Redazione

Pato: “Non torno al Milan tra due anni”

Pato: “Non torno al Milan tra due anni”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Ieri il Corinthians ha presentato il suo nuovo giocatore

Pato_CorinthiansSAN PAOLO, 12 GENNAIO – Era arrivato al Milan con l’etichetta di giovane più pagato nella storia e con il talento da vendere, doveva essere un giocatore che sarebbe rimasto a lungo con la casacca rossonera, invece vi è rimasto appena 5 anni e negli ultimi due non ha lasciato un buon ricordo di sé e delle sue prestazioni: stiamo parlando di Alexandre Pato. Forse non ha conquistato il cuore di tutti i tifosi, ma uno sicuro l’ha conquistato, quello di Barbara Berlusconi. Nonostante questo però, il Papero ha deciso di ritornare in patria per conquistarsi il Mondiale 2014 che si disputerà in Brasile.

Ed inizia cosi una nuova avventura per Pato, che ieri il Corinthians ha presentato alla stampa. Per prima cosa ha voluto ricordare la sua ex squadra, il Milan: Sono stati 5 anni meravigliosi, ma non si vive col passato. Penso al presente e alla mia nuova avventura”. Si immerge subito in questa nuova avventura con grandi propositi: “Sono nella squadra campione del mondo, chiedo di giocare e dimostrare il mio valore. Ho superato i test medici, le vecchie lesioni sono scomparse. La mia condizione è al 100%. Mondiale 2014? Ora c’è solo il Corinthians“. Silvio Berlusconi aveva detto che Pato sarebbe tornato al Milan tra un paio d’anni. Il Papero risponde cosi: “Ho un grande affetto verso il Presidente, ma ho firmato un contratto di quattro anni, sono felice e voglio fare bene qui”.

Per il Timao, l’acquisto di Pato rappresenta il maggior esborso di denaro compiuto, nella storia del calcio brasiliano, per prelevare un giocatore. Ora il Papero si sente bene, ed assicura che gli infortuni appartengono al passato: Mai stato così bene fisicamente come adesso. Tutti hanno visto gli esami che ho fatto e ora voglio dimostrare il mio valore ai tifosi”. Pato è molto contento di aver scelto il Corinthians: Sono molto felice di stare qui. Sono stato accolto da tutti a braccia aperte. Voglio solo giocare, essere felice. Ora guardo al presente: sono sicuro di aver fatto la scelta giusta e di essere tornato nel miglior team del mondo”. Uno dei motivi che l’ha spinto a scegliere il Timao è stato l’entusiasmo dei tifosi nella finale vinta in Coppa Libertadores contro il Boca Juniors: “Tutto quell’entusiasmo dei tifosi mi ha aiutato molto al momento di fare la mia scelta. Sono sicuro che adesso saro’ felice”. Infine, per evitare a Pato altre sofferenze dovuti agli infortuni, il preparatore del Timao, Julio Stancati, ha affermato: “Abbiamo creato un programma specifico per lui”.

Massimiliano di Cesare

Share Button