Vincenzo Galdieri

Calciomercato Liverpool, certi amori non finiscono: pazza idea Torres

Calciomercato Liverpool, certi amori non finiscono: pazza idea Torres
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

fernando-torres_2320311bLIVERPOOL, 12 GENNAIO – Certi amori non finiscono. Fanno dei giri immensi, e poi ritornano. Lo dice Venditti in una famosissima canzone, l’ha sussurrato Galliani a margine del possibile ritorno di Kaka al Milan ma poi sappiamo tutti come è andata a finire. Stavolta, però, la storia d’amore in questione potrebbe davvero arrivare all’happy ending. Perché in fondo Torres ed il Liverpool non hanno mai smesso di pensarsi intensamente e reciprocamente. E perché mai come adesso stanno scoprendo di avere l’uno bisogno dell’altro. Da quando si sono separati, niente è più stato come prima.

Reds sono crollati nell’oblio della Premier LeagueEl Niño da bomber famelico si è trasformato in campione in perenne crisi d’identità. Le storie a distanza non funzionano, adesso l’hanno capito. Specialmente se a dividere i piccioncini ci sono tanti chilometri ed un contratto multimilionario firmato con un’altra società. Ma il matrimonio di convenienza col Chelsea scricchiola sin dalla prima notte di nozze. Non è bastato l’arrivo di Benitez a consolarlo, Torres a Londra si sente solo. E quel You’ll never walk alone adesso risuona nelle sue orecchie come il più dolce dei richiami, alla stregua d’una colonna sonora degna dei migliori film romantici.

I’LL NEVER FORGET YOU-  Non si sono mai dimenticati, e non si sono mai voluti dimenticare. Torres ed il Liverpool sono legati a filo diretto, non dipende da loro. Sembra un amore voluto dal destino. E’ incredibile il fatto che la loro storia recente si sia intrecciata in questo modo, assumendo per entrambi una connotazione negativa da quando hanno scelto di dividere le proprie strade. Il club che un tempo recitava un ruolo da protagonista in Inghilterra ed in Europa si trova relegato a metà classifica, risucchiato in un vortice di mediocrità sportiva che non si addice affatto alla sua storia. Il bomber invece da cigno si è trasformato in brutto anatroccolostufo della prigione dorata di uno Stamford Bridge col quale non è mai davvero scoccata la scintilla. Se l’affare non fosse complicato com’è, l’impressione è che l’ex Atletico Madrid si presenterebbe ad Anfield già domani. Ma il calcio è fatto anche di soldi e contratti, non soltanto di sentimenti.

DREAMING MERSEYSIDE – Il sogno del ragazzo venuto da Madrid, però, è quello. Vorrebbe tornare nel Merseyside, stando alle indiscrezioni lo avrebbe addirittura rivelato ad alcuni compagni del Chelsea. Che nel frattempo si è cautelato con l’ingaggio di Demba Ba. Ecco, l’acquisto del nuovo bomber potrebbe essere la miccia che innesca la trattativa: Torres non sente la fiducia dell’ambiente e l’arrivo dell’ennesimo concorrente per una maglia da titolare è un segnale importante. Non basta l’affetto di Benitez a scaldarlo, perchè dalle parti di Londra l’allenatore pro tempore – il suo contratto scade nel prossimo giugno e non si sa se verrà rinnovato – sembra l’unico a credere davvero nella rinascita del cannoniere spagnolo. Tradotto in soldoni, se il Liverpool ci prova, qualche possibilità di riuscita c’è. Magari si fa in prestito con diritto di riscatto, perchè concludere affari di tale portata nel mercato di gennaio non è facilissimo. Però una speranza di rivedere il goleador iberico con la maglia che lo ha fatto grande esiste. Lui in cuor suo non aspetta altro, forse. Vuole fare pace con la Kop, esultare ancora una volta sotto la curva che tante emozioni gli ha regalato ed urlare a squarciagola “I’m back”. Torres ed il Liverpool di nuovo insieme, che si prendono sotto braccio per riprendere un cammino interrotto in maniera rocambolesca. Per adesso è soltanto un’ipotesi suggestiva. Ma c’è da scommettere che se dovesse tramutarsi in realtà i due, oltre a ritrovare loro stessi, ritroverebbero il sorriso.

A cura di Vincenzo Galdieri 

Share Button