ho ricevuto tantissime domande che riguardano la situazione di Wes. Ma io non posso sapere cosa accadrà, solo Dio lo sa e il tempo ce lo dirà. In ogni caso, voglio ringraziarvi tutti per i dolcissimi messaggi che mi inviate. Vi mando tutto il mio amore. Baci“.

Che dire: to be continued.

Share Button